Ricominciamo da noi

“La Francia  negli ultimi due decenni ha comprato talmente tante società da diventare il Paese europeo che avrebbe più da perdere in caso di crollo economico-finanziario italiano. La dimensione delle acquisizioni e dell’intervento francese in Italia è stato così grande in termini dimensionali e così sbilanciato da determinare una situazione che avrebbe eguali sono nei casi di ex-colonie. L’Italia ha scelto di farsi comprare convinta che legandosi alla Francia avrebbe maggiore riparo in sede europea; oggi la Francia non può augurarsi un fallimento dell’Italia: telecomunicazioni, media, banche, assicurazioni, energia, industria, lusso, alimentare… non c’è un settore in cui non faccia capolino una società francese con ruoli di rilievo. Comprare o fondersi con la principale banca italiana non può essere un caso, soprattutto in una fase così delicata per l’economia italiana. Bisogna quindi chiedersi perché incrementare l’esposizione in Italia e perché oggi”.

Ora si capiscono meglio tutte quelle Legion d’Onore sparse a piene mani sui petti dei nostri piddini e  governanti  ed esponenti del nostro Deep State, ovviamente “democratico”. Qui sotto per l’elenco:

QUINTE COLONNE?

https://www.maurizioblondet.it/quinte-colonne/embed/#?secret=TrL1CBiQ9F

Ora, il nuovo governo può e deve proibire questa fusione sulla base dell’interesse strategico nazionale.
Per giunta, Macron è politicamente alle corde.  Un suo ministro,  Nicolas Hulot dell’ecologia, s’è dimesso sbattendo la porta ha annunciato la sua dimissione in tv, senza consultare l’Eliseo);
i risultati economici del “macronismo” sono disastrosi.
“La Francia registra il calo della disoccupazione più basso d’Europa.  Il miracolo produttivo non s’è verificato.
La produzione industriale del paese è aumentata dello 0%  da settembre 2017, in confronto all’1,7 della Germania e al 5% della Svezia. La perdita di competitività continua, il debito è ormai il 100 % in rapporto al Pil,  quest’anno il paese sforerà  il limite di deficit del 3% (inutile ma necessario per farsi stimare da Berlino), la Francia è deficitaria per 50 miliardi delle partite correnti verso gli altri paesi dell’UE, anche verso l’Italia. Fra aumenti delle imposte e rincari (2,6 di aumento  dle costo della vita, solo Romania e Bulgaria fano peggio) Macron è riuscito a ridrre il potere d’acquisto dei lavoratori in pensione del 10% in due anni, un record”.
Inoltre, “le riforme di Macron non sono strutturali, non modernizzano il paese”.
Un po’ di titoli a caso, di media economici o di blogger:

Budget 2019: pitoyable défaite

(Budget 2019, pietosa disfatta, BFM)

“Improvvisazione politicante che mira a inventare una ppolitica del potere d’acquisto e  mancano di rigore intellettuale  (Le Journal du Dimanche)

Crise de l’immobilier, crise de sens, crise de la raison et de l’intelligence

(crisi dell’immobiliare, crisi di senso,  crisi della ragione e dell’intelligenza)

“La classe politique n’a pas conscience du désastre dans lequel notre patrimoine est plongé»

“La classe politica non ha coscienza del disastro in cui il nostro patrimonio è affondato”  (Figaro)

Secondo Michel Geoffroy, autore di La Super-classe mondiale contre les peuples ♦ (quindi sovranista),  il clima prevalente oggi è una sorta di rassegnazione tragica . “La Destra è in coma profondo.  A sinistra, i sindacati non riescono a mobilitare: gli si risponde, “a che serve?”. A che serve, perché Macron dispone di tutti i poteri. Gode del sostegno dei media, delle lobbies,  della Davos-crazia. I suoi deputati senza esperienza votano a catena tutti i progetti di legge che presenta il governo, stakanovisti del voto.  Persino gli alti funzionari [una istituzione-pilastro  de la République] assistono senza reagire alla decostruzione sistematica dello Stato repubblicano e presto alla loro propra scomparsa, perché il governo promette di sostituirli  con precari a contratto reclutati sul  mercato”.

Ma allora tutto è passività e rassegnazione? No. “Questo silenzio apparente della Francia nasconde una collera fredda e  una rottura abissale  tra il paese reale e il paese legale, come fra occupanti ed occupati“.  Geoffroy compara l’ggi al  “1940, dopo il collasso di giugno dell’armata,  quando la Francia sbalordita dalla  vergogna e dalla disfatta, non sapeva più che fare, dava fiducia al mareciallo Pétain”….Come allora, però, Macron opera come un agente della Germania.  “il suo Potere dà la caccia alla dissidenza, i suoi sbirri associativi la denunciano alla polizia, la trascinano nei tribunali, la censurano sui social – secondo le procedure repressive usate al di là del Reno, perché ancora come allora, Macron è a rimorchio della Germania”.

A questo punto?

“Come nel 1940,  il Potere non si rende conto che la dissidenza progredisce nei cuori.  Il caos migratorio sta risvegliando a poco a poco l’Europa. un grande  movimento storico prende forma. Come nel ’40, il Potere  si illude di mantenerne estranea la Francia”.   Questa rassegnazione sembra a Geoffory un annuncio della rivolta.

Esagera? Ma   lo stesso Macron sembra aver avvertito   qualcosa, se   ha diffuso questo stupefacente messaggino:

“coloro che credevano all’avvento di un popolo mondializzato si sono profondamente ingannati.  Dovunque nel mondo l’identità dei popoli è tornata.  Ed è in fondo una buona cosa”.

https://www.maurizioblondet.it/non-regalate-unicredit-a-macron-proprio-ora-e-alle-corde/

2 thoughts on “Ricominciamo da noi

  1. E nessuno che vi ricordi: la Francia non ha nulla di simile alla nostra industria robotica. In questo settore avanzato la Francia non esiste proprio, non ha tanta forza industriale avanzata; anche Macron sforerà il 3%, anche lui ha ormai un rapporto debito/pil del 100 per cento, è da anni in deficit commerciale (mentre noi siamo in attivo), ha una economia che grazie alle sue “riforme” sta crollando – eppure lo spread dei titoli di Stato francesi è 35. Puramente assurdo, non foss’altro perché la Francia di Macron ha oggi un’inflazione del 2,6% (Italia, 1%) e quindi i rendimenti chiesti dal mercato dovrebbero almeno essere superiori all’inflazione, vicini dunque al 3% in più.

    Noi 300 e loro 35 rispetto ai Bund germanici. Significa, come ricorda Claudio Borghi, che “i mercati” in caso di uscita dall’euro considerano l’Italia più “rischiosa” (ossia prossima alla default sul debito, o che svaluterebbe la lira in modo spaventoso per i detentori esteri), e la Francia più “sicura”.. Ciò è l’esatto contrario della verità: “Dato che l’euro non sopravviverebbe all’uscita dell’Italia”, il franco francese svaluterebbe di più rispetto alla lira. Se poi Macron volesse restare aggrappato all’euro diventato neo-Deutchmark, e rivalutato di colpo del 20-30 per cento, l’economia francese semplicemente collasserebbe. Mentre la nostra, con la lira, avrebbe un boom.
    https://www.maurizioblondet.it/gli-irresponsabili-che-distruggono-litalia-migliore/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.