Libia, la guerra continua

Il Supremo Consiglio delle tribù e città libiche nella regione occidentale dichiarava che “ciò che accade nella capitale Tripoli negli ultimi 8 anni non è altro che ingerenza delle milizie e del loro controllo sulle articolazioni dello Stato, con l’aiuto dei terroristi e guidati da capi stranieri”. Il Consiglio dichiarava che tali milizie usavano l’immigrazione clandestina come fonte di reddito, assieme a contrabbando di droga e carburante, furto di fondi bancari, e che ricorrevano all’intervento straniero, culminato nella violazione della sovranità nazionale della Libia. La dichiarazione condannava l’attacco aereo straniero sulla città di Tarhuna, uccidendo civili e soldati dell’esercito popolare. Il Consiglio esprimeva stupore per la Missione delle Nazioni Unite in Libia che aveva lasciato i prigionieri politici della Jamahiriya ed ufficiali dell’Esercito popolare nelle mani delle milizie, mentre si preoccupava dei migranti illegali e del loro desiderio di allontanarli dalle aree degli scontri, mostrando così la doppia morale della Missione ONU. Il consiglio dichiarava infine che le tribù marceranno libereranno i loro figli dalle prigioni delle milizie nel caso la missione delle Nazioni Unite non si assumesse le proprie responsabilità nei loro confronti, confermando di sostenere i fratelli di Tarhuna e che qualsiasi aggressione su Tarhuna sarà considerata come diretta contro le tribù e le città dell’ovest libico.

http://aurorasito.altervista.org/?p=2326

3 thoughts on “Libia, la guerra continua

  1. Per la prima volta, una donna cristiana e’ stata nominata governatrice di una provincia dell’Egitto. Il primato spetta a Manal Awad Mikhail, che ha giurato al Cairo di fronte al presidente Abdel Fattah Al-Sisi.

    I cristiani, copti, rappresentano circa il 10 per cento della popolazione dell’Egitto. Awad Mikhail amministrerà la regione di Damietta, nel nord del Paese, vicino alla foce del Nilo. La stampa del Cairo ricorda che lo scorso anno era stata nominata governatrice provinciale un’altra donna, Nadia Ahmed Abdou. (Nota dell’agenzia Dire)

  2. di Luciano Lago Di fronte al disastro della Libia amplificato , in questi giorni , dalla nuova offensiva delle formazioni libiche del generale Haftar su Tripoli, viene messa in evidenza l’inconsistenza della della UE come organismo di politica estera, la nullità dell’Italia come soggetto di politica internazionale, la vacuità delle “promesse” fatte dagli USA (Amministrazione Trump) all’Italia, nonchè il palese contrasto della azione della NATO con gli interessi nazionali dell’Italia. Vale la pena ricordare innanzi tutto chi ha causato questo disastro: l’aggressione della NATO contro la Libia nel 2011 che ha avuto come mandanti Washington (Amministrazione Obama), la Francia di Sarkozy e il governo della Gran Bretagna, uniti nel richiedere di rovesciare il governo di Gheddafi che rischiava di pregiudicare gli interessi economici di queste potenze. Le conseguenze della criminale aggressione sono sotto gli occhi di tutti in termini di vittime (almeno 16.000 econdo i calcoli più realistici), con la la distruzione di un paese che vantava il più alto standard di vita per la sua popolazione, il conseguente caos e l’emergere della guerra per bande fra tribù antagoniste che ha visto anche l’insorgere del terrorismo islamico. Come se non bastasse ci sono centrali transnazionali interessate a mantenere il caos nel paese in modo da approfittarne per i propri interessi energetici e geopolitici.
    https://www.controinformazione.info/il-disastro-della-libia-dimostra-linconsistenza-della-politica-estera-dellitalia-e-della-ue/

  3. di Gian Micalessin L’ex ministro Minniti puntò solo sul governo Serraj. Ora la Francia ha un canale privilegiato con Haftar. La via italiana alla Libia è già stretta, ma la Francia di Emmanuel Macron potrebbe sfruttare gli scontri di Tripoli per trasformarla in un vicolo cieco. Di certo il «nemico» francese è stato fin qui più abile spiazzando l’Italia e presentandosi come l’ago della bilancia capace di mettere d’accordo il governo di Tripoli del premier Fayez Al Serraj e quello di Tobruk «manovrato» dal generale Khalifa Haftar. Se gli scontri di Tripoli arrivassero a far cadere Al Serraj, Parigi avrebbe facile gioco nel proporsi come nuovo referente internazionale, guidare il Paese verso le elezioni-farsa proposte dalla Francia per il 10 dicembre e far eleggere alla presidenza un uomo del Generale. Un giochino ardito che rischia, però, di piacere molto a un’Unione europea invelenita con l’Italia. Un giochino che mette a rischio non solo il nostro gas e il nostro petrolio, ma anche il controllo sulle partenze dei migranti garantito dalla Guardia Costiera di Tripoli. Certo molti errori arrivano da lontano. Quando, nel 2015, Marco Minniti prende in mano il dossier Libia punta innanzitutto a insediare un governo «amico» in quella Tripolitania dove un esecutivo guidato da milizie jihadiste minaccia il petrolio e il gas dell’Eni e ci ricatta con i migranti. Da quella scelta derivano molte leggerezze. La prima è lo sbilanciamento verso Serraj, che nella fase di formazione del governo di Accordo Nazionale, a fine 2015, sfocia in aperta ostilità verso Haftar spingendolo nelle braccia di Parigi. E quando Minniti si decide a fargli visita nel settembre 2017 è tardi per rimediare. Generale Haftar La seconda nefasta eredità è lo sciame di milizie jihadiste, o para-criminali, a cui dobbiamo affidarci per garantire la sopravvivenza dell’inconsistente Serraj. Milizie come la Settima Brigata di Tarhouna vendutasi, secondo molte voci, agli interessi di Haftar. Un terzo danno collaterale deriva dalla prolungata concentrazione nelle mani di Minniti di un dossier Libia che andava almeno condiviso con la Farnesina. Da qui, anche, la farraginosità dell’attuale esecutivo nel ricomporre il puzzle. Una farraginosità testimoniata dalle visite a Tripoli di Matteo Salvini, del ministro della Difesa Elisabetta Trenta e del titolare degli Esteri Enzo Moavero Milanesi. Tre visite in un mese (26 giugno-25 luglio) che non hanno chiarito chi gestisca il dossier. In questo vuoto di potere e politiche hanno lavorato alla grande il ministro degli Esteri francesi Jean-Yves Le Drian, vero pro-console libico di Macron, e un’intelligence di Parigi attivissima nel recuperare al carro di Haftar le milizie rimaste al palo nella spartizione di quei proventi che Serraj deve «obtorto collo» suddividere per non farsi defenestrare. Ma il governo giallo-verde è stato lentissimo anche nello sfruttare il regalo di un Trump che durante la visita del nostro premier Giuseppe Conte alla Casa Bianca confermò l’Italia nel ruolo di principale referente degli Stati Uniti sul fronte libico. Dopo quell’investitura, invece di avviare un’immediata azione politica e bloccare i piani elettorali francesi abbiamo puntato tutto sulla Conferenza internazionale di Sciacca. Un appuntamento cruciale, vista la partecipazione del segretario agli Esteri Usa Mike Pompeo e dell’omologo russo Sergey Lavrov, ma previsto solo per novembre quando Serraj potrebbe esser già caduto. A questo vuoto politico s’è aggiunta la sapiente delegittimazione dell’ambasciatore a Tripoli Giuseppe Perrone dichiarato persona «non grata» da Tobruk per aver criticato il piano elettorale di Parigi. Una delegittimazione non priva di riflessi pratici. Perrone, infatti, risulta «in vacanza» proprio mentre l’Italia e Tripoli avrebbero più bisogno di lui. A questo punto uscire dall’impasse non è facile. Se l’Europa è lontana, ancor più lontano è ormai un Trump troppo assillato dalla sua stessa stabilità per dedicarsi a una Libia marginale negli interessi americani. Se in qualcuno possiamo sperare gli unici sono, forse, l’Egitto e la Russia. Sono i migliori alleati di Haftar assieme a Macron. Ma sono i primi a voler ridimensionare il peso di una Francia che nel 2011 ha portato al disastro la Libia. Fonte: Gian Micalessin
    https://www.controinformazione.info/macron-fa-esplodere-la-libia-ma-litalia-ha-sbagliato-tutto/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.