Malthus reloaded

Il pensiero di Malthus è quello di una ristretta oligarchia che, sentendosi soverchiata dall’impetuoso sviluppo economico e demografico che la circonda, si pone come obbiettivo quello di soffocare il progresso umano, così da conservare intatti i suoi privilegi ed il suo potere. Il pensiero di Malthus e quello neomaltusiano sono l’anima più profonda delle élite massonico-finanziarie, il cui oscurantismo è più intellegibile che mai oggi, che si assiste al dilagare della guerra in Medio Oriente, dello stragismo di Stato in Occidente e dello scientifico impoverimento della popolazione a vantaggio di quello sparuto nucleo di finanzieri che controllano le banche centrali.

Nell’opera “Esame sommario del principio della popolazione” del 1830, Malthus descrive i metodi con cui è possibile contenere la crescita demografica. Esistono, secondo l’economia inglese, tre freni: costrizione morale, vizio e miseria. Con la prima, Malthus invoca lo smantellamento del miserrimo Stato sociale inglese allora vigente (“the Poor Law”) e la negazione del diritto al lavoro, cosicché le famiglie, senza reddito o con salari miserrimi (suona famigliare?) procrastino il più possibile il concepimento dei figli; con il “vizio” Malthus intende la diffusione della corruzione morale, dell’omosessualità e dei rapporti “sterili”; con la “miseria” si intende infine il degrado delle condizioni di vita, le epidemie, “gli eccessi di tutti i generi” e la guerra, utili a contenere la crescita della popolazione.

Leggere qualche passo di Malthus è illuminante e consente di capire i veri obbiettivi che si nascondono dietro il neoliberismo e le politiche di contorno, dalla diffusione dell’omosessualità alla depenalizzazione delle droghe17:

“Si può di conseguenza affermare che in tutti i paesi ove le entrate annuali delle classi lavoratrici non siano sufficienti per allevare in piena salute le famiglie più numerose, la popolazione è effettivamente frenata dalla difficoltà di procurarsi i mezzi di sussistenza (…) I restanti freni del tipo preventivo sono: il tipo di rapporto che rende sterili alcune donne delle grandi città, una corruzione generale della moralità relativa al sesso, che ha effetti analoghi; le passioni innaturali e le arti improprie che impediscono le conseguenze di relazioni irregolari (…) Si rivela perciò necessario ricorrere soprattutto al maggiore o minore numero di persone che non si sposano o si sposano tardi; ed il ritardo del matrimonio dovuto alla difficoltà di provvedere ad una famiglia (…) può essere utilmente definito la costrizione prudenziale agente sul matrimonio e sulla popolazione”.

 

estratto da http://federicodezzani.altervista.org/crisi-demografica-oltre-alleuro-dentro-il-pensiero-neomaltusiano/

One thought on “Malthus reloaded

  1. In una parola l’esaltazione di una società multiculturale aperta dove le culture originali vengono omologate e scompaiono per dare luogo ad una unico costume, standardizzato e ibrido imposto da modelli esterni creati artificialmente e scollegati da ogni riferimento locale e storico dei popoli . In sintesi si tratta di un processo di “deculturizzazione” delle popolazioni originarie che viene attuato anche con la diffusione dei surrogati della cultura quali il divertimento di massa e le mode importate d’oltre oceano. Quando questa influenza ha effetto, un popolo inizia a rinnegare la propria identità disprezzando la stessa come banale o sorpassata o anacronistica e preferendo sostituire questa con tutti i modelli importati estranei alla propria cultura. Nel momento in cui si entra in questa fase, inevitabilmente inizia la decadenza della civilizzazione di una nazione e si troveranno altre popolazioni interessate ad entrare nel loro territorio, popolazioni caratterizzate da una cultura forte e da una propria decisa identità, che, una volta entrate in massa in quella nazione tenderanno a sostituirsi ed a imporre la propria cultura con le buone o le cattive , rivendicando, in modo strumentale, il proprio diritto in nome del rispetto e della tolleranza, celando la propria determinazione ad imporsi sulla cultura debole, in nome di regole e credo religioso ritenuto superiore o di discendenza divina. Questo descritto è un processo molto diffuso ed in pieno svolgimento presso gli europei di razza bianca, i quali hanno accettato di smontare poco a poco la loro civiltà per aprire all’avvento di nuove culture estranee, quella islamica ed arabo mussulmana in particolare, senza valutarne i pericoli ed i rischi di essere soggiogati nel tempo in nome di un preteso Nuovo Ordine Mondiale.
    http://www.controinformazione.info/il-multiculturalismo-come-ripudio-delle-identita-culturali-dei-popoli-a-favore-della-loro-sostituzione/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.