Democrazia partecipata

Roberto Ortelli,  giornalista italiano che lavora  alla tv svizzera, ex  direttore di Radio Padania, sul voto  ticinese, che i media italiani hanno commentato con furore e digrignando i denti politicamente corretti: svizzeri xenofobi, e via insultando.

Due riflessioni, strettamente personali, su quanto la popolazione ticinese ha legittimamente deciso domenica sono doverose. Innanzitutto, ieri in Ticino non si è tenuto nessun referendum, ma l’elettorato ha deciso, con il proprio voto di modificare la costituzione cantonale, tutelando i propri cittadini, esprimendosi su un’iniziativa costituzionale. Si, perché il CANTONE E REPUBBLICA DEL TICINO ha una propria costituzione, e, in quanto membro di una Confederazione, ha devoluto ad essa, come gli altri 25 cantoni, alcuni poteri. E il popolo può, attraverso il voto, modificare le costituzioni cantonali e federali, cosa che in Lombardia e in Italia non è permesso fare. In Italia, per modificare la costituzione serve il voto di due terzi dei membri del parlamento, la maggioranza assoluta. Se così non fosse, è necessario passare dal voto popolare referendario, quindi su un quesito che hanno deciso e imposto i politici, lasciando al cittadino la sola possibilità di accettare o respingere il testo.

È chiara la differenza. No? In Svizzera e in ogni cantone, il cittadino può proporre e far votare modifiche costituzionali, come ad esempio ha fatto il signor Giorgio Ghiringhelli sul Burqa. In Italia, vi cuccate Renzi, i suoi compagni e suoi potentati lobbistico-finanziari che vi impongono leggi e testi e forse potete decidere se accettarli o meno. Vi è chiara la differenza? Insomma, il Ticino non può battere moneta, non può dichiarare guerra, ma sul suo territorio legifera e regola la vita della società in ogni ambito.

I suoi cinque consiglieri di Stato, il governo ticinese, per capirci, ha molte più responsabilità rispetto alla giunta regionale lombarda, tre volte maggiore in numero di membri rispetto ad esso. E non solo, i 5 Consiglieri di Stato, a turno, ricoprono il ruolo di presidente del governo, a differenza della giunta regionale lombarda, che di presidente ne ha uno, pagato molto bene, come pagati molto bene sono le numerosissime persone che compongono i loro staff. Persone scelte spesso sulla fiducia personale del politico, per non dire altro.

E che dire dei granconsiglieri? Sono 90, dieci in più dei consiglieri regionali lombardi, ma a differenza di questi ultimi, si riuniscono quattro volte l’anno e il loro stipendio annuale è pari a quello mensile di un consigliere regionale lombardo, nonostante, mi ripeto, abbiano molte più responsabilità.

Pensate, che, una volta all’anno, pure la magistratura CANTONALE, deve riferire del proprio operato al gran consiglio. Succede poi, che i politici al comando della Lombardia, che nulla può in casi del genere, essendo solo un’istituzione amministrativa, siano stati anche membri del governo nazionale, come l’avvocato Roberto Ernesto Maroni, che, oltre ad aver distrutto la Lega Nord, mentre altri distruggevano il PDL, ha fatto parte di un esecutivo che tutto ha fatto, tranne che abbattere le tasse e fare ripartire il comparto industriale italiano.

E che fa il politico italiano? Al posto di ringraziare il Canton Ticino per essersi preso in carico oltre 60mila suoi concittadini, purtroppo me compreso, che se non lavorassero oltre confine probabilmente sarebbero oltre 60 mila disoccupati in più, fa la voce grossa, alimentando la voce ignorante che accusa i ticinesi di razzismo e discriminazione verso i lombardi. Venga il signor Maroni a vedere quanto traffico c’è ogni mattina dalle 06 alle 09 e dalle 17 alle 19 sull’autostrada A2 e sulle strade limitrofe. Venga a vedere quanto la Svizzera e il Ticino hanno fatto per l’Italia e l’UE.

Dove trova un paese che distrugge e ricostruisce le sue autostrade per consentire il passaggio di bisonti della strada inquinanti a prezzo stracciato, senza dimenticare gli evidenti problemi ambientali accessori? Dove trova il sig. Maroni una nazione che spende di tasca propria MILIARDI di franchi per traforare le Alpi per fornire ulteriori alternative di trasporto di persone e merci per il sud dell’Europa? Da nessuna parte, caro Roberto Ernesto Maroni.

Il Maroni che conoscevo, faceva parte di un movimento politico autonomista e federalista chiamato Lega Nord, che spesso guardava alla Svizzera pensando a come organizzare la vita sociale dei propri cittadini. Anche la Lega Nord chiedeva che venissero prima i loro nell’assegnare i posti di lavoro, specie nel pubblico. La stessa Lega che per anni ha denunciato come, ad esempio, la RAI, strapagata dal nord, ed è ancora così, ai cittadini del nord non permettesse nemmeno di accedervi, sia per lavorare, sia per essere rappresentati culturalmente.

Perciò, egregio presidente, non si stracci le vesti per nulla. I ticinesi, e gli svizzeri, democraticamente, hanno dato vita a quanto voi avete espresso a strilli e urla per una vita. In casa loro vogliono essere loro a comandare. Come è giusto che sia. Le sue rimostranze, le lamentele dei suoi colleghi politici di professione servono solo a nascondere i vostri fallimenti, evidenziate dalle cifre impietose che impietosamente vi condannano. SESSANTAMILA LOMBARDI costretti dal loro paese ad andare all’estero a cercare lavoro.

Perché voi, contenti voi ogni fine del mese con le vostre laute prebende puntualmente depositate sui vostri conti correnti, di idee per far star meglio le vostre genti, non ne avete nemmeno una. E sui miei colleghi giornalisti non ho nulla da dire. Anch’essi, con il loro operato, si commentano e descrivono da se.

Un’ultima riflessione, personale: sono felice di poter lavorare in Svizzera. Sono estremamente felice di servire i cittadini ticinesi, svizzeri, domiciliati, per i quali cerco di fare il mio meglio nel fornire loro un’informazione corretta e puntuale. Sarei fiero di avere esclusivamente la cittadinanza svizzera e di vivere in Ticino, nel sopraCeneri, ad esempio. E di non avere altri passaporti nella mia tasca. Il destino mi ha beffato per l’ennesima volta: mi ha dato cognomi ticinesi, Ortelli e Noseda, la mia povera mamma, ma per pochi metri mi ha collocato sotto la ramina. E prima di morire, spero di poter correggere questa triste anomalia.

Post scriptum per politici e giornalisti italiani: la nuova norma costituzionale prevede che, in caso di ricerca di manodopera per un posto di lavoro, prima si scelga chi vive in loco. Poi in mancanza d’altro si cerca altrove. Inoltre vieta che, per discriminazione, a un lavoratore indigeno venga imposto il ricatto di ricevere salari più bassi per mantenere il proprio posto di lavoro. C’è altro ancora, e ve lo lascio scoprire da soli, con il vostro carico di saccenza e sicumera. Buon lavoro.

L’articolo ORTELLI: VI SPIEGO COSA E’ IL CANTON TICINO è tratto da Blondet & Friends, che mette a disposizione gratuitamente gli articoli di Maurizio Blondet assieme ai suoi consigli di lettura.

“No-Fly Zone” sulla Siria?

Gli attacchi aerei della coalizione guidata dagli Stati Uniti sulle posizioni dell’Esercito arabo siriano, uccidono 62 soldati. Gli aviogetti della coalizione degli USA hanno bombardato posizioni delle forze governative siriane nei pressi della città orientale di Dayr al-Zur, uccidendo 62 soldati e “aprendo la via” ai terroristi dello Stato islamico, secondo il Comando Generale dell’Esercito arabo siriano. Il bombardamento ha avuto luogo sul jabal al-Thardah, nella regione di Dayr al-Zur, causando vittime e distruzione, riferiva l’agenzia ufficiale siriana SANA. Sessantadue soldati siriani sono stati uccisi e oltre 100 feriti nell’attacco della coalizione degli Stati Uniti, dichiarava il portavoce del Ministero della Difesa russo, Generale Igor Konashenkov, citando informazioni ricevute dal Comando Generale siriano. Il Ministero della Difesa russo ha detto che i velivoli che hanno effettuato i bombardamenti erano entrati nello spazio aereo siriano dall’Iraq. I quattro attacchi sulle posizioni siriane sono stati effettuati da 2 caccia F-16 e 2 aerei d’attacco A-10, aggiungeva. “Se l’attacco aereo è dovuto a coordinate errate degli obiettivi, è una diretta conseguenza dell’ostinata mancanza di volontà degli statunitensi nel coordinarsi con la Russia nelle operazioni contro i gruppi terroristici in Siria”, osservava Konashenkov. Il Ministero della Difesa ha anche confermato un rapporto di SANA secondo cui l’offensiva dello Stato islamico iniziava subito dopo che le posizioni dell’Esercito arabo siriano erano state colpite dall’aria. “Subito dopo l’attacco aereo della coalizione, i terroristi islamici hanno lanciato l’offensiva. Aspri combattimenti con i terroristi sono in corso nella zona dell’aeroporto, dove per lungo tempo gli aiuti umanitari per i civili venivano paracadutati”, ha detto Konashenkov. Il Comando Generale siriano ha definito l’attacco un’”aggressione grave e palese” alle forze siriane, e ha detto che è “la prova definitiva” che gli Stati Uniti e i loro alleati supportano i terroristi dello SIIL. Secondo un comunicato stampa del dipartimento della Difesa statunitense, l’aviazione della coalizione ha effettuato missioni da combattimento a Dayr al-Zur il 17 settembre. “Siamo consapevoli dei rapporti e della conferma da CENTCOM e CJTF (Combined Joint Task Force)”, aveva detto il Pentagono a RT. Il Comando Centrale degli Stati Uniti poi rilasciava una dichiarazione secondo cui non aveva alcuna intenzione di colpire le forze governative siriane presso Dayr al-Zur. “La Siria è una situazione complessa con varie forze militari e milizie nelle immediate vicinanze, ma la coalizione non avrebbe intenzionalmente colpito una nota unità militare siriana”, si legge nella dichiarazione. CENTCOM ha promesso che l’attacco e le relative circostanze saranno riesaminate “per vedere se una lezione si può trarre””.
hasan-m-tarafL’ultima frase dice tutto. Purtroppo ora ci sono rapporti non confermati su più di 80 soldati siriani uccisi e sull’offensiva dello SIIL sulle posizioni in cui l’Esercito arabo siriano è stato colpito forzandolo a ritirarsi dalla regione. L’attacco appare una rappresaglia dei militari statunitensi, dei sauditi e di Obama contro Putin. La risposta del Ministero degli Esteri russo è stata potente richiedendo la riunione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite su questo tema, dichiarando quanto segue (via ITAR-TASS): “La Russia conclude che gli USA difendono lo SIIL, Ministero degli Esteri. Gli attacchi aerei USA all’Esercito arabo siriano portano alla conclusione che Washington difende lo Stato islamico (organizzazione terroristica vietata in Russia), dichiarava a Rossija 24 la portavoce ufficiale del Ministero degli Esteri russo Marija Zakharova. “Se in precedenza avessimo avuto sospetti che gli USA difendono Jabhat al-Nusra (organizzazione terroristica vietata in Russia) ora, dopo gli attacchi aerei di oggi all’Esercito arabo siriano, arriviamo a una conclusione inquietante, la Casa Bianca difende lo SIIL”, aveva detto Zakharova. “Se è così, allora è questo il motivo per cui gli Stati Uniti non vogliono rendere pubblici gli accordi russo-statunitensi sulla Siria”, continuava. “Chiediamo spiegazioni a Washington, se questa sia una politica deliberata o un errore”, osservava. Secondo il Comando delle forze del governo siriano, 62 militari sono stati uccisi e altri 100 feriti nell’attacco aereo nei pressi della città di Dayr al-Zur. Il portavoce ufficiale del Ministero della Difesa russo Igor Konashenkov aveva dichiarato che il 17 settembre “alle 17:00-05:50 nei pressi dell’aeroporto della città di Dayr al-Zur (Siria), velivoli della ‘coalizione anti-SIIL’ (2 F-16 e 2 A-10) avevano effettuato quattro raid aerei sulle unità governative siriane circondate dai gruppi terroristici dello Stato islamico”, osservava Konashenkov”.
I convenevoli diplomatici e altro che avranno luogo non sono che tempo preso dai russi per accelerare i rinforzi in Siria e Iran. A meno di un annuncio del ritiro delle forze statunitensi dalla Siria e della fine delle operazioni aeree nello spazio aereo siriano, credo che i russi sveleranno il bluff di Obama, umiliandolo nel modo più decisivo: il 18 settembre sera (19 mattina in Siria) il Ministero della Difesa della Federazione Russa dichiarerà la “No-Fly Zone” per gli Stati Uniti sulla Siria consentendo le operazioni solo all’Aeronautica turca nel nord del Paese. Questo significa che non ci saranno più operazioni di droni che permettano agli USA di raccogliere informazioni su al-Qaida (Nusra) in Siria, e neanche sulle forze dello SIIL. Significa anche che se il personale degli Stati Uniti non viene ritirato in questo frangente, la Russia annuncerà che sarà considerato nemico combattente dai governi russo e siriano. La prossima mossa ricadrà sulle spalle di un immaturo ed irrazionale presidente vacillante, dalla politica estera totalmente fallita e dall’ignoranza sul Medio Oriente patetica, anche per gli standard dell’istruzione pubblica degli Stati Uniti. Se il suo ego decide di testare la volontà russa, il mondo potrebbe vedere aerei statunitensi abbattuti dai missili terra-aria S-400 russi o, peggio, da altri aerei russi. Comunque, è su una strada che terrorizzerebbe qualsiasi individuo sano di mente.

https://aurorasito.wordpress.com/2016/09/18/la-russia-imporra-una-no-fly-zone-alle-forze-degli-stati-uniti-sulla-siria/

Il Gruppo di Visegrad per la revisione dei trattati

Secondo quanto riferito dall’Ansa, il blocco di paesi appartenenti gruppo di Visegrad (Ungheria, Polonia, Repubblica Ceca e Slovacchia), sotto la guida del premier ungherese Victor Orban, intendono mettere sul tavolo del vertice informale di Bratislava dell’Ue a 27, la revisione dei Trattati dell’Unione Europea. L’obiettivo è dare agli stati membri più potere diminuendo il ruolo della Commissione. In una parola ritorna in modo prepotente la questione della sovranità degli Stati nazionali che l’oligarchia dei burocrati della UE cerca in tutti modi di abolire. L’ultimo tentativo di mediazione, per disinnescare il rischio di un duro confronto tra i 27, ci sarà stasera in un incontro tra Tusk, Juncker, Schulz e il premier slovacco Fico che ha la presidenza Ue di turno. La questione dirimente è quella di come affrontare l’ondata migratoria che rischia di travolgere l’Europa. Il capo di gabinetto del premier ungherese Viktor Orban, Janos Lazar, ha spiegato che “il futuro dell’Europa sarà deciso sul confine bulgaro-turco. “Obiettivo di questa azione comune sarà quello di rafforzare la legittimità delle nazioni in Europa”, ha aggiunto Lazar. Si approfondisce, dunque, la spaccatura a pochi giorni dal vertice con i paesi dell’Est che puntano i piedi e fanno blocco comune. A Bratislava, il prossimo Venerdì, si terrà un vertice per la prima volta in assenza della premier inglese Theresa May, visto che, con il Brexit, la Gran Bretagna si è di fatto tirata fuori dall’Unone. Questo summit, che sarà l’evento culminante della Presidenza slovacca del Consiglio dell’Unione europea, avrà poi la sua continuazione durante il semestre di presidenza di Malta, al vertice di La Valletta e il processo che inizierà a Bratislava dovrebbe culminare nel 2017 per le celebrazioni del 60° anniversario dei Trattati di Roma che hanno istituto l’Unione (allora chiamata CEE, Comunità Economica Europea). I 27  leader europei arrivano divisi su molti punti importanti e con una frattura interna – tra i quattro del gruppo di Visegrad (Polonia, Ungheria, Repubblica Ceca e Slovacchia) e gli altri – nata sulla crisi dei migranti che rischia di essere il punto di rottura e di rendere molto difficile qualsiasi forma di accordo. Da parte sua, il capo del Consiglio UE, Donald Tusk aveva dichiarato qualche giorno fa che l’evento di Bratislava arriva in «un momento critico per l’Europa», con la crisi migratoria, le conseguenze politiche della Brexit, e le preoccupazioni della gente in Slovacchia, Polonia, Belgio e ovunque in tutta Europa, che si aspettano che dopo il vertice di Bratislava l’UE garantisca stabilità, sicurezza e protezione, nel senso più ampio del termine, inclusa la protezione sociale ed economica». Egli ha aggiunto che prima del vertice parlerà con ognuno dei leader dell’UE. Sarà difficile contemperare le esigenze dei vari paesi in nome di una presunta coesione dell’Unione che di fatto risulta quanto mai spaccata e divisa sui temi più importanti.

EUROPA: il gruppo di Visegrad chiede la revisione dei trattati UE

Il fattore curdo

Christof Lehmann, New Eastern Outlook 11/09/2016kurdistan_mapPartiti e militanti curdi, e loro alleanze, sono divenuti i fattori principali nei teatri siriano, iracheno e turco. Anche se i curdi sono stati un fattore regionale significativo dalla metà degli anni ’80, il loro ruolo nella regione è diventato importante nel 2015 e sempre di più dal tentato golpe militare in Turchia il 15 luglio 2016. L’articolo tenta di analizzare l’intelligence disponibile per avere una prospettiva su una situazione confusa e avvolta nella disinformazione.

Gli attori principali
Il Partito Democratico del Kurdistan (KDP) nella semi-autonoma regione a maggioranza curda del nord dell’Iraq e i peshmerga. Il Partito dei lavoratori del Kurdistan turco (PKK), comprese le ali politica e militare. Il gruppo scissionista dal PKK dei Falchi della libertà del Kurdistan. Il Partito dell’Unione democratica della Siria (PYD) e l’ala militare YPG e quella femminile YPJ. Le YPG/YPJ costituiscono la maggior parte delle forze che combattono sotto la bandiera delle cosiddette Forze Democratiche siriane (SDF) comprendenti anche combattenti di altri gruppi etnici, tra cui armeni. Il governo del KDP nel nord dell’Iraq, guidato da Masud Barzani, così come i peshmerga, dal rovesciamento del governo iracheno di Sadam Husayin sono sostenuti da Stati Uniti e diversi altri Stati membri di UE e NATO. Il governo regionale del KDP è stato anche uno dei primi beneficiari del contrabbando dello Stato Islamico del petrolio siriano spacciato dal nord dell’Iraq alla Turchia nel 2013-2016. È interessante notare che tale business ha indebolito il governo federale iracheno di Baghdad e il governo siriano di Damasco, ricevendo una spinta significativa dopo che l’Unione europea, nell’aprile 2013, revocò il divieto d’importazione di petrolio siriano dai “territori dei ribelli”. A metà agosto 2016, Masud Barzani osservò che l’indipendenza del Kurdistan era l’unica opzione rimasta. L’Iran, dall’invasione dell’Iraq dello SIIL nel 2013, si avvicinò provvisoriamente all’amministrazione KDP e in qualche misura coordinò i peshmerga e la milizia popolare irachena, addestrata dagli iraniani, nella lotta allo SIIL. Il sostegno statunitense, europeo e turco al KDP ha diversi obiettivi strategici. La destabilizzazione del governo federale dell’Iraq e la divisione dell’Iraq in tre Stati. La strategia della NATO mira a sfidare la Russia e l’influenza russa dal Mediterraneo orientale, lungo il relativamente molle e ricco fianco meridionale della Russia, al Pakistan.
kurdish-population-mapIl Partito dei Lavoratori del Kurdistan della Turchia (PKK) iniziò l’insurrezione armata contro lo Stato turco nel 1984. Cioè, prima della fine della guerra fredda e dell’Unione Sovietica. La lotta del PKK fu lanciata con l’obiettivo di creare uno Stato curdo indipendente. La filosofia politica non è dogmatica o settaria, ma socialista democratica. Il PKK sin dall’inizio fu sostenuto dall’Unione Sovietica e continua a godere della buona volontà della Russia, anche se il supporto non è palese. Come nota storica va ricordato che il SIPRI riferì che la Germania, dopo la riunificazione, offrì blindati e armi pesanti tedesco-orientali alla Turchia, a condizione che venissero usati solo contro il PKK. Logica e strategia dell’alleanza di Mosca con il PKK erano che potesse operare come versione sovietica/russa di ciò che la NATO chiama “Stay Behind“. Il PKK poteva, in altre parole, essere utilizzato per sfidare o contenere la NATO e la Turchia in caso di conflitto. L’ex-capo dell’intelligence militare turca Haki Pekin e altri ultranazionalisti turchi dichiararono all’autore che il PKK è “un agente di Stati Uniti ed Israele” e collabora con il governo dell’AKP e gli Stati Uniti per “balcanizzare” la Turchia. L’autore, tuttavia, non vide alcuna prova che giustificasse tale affermazione. E’ inoltre sempre consigliabile essere consapevoli che “gli ex-capi dell’intelligence” ed altri, hanno spesso un ordine del giorno riservato che decide quali informazioni divulgare e quando. Il generale (in pensione) Pekin e altri ultra-nazionalisti turchi erano fortemente contrari ai colloqui di pace del governo dell’AKP con il PKK, interrotti nel luglio 2015. Un altro pezzo interessante dell’intelligence sono dei documenti che l’autore ha recentemente ricevuto, che dimostrano che il governo federale dell’Iraq ha diverse centinaia di combattenti del PKK a libro paga e che combattono per 1000 dollari USA al mese. Tali documenti appaiono, per quanto l’autore può discernere, autentici ma è difficile ed estremamente costoso verificarli in modo indipendente. La fonte di questi documenti pretende che Baghdad sostenga i combattenti del PKK nel nord dell’Iraq per indebolire l’influenza di Masud Barzani, KDP e peshmerga. Tale politica sarebbe plausibilmente e coerente con gli interessi di Mosca e Teheran, ma è importante distinguere tra intelligence ed analisi.
I Falchi della libertà del Kurdistan è un’organizzazione scissasi dal PKK protesa su piccoli attacchi ed attentati. Le risorse sono molto limitate e conterebbe un massimo di 200 militanti. L’organizzazione è, secondo fonti turche, infiltrata e in parte controllata da intelligence turca e della NATO, utilizzata per screditare PKK e HDP. Attacchi relativamente minori attribuiti a tale organizzazione furono più volte utilizzati come pretesto per le operazioni militari turche nel sud-est della Turchia e nella repressione dei sostenitori della causa curda nella politica turca.

PYD, YPG, YPJ e SDF
Il Partito dell’Unione Democratica della Siria (PYD) risale pure alla metà degli anni ’80. Il PYD e le ali militari YPG ed YPJ sono alleati tradizionali del PKK. PYD e PKK condividono l’approccio non dogmatico al socialismo democratico. Va notato che il governo siriano del partito Baath di Damasco non ha mai “approvato” il PYD, ma il nesso PYD-YPG-YPJ faceva parte della “strategia del contenimento” di Mosca e Damasco verso Turchia e NATO. Va inoltre notato che le relazioni tra PYD e KDP iracheno, nonostante una cooperazione pragmatica occasionale, sono tese come quelle tra PKK e KDP. I rapporti tra il governo del partito Baath a Damasco e il PYD si sono guastati dopo che le YPG/YPJ hanno ricevuto aiuti, consiglieri militari dalle forze speciali e “volontari” dagli Stati Uniti, e il PYD indicava l’obiettivo di costruire uno Stato indipendente nel nord della Siria. La Russia, da parte sua, riconosce YPG/YPJ e Forze Democratiche siriane come tra i combattenti più efficaci contro lo Stato Islamico (SIIL) sul confine turco-siriano. Mosca ha ripetutamente chiesto l’inclusione dei curdi nei colloqui di Ginevra sulla Siria. Il governo dell’AKP turco denuncia PYD e militanti come terroristi alleati del PKK e si oppone con forza alla loro presenza sul confine meridionale della Turchia. Fonti sul terreno nel nord della Siria hanno riferito all’autore, giorni prima dell’invasione turca di Jarablus in Siria, che i combattenti dello SIIL si stavano ritirando. Le informazioni ricevute dopo l’invasione della Turchia con la presenza di unità dell’esercito libero siriano (ELS) indicano che esercito turco ed ELS, difatti, combattono le forze curde piuttosto che lo SIIL.

Nebbia di guerra e diritto
Inutile dire che la situazione dei partiti curdi nella regione è complessa. Opportunismo e realpolitik creano i compagni di letto più strani. Va notato che i curdi sono il maggiore gruppo etnico-nazionale senza Stato. Ci vorrebbe un altro articolo per spiegare la situazione dei curdi e le loro aspirazioni all’indipendenza dal punto di vista del diritto internazionale. In breve, il discorso curdo contrappone il diritto internazionalmente garantito dell’auto-determinazione al principio altrettanto valido del diritto all’integrità territoriale. Semplicemente la Dichiarazione dei principi dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite del 1970 prevede che entrambi i principi siano ugualmente validi, ma che non vanno attuati se si violano mutuamente. In termini pratici, ciò significa che i curdi dipendono dai cinque membri permanenti del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite (P5) che hanno il mandato, nonché l’obbligo, di risolvere la questione della sovranità e dell’autodeterminazione curde contro l’integrità territoriale di Turchia, Siria, Iraq e Iran. Il problema è che gli attori del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite usano da sempre i curdi come pedine geopolitiche. Detto ciò, chi potrebbe biasimare i partiti curdi per le alleanze opportuniste dettate dalla realpolitik, e per la lotta condotta con tutti i mezzi e “partner” presunti disponibili, per raggiungere un obiettivo strategico di lungo termine.
kurdistan_workers_partyDr. Christof Lehmann è un consulente politico indipendente su conflitto e loro risoluzione. Fondatore e caporedattore di Nsnbc, in esclusiva per la rivista online “New Eastern Outlook“.
Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora
Archiviato in:Covert Operation, Geopolitica, Imperialismo Tagged: agenti d’influenza, Ankara, Asia del sud-ovest, Asse della resistenza, asse della speranza, asse sciita, Baath, black operation, colonialismo, commando, commandos, covert operation, Covert Operations, curdi, Forze speciali, gasdotto, geo-influenza, Geoeconomia, geoinfluenza, Geopolitica, Geostrategia, Golfo Persico, Grande Medio Oriente, guerra a bassa intensità, guerra asimmetrica, guerra coperta, guerra d’influenza, guerra d’informazione, guerra d’intelligence, guerra di 4.ta generazione, guerra per procura, guerra psicologica, Imperialismo, Impero Russo, infiltrazione, intelligence, intelligence russa, invasione, invasori, Iran, Iran-Iraq-Siria, Kurdistan, Kurdistan Regional Government, Kurdistan Workers Party, mass media, Medio oriente, medioriente, missioni segrete, Mosca, neo-ottomanesimo, neo-ottomanismo, neocon, neoconservatori, neoimperialismo, operazioni coperte, operazioni occulte, operazioni speciali, Partito comunista dell’Unione Sovietica, PKK, Politica della difesa, politica della sicurezza, politica internazionale, politica regionale, psy-op, psy-ops, psy-war, psywar, Repubblica Islamica Iraniana, Russia, servizi di sicurezza, servizi segreti, sfera d’influenza, Siria, sovranismo, sovranità, sovversione, sovversivismo, spionaggio, Stati Uniti, strategia, Teheran, Tehran, terrorismo, Turchia, Unione Sovietica, URSS, USA, vicino oriente

La sorpresa

Abbiamo già parlato del fatto che è già successo che alle presidenziali USA un evento inaspettato, ad ottobre, cambiasse le carte in tavola; tanto più probabile quest’anno per sventare la “minaccia” Trump.

Sembra che qualcuno stia cominciando a pensarci seriamente:

“Come si dovrebbe sapere, il presidente Usa non è eletto dal “popolo americano”. E’ eletto da un collegio di 538  ‘grandi elettori’ scelti stato per stato;  sono quelli, non il candidato,  che il popolo vota il 7 novembre.  Ora, il giurista dice che:  il senato di ogni stato può decidere come gli pare la selezione della sua quota di ‘grandi elettori’,anche senza voto popolare.

E tutto questo è perfettamente legale in base alla Costituzione Usa, che infatti dimostra di essere concepita per l’oligarchia, e la sua perpetuazione.

Se avverrà, ci saranno insigni giuristi che lo spiegheranno: il Collegio dei 538, scelti  come vogliono i senati di ogni stato,  si è riunito ed ha scelto il presidente,  così di botto; e non ha violato la Costituzione.  Del resto uno dei candidati è morto “troppo sotto” la data delle elezioni, che volete farci? E’ una di quelle situazioni in cui “il fatto che abbiamo un Collegio Elettorale e non l’elezione diretta, si dimostra d’aiuto”.

Il bello è, che rivela US & World Report, è che “alcuni” hanno  già consultato i giuristi per questa imprevista evenienza, “se le teorie cospirative diventano predittive” e uno dei candidati – quello che loro detestano – muore. Se muore in una  data scomoda (o opportuna) per una soluzione d’emergenza.

Il seguito dell’articolo rivela  fino a che profondità questa possibilità è stata esplorata dagli  ’Alcuni’

“Entrambi i maggiori partiti hanno, ovviamente, regole interne per il rimpiazzo del  ticket presidenziale, e il  Congresso ha il potere di cambiare la data dell’elezione in base all’articolo II della Costituzione […] Ma il Congresso si troverebbe a fronteggiare una scadenza di fatto a dicembre, visto che il 20mo emendamento della Costituzione esige  che i termini per il Congresso scadano il 3 gennaio e i termini per la presidenza,  il 20 gennaio”.

Infatti, insieme al presidente, gli “americani” eleggono  a novembre anche  la Camera bassa, e un terzo del Senato. Ci sono problemi tecnici;  si rischia di non avere un apparato legislativo legalmente in carica per proclamare il presidente scelto dai 538 dopo la morte di uno dei candidati.

Ma al di là delle tecnicalità, si colga il senso della domanda: qual è la data più opportuna perché il Candidato muoia? Che non sia troppo presto  ma nemmeno troppo avanti, per  far votare dal Collegio un candidato a sorpresa, uscito dal cappello di Alcuni  maghi, con l’apparenza della legalità?

“La democrazia americana – commenta il settimanale – avrebbe un terreno nuovo se Hillary Clinton o Donald Trump lasciassero un vuoto nel ticket presidenziale prima dell’elezione generale  dell’8 novembre”.

E non basta. Il pezzo prosegue, mostrando che sono state valutate le soluzioni legali più insolite e di scuola:  che  sono andati a cercare articoli antichi su riviste di diritto perlomeno secondarie.

http://www.maurizioblondet.it/usa-ci-pensano-seriamente/

Germania ubermacht

German-ubermachtQuest’ultima ora da un lato è il paese più direttamente e tecnicamente controllato da Washington, anche attraverso il giuramento di fedeltà agli USA che ogni cancelliere tedesco presta prima di assumere l’incarico (la Kanlzerakte, introdotta con trattato segreto il 21.05.49 valido fino al 2099); dall’altro lato, si comporta nei confronti dei paesi più deboli, con la sua storicamente costante, aggressiva prepotenza, saccheggiandone le risorse finanziarie e industriali, soprattutto attraverso i prestiti predatori, appoggiata spesso dalla Francia, come ha fatto clamorosamente con Grecia, Spagna, Portogallo, Irlanda e Italia. E arrivando persino a cambiare i governi di alcuni di questi paesi. „Erneut zerstört eine deutsche Regierung Europa“, ossia “Nuovamente un governo tedesco distrugge l’Europa”, titola il 13.07.15 in prima pagina Handelsblatt, omologo tedesco de Il Sole 24 Ore, nella sua edizione online (il primo fu il governo Bethmann-Hollweg nel 1914-18, il secondo il governo Hitler nel 1938-45, il terzo il governo Merkel, oggi); e mette in bella mostra gli elmi chiodati del II Reich che distrusse l’Europa (e consentì l’egemonia degli USA) scatenando la I Guerra Mondiale, e scatenandola nel modo più sporco: l’invasione del Belgio neutrale, le stragi di civili innocenti, la distruzione gratuita di centri urbani, l’uso massiccio dei gas mortali.

Marco Della Luna estratto da http://www.controinformazione.info/ventotene-sogno-federale-imperialismo-reale/

Nota: leggi anche https://terzapaginainfo.wordpress.com/2016/06/04/il-cuore-di-tenebra-del-modello-tedesco/

Youngstown

Nella canzone di Springsteen “Youngstown”, il narratore, operaio lasciato a casa, spera in un futuro non in paradiso, ma nelle “fornaci ardenti dell’inferno.” Il personaggio è stato ispirato, in parte, da una operaio metalmeccanico realmente esistente, Joe Marshall Jr., di cui Springsteen aveva letto in un libro.
Oggi Joe Marshall, un uomo piccolo e robusto, che sabato compirà 63 anni, si trova a Columbus, dove vive in un appartamento da 500 dollari al mese, e riceve una pensione statale piena. Dopo che l’industria siderurgica è crollata, ha dedicato il resto della sua vita a far rispettare la legge. È un ardente sostenitore di Trump.
«Dice ciò che la persona media ha paura di dire, perché è politicamente scorretto”, dichiara Marshall a proposito di Trump.
Marshall ha lavorato nell’ufficio dello sceriffo della contea di Mahoning per 23 anni, in carcere e in pattuglia – un posto in prima fila, ha detto, per osservare il drammatico declino della città. Ha potuto vedere lo svuotarsi delle classi medioalte, e come il colore della pelle della città è cambiato: Youngstown, che aveva il 74 per cento di bianchi nel 1970, è ora divisa circa a metà tra neri e bianchi.
È arrivata la droga, racconta. Il tasso di omicidi ha spiccato il volo. I giovani mollavano la scuola a 15 anni, dice Marshall, perché non riuscivano a vedere alcuna possibilità di lavoro dopo il diploma.
“Dove devono andare, da Taco Bell?”, domanda. “Ma quello è un lavoro a salario minimo””
Sette anni fa se ne è andato, accettando un lavoro da agente di custodia.
Oggi le sue opinioni politiche sono eclettiche. I democratici, ha detto, “hanno deluso Youngstown”.

http://vocidallestero.it/2016/08/31/trump-un-eroe-della-classe-operaia-una-citta-di-colletti-blu-ne-discute/