Mar d’Azov

La Russia e l’Ucraina godono del libero uso del Mar d’Azov nell’ambito dell’accordo ” 2003 tra la Federazione russa e l’Ucraina sulla cooperazione nell’uso del mare di Azov e dello stretto di Kerch”. Il documento è in vigore ma non specifica qualsiasi confine preciso Le parti concordano che il Mare di Azov e lo Stretto di Kerch sono le acque interne sia dell’Ucraina che della Russia. I colloqui sono trascinati da molto tempo ma non sono riusciti a produrre una soluzione. L’Ucraina non vuole riconoscere i diritti della Russia, che sono basati sul fatto che la Crimea si è unita alla Federazione Russa. Inoltre, le autorità ucraine insistono sul loro diritto di detenere qualsiasi nave che viaggi per o dalla Crimea senza il permesso di Kiev. L’Ucraina chiede l’imposizione di sanzioni internazionali contro i porti russi del Mar Nero, a causa di ciò che definisce il “blocco” del Mar d’Azov. Ha già imposto misure punitive unilateralmente. Le tensioni sono aumentate da marzo, quando le navi sono state bloccate e perquisite. Il 24 marzo, le guardie di frontiera ucraine hanno fermato il peschereccio del Nord, registrato in Crimea, con bandiera russa nel Mar d’Azov. La nave era stata dirottata . I membri dell’equipaggio hanno riferito di essere stati interrogati e maltrattati dalle autorità ucraine che li hanno ritenuti responsabili secondo le leggi nazionali, non riconoscendo l’equipaggio come cittadini russi. I marinai trattenuti furono finalmente liberati per tornare in Crimea senza passaporto. L’Ucraina ha violato un certo numero di accordi internazionali e questo ha segnato l’inizio di una campagna di azioni provocatorie che è stata condotta da allora. Il mese scorso, la petroliera russa Mekhanik Pogodin è stata detenuta nel porto ucraino di Kherson. La Russia ha paragonato questo passaggio alle attività dei pirati somali.

Guarda coste ucraino

Gli Stati Uniti si schierano per aumentare le tensioni. Il Dipartimento di Stato ha preso una posizione deliberatamente provocatoria , esortando l’Ucraina a uno scontro. Senza preoccuparsi di studiare i dettagli, dà semplicemente la colpa alla Russia come al solito per tutto ciò che va storto. Washington sta spingendo l’Ucraina verso la ricerca di una soluzione militare, comprese idee tanto irrealistiche quanto pericolose come l’ utilizzo delle navi da guerra della forza della NATO per proteggere le sue rotte di navigazione, l’ annessione del Mar d’Azov o l’uso di navi d’attacco in movimento per circondare una grande risorsa navale russa da tutte le direzioni come un branco di lupi. Questa tattica fu inventata dall’ammiraglio tedesco Karl Dönitz durante la seconda guerra mondiale, quando “lupi di mare” degli U-boats vennero usati per attaccare le navi principali. Il fatto stesso che tali idee siano state generate e che si diffondano intorno dimostra quanto sia sconsigliabile appoggiare l’Ucraina lanciando un sostegno incondizionato alle sue spalle. Stephen Blank dell’American Foreign Policy Council, uno dei maggiori esperti statunitensi sulla Russia, ritiene che l’amministrazione statunitense “debba inviare missili anti-nave disponibili da o attraverso l’Arpaon Block II AGM-84, AGM-158C LRASM A, e il Norwegian Naval Strike Missile ” così come ” una valida piattaforma di lancio e un sistema di puntamento, in particolare un radar. ” L’autore pensa che questo dovrebbe essere fatto in questo momento, senza indugio. Il suo articolo è stato pubblicato il 7 settembre dal Consiglio Atlantico, il prestigioso gruppo di esperti che fornisce consulenza al Dipartimento di Stato e gode di grande influenza tra coloro che plasmano la politica estera degli Stati Uniti. In un altro articolo, Mr. Blanc chiede di fornire all’Ucraina piattaforme: navi più vecchie che sono state dismesse o che stanno per andare in pensione. Il mese scorso, Mykola Bielieskov, vice direttore esecutivo dell’Istituto di politica mondiale, ha chiesto spedizioni veloci in Ucraina del missile anti-nave Harpoon Block II ER + , consentendogli di attaccare le navi russe. L’idea di fornire all’Ucraina navi da guardia costiera di classe Island è all’esame del governo degli Stati Uniti. Il 1 settembre, Kurt Volker , rappresentante speciale USA per i negoziati in Ucraina, ha dichiarato che l’amministrazione statunitense “è pronta a espandere le forniture di armi in Ucraina per costruire le forze navali e di difesa aerea del paese “. Si tratta degli stessi poteri che hanno mancato di mantenere le loro promesse e migliorare la vita della gente comune in Ucraina. Le elezioni presidenziali si terranno nel marzo 2019. È necessario uno spauracchio russo minaccioso per spiegare i fallimenti. L’economia e le finanze del paese sono in stasi e la corruzione è sbalorditiva. Nessuno dei problemi è stato risolto e l’Occidente si sta stancando dell’Ucraina. La fiaba della “politica estera aggressiva” di Mosca è utile quando i governanti ucraini hanno bisogno di un capro espiatorio. Nessuno ha bisogno di un conflitto armato nella regione del Mar d’Azov. Un certo numero di paesi sono interessati a proteggere il diritto di passaggio gratuito, consentendo alle navi di arrivare ai loro porti di destinazione senza rischi o ritardi. La regione non deve essere un punto di infiammabilità. La Russia e l’Ucraina potrebbero sedersi a una tavola rotonda per discutere questioni controverse, poiché l’accordo del 2003 stabilisce che le parti debbano fare per risolvere le loro controversie, se ne hanno, ma non è quello che il Dipartimento di Stato chiede. L’unica opzione che l’amministrazione americana sta prendendo in considerazione è quella di fornire all’Ucraina armi per combattere la Russia e poi spingere Kiev per aumentare le tensioni. E quelle sono già pericolosamente alte. Una scintilla può innescare un grande incendio in qualsiasi momento se il problema non viene affrontato in modo positivo senza scuotere la sciabola. È un peccato che gli Stati Uniti stiano giocando un ruolo così distruttivo. È giunto il momento per esperti e funzionari russi e ucraini di mettere da parte le loro differenze e iniziare a parlare per trovare una soluzione pacifica a questo problema urgente. Fonte: Russia Insider Traduzione: Luciano Lago

https://www.controinformazione.info/gli-stati-uniti-incoraggiano-lucraina-ad-andare-in-guerra-con-la-russia-sul-mare-di-azov/

6 thoughts on “Mar d’Azov

  1. La Russia si riserva il diritto di rispondere ad Israele, dichiarava il Ministro della Difesa Sergej Shojgu in una conversazione telefonica coll’omologo sionista Avigdor Lieberman, “La colpa per l’abbattimento dell’aereo russo e la morte dei membri dell’equipaggio è solo degli israeliani. Le azioni dell’esercito israeliano non erano in linea con lo spirito della partnership russo-israeliana, quindi ci riserviamo il diritto di rispondere”

  2. I neocon USA hanno iniziato da tempo a fornire armi letali all’Ucraina, in deroga ai precedenti accordi e non hanno spinto il governo di Kiev a ottemperare agli accordi di Minsk con Repubbliche secessioniste del Donbass che prevedevano uno statuto di autonomia, il ritiro delle armi pesanti dal fronte e il ripristino dei collegamenti. Da ultimo si è verificato l’assassinio del premier della Repubblica di Donetsk di cui sono state trovate prove del coinvolgimento di agenti ucraini e questo ha esacerbato le tensioni ad un livello prebellico.
    https://www.controinformazione.info/perche-le-forze-nato-vanno-in-ucraina-come-destinazione-finale/

  3. Questa politica di mantenere la Russia debole è stata chiaramente delineata nel lavoro di Zbigniew Brezezinski, colui che è stato il cervello geopolitico di diversi presidenti tra cui Obama. Nel suo fondamentale lavoro “The Grand Chess Board: American Primacy” e i suoi imperativi geostrategici Brezezinski afferma che l’obiettivo primario della politica estera americana dovrebbe essere quello di impedire l’emergere di un rivale al suo dominio sul continente eurasiatico. Nell’introduzione a questo libro molto influente afferma: “… è imperativo che nessuno sfidante eurasiatico emerga, capace di dominare l’Eurasia e quindi anche di sfidare l’America. La formulazione di una geostrategia eurasiatica completa e integrata è quindi lo scopo di questo libro. ” La morte e la distruzione quotidiana in Ucraina, ignorata dai politici e dai media occidentali, si inserisce in questa agenda dei tentativi per destabilizzare la Russia creando instabilità e grandi problemi geopolitici ai suoi confini. L’imperialismo americano vede la Russia insieme alla Cina come gravi minacce ai suoi interessi economici e geopolitici di dominio in Eurasia. Dr. Leon Tressell in esclusiva per SouthFront Traduzione: Sergei Leonov
    https://www.controinformazione.info/rieccheggiano-i-lampi-della-guerra-dimenticata-dalleuropa-in-ucraina/

  4. Ma il 6 settembre, il Patriarca di Costantinopoli, ha voluto nominare due inviati speciali incaricati di istituire una Chiesa indipendente in Ucraina (creando di fatto uno scisma) I dirigenti della canonica Chiesa di Kiev hanno rifiutato di riconoscerli. Da parte sua, il Filareto, il leader ecclesiastico ucraino di Kiev, un ex agente del KGB che è stato nominato ex post in seguito alla caduta dell’Unione Sovietica, ha creato una setta, la “Chiesa ortodossa autocefala ucraina” (non canonica). Ha sostenuto i responsabili del colpo di stato a Kiev ed ha qualificato il presidente russo Vladimir Putin come “Caino” e “Giuda”. Oggi questo personaggio è considerato il capo della Chiesa indipendente che potrebbe essere riconosciuto da Bartolomeo I, il patriarca di Costantinopoli. Il 14 settembre 2018, il Filareto è andato negli Stati Uniti. E’ stato ricevuto nel Dipartimento di Stato con due inviati speciali di Bartolomeo I, che avevano appena incontrato il presidente Petro Poroshenko, a Kiev. Filareto è stato anche ricevuto dall’ex Vice Presidente Joe Biden, con il quale ha mantenuto stretti rapporti dal 2014.
    https://www.controinformazione.info/washington-dirige-una-attacco-contro-la-chiesa-ortodossa/

  5. Una delle affermazioni chiave è “ispezioni intensive e discriminatorie da parte della Russia delle navi” da paesi terzi, compresa l’Ucraina. Il Parlamento europeo considera queste azioni della Federazione Russa come un tentativo di infliggere danni economici all’Ucraina e organizzare un “parziale blocco dei porti” del paese situato sul Mar d’Azov e che è diventato “critico” per la parte ucraina dopo “l’annessione illegale della penisola della Crimea”.

    A tale riguardo, il Parlamento europeo invita il Consiglio dell’UE (inclusi i ministri europei) a chiedere alla Federazione russa di interrompere le ispezioni e “prendere in considerazione, se necessario, adeguate contromisure”, come le sanzioni imposte alle società coinvolte nella costruzione del ponte sullo stretto di Kerch. Si propone inoltre di nominare un inviato speciale dell’UE per la Crimea e il Donbass , che si occuperanno della situazione.
    https://www.controinformazione.info/il-mare-di-azov-agitato-dal-parlamento-europeo/

  6. Il principale diplomatico russo ha sottolineato che Mosca è stata costretta ad espandere la sua presenza militare nello stretto di Kerch a causa delle minacce provenienti dall’Ucraina per far saltare in aria il ponte di Crimea.

    “Voglio anche ricordare [a] che lo stretto di Kerch non è uno stretto governato dal diritto internazionale; è uno stretto russo. Abbiamo dovuto aumentare la nostra sicurezza alle frontiere e la presenza militare lì, dopo che i funzionari ucraini hanno minacciato più volte di far esplodere il ponte di Crimea sullo stretto di Kerch. A proposito, non abbiamo sentito alcuna reazione a queste minacce dei nostri partner occidentali che ora sono così preoccupati per le azioni assolutamente legittime delle autorità russe nel Mar d’Azov “, ha osservato Lavrov.

    La Russia non “implorerà” l’Occidente di revocare le sanzioni

    Durante la conferenza stampa congiunta, Lavrov ha detto che il Cremlino non avrebbe “supplicato” i paesi europei di revocare le sanzioni a Mosca, aggiungendo che il suo paese considerava le sanzioni “una decisione completamente politicizzata” e in violazione degli accordi sui diritti umani.
    https://www.controinformazione.info/la-russia-avverte-leuropa-sulla-questione-del-mar-dazov/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.