La rivincita della geografia

Dimenticata nelle scuole, la disciplina fondata da Halford Mackhinder si prende la sua rivincita in politica:

Questa teoria fu elaborata per la prima volta nell’articolo “The Geographical Pivot of History” (“Il perno geografico della storia”), presentato il 25 gennaio 1904 alla Royal Geographical Society, e successivamente pubblicato dal “The Geographical Journal”.

Mackinder sosteneva che esistessero delle caratteristiche, degli “elementi che durano nel tempo”, in un paese che non mutano mai e vanno sempre prese in considerazione nel momento di compiere scelte strategiche. Esse sono:

    • Il luogo geografico
    • Il contesto storico
    • Le tradizioni di un popolo.

Il Pentagono e la “intel community” hanno spinto l’amministrazione Trump a inseguire Huawei, etichettata come un nido di spie, mentre faceva pressioni sui principali alleati di Germania, Giappone e Italia. Germania e Giappone consentono agli Stati Uniti di controllare i nodi chiave nelle estremità dell’Eurasia. L’Italia è essenzialmente una grande base della NATO.

Il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti ha richiesto l’estradizione del CFO di Huawei Meng Wanzhou dal Canada martedì scorso, aggiungendo una tacca alla tattica geopolitica dell’amministrazione Trump di “trauma da forza contundente”.

Aggiungete che Huawei – con sede a Shenzhen e di proprietà dei suoi dipendenti come azionisti – sta uccidendo Apple in tutta l’Asia e nella maggior parte delle latitudini del Sud Globale. La vera battaglia è il 5G , in cui la Cina punta a scalzare gli Stati Uniti, migliorando la capacità e la qualità della produzione .

L’economia digitale in Cina è già più grande del PIL di Francia o Regno Unito. Si basa sulle società BATX (Baidu, Alibaba, Tencent, Xiaomi), Didi (il cinese Uber), il gigante dell’e-commerce JD.com e Huawei. Questi Big Seven sono uno stato all’interno di una civiltà – un ecosistema che si sono costruiti da soli, investendo fortune in big data, intelligenza artificiale (AI) e internet. I giganti americani – Facebook, Instagram, Twitter e Google – sono assenti da questo enorme mercato.

Inoltre, il sofisticato sistema di crittografia di Huawei nelle apparecchiature di telecomunicazione impedisce l’intercettazione da parte della NSA. Ciò contribuisce a rendere conto della sua estrema popolarità in tutto il Sud del mondo, in contrasto con la rete di spionaggio elettronico Five Eyes (Stati Uniti, Regno Unito, Canada, Australia, Nuova Zelanda) .

La guerra economica su Huawei è anche direttamente connessa all’espansione di BRI in 70 nazioni asiatiche, europee e africane, costituendo una rete di commercio, investimenti e infrastrutture di portata eurasiatica in grado di trasformare le relazioni geopolitiche e geo-economiche, come le conosciamo, rivoltando il paradigma.

Inutile dire che i carri armati americani pensano che l’idea sia “abortiva” . Ignorano il prof. Sergey Karaganov, che già a metà 2017 sosteneva che la Grande Eurasia potrebbe servire da piattaforma per “un dialogo trilaterale sui problemi globali e sulla stabilità strategica internazionale tra Russia, Stati Uniti e Cina”.

Per quanto la Beltway possa rifiutarlo, “Il centro di gravità del commercio globale si sta spostando dall’alto mare verso il vasto interno continentale dell’Eurasia”.

Pechino borda il dollaro

Pechino si sta rendendo conto che non può soddisfare i suoi obiettivi geo-economici su energia, sicurezza e commercio senza aggirare il dollaro USA.

Secondo il Fondo monetario internazionale, il 62% delle riserve mondiali di banche centrali erano ancora detenute in dollari statunitensi entro il secondo trimestre del 2018. Circa il 43% delle transazioni internazionali su SWIFT sono ancora in dollari USA. Anche se la Cina, nel 2018, è stata la principale fonte di crescita del PIL mondiale, con il 27,2%, lo yuan rappresenta ancora solo l’1% dei pagamenti internazionali e l’1,8% di tutte le attività di riserva detenute dalle banche centrali.

Ci vuole tempo, ma il cambiamento è in arrivo. La rete di pagamento transfrontaliera cinese per le transazioni in yuan è stata lanciata meno di quattro anni fa. L’integrazione tra il sistema di pagamento russo Mir e la Chinese Union Pay appare inevitabile.

https://www.controinformazione.info/il-grande-gioco-i-cinesi-e-i-russi-sono-in-vantaggio-sugli-stati-uniti-nella-lotta-per-la-dominazione-eurasiatica/

3 thoughts on “La rivincita della geografia

  1. Caracas ha commesso il peccato capitale ultimo agli occhi dell’ Eccezionalismo Americano; il commercio del petrolio by passando il dollaro USA o gli scambi controllati dagli Stati Uniti.

    Ricordatevi di cosa accade in Iraq. Ricordatevi della Libia. Eppure anche l’Iran lo sta facendo. La stessa strada sta percorrendo laTurchia . La Russia è – in parte – sullo stesso percorso. E la Cina finirà per scambiare tutte le sue fonti energetiche in petroyuan.
    Con il Venezuela che aveva adottato già l’anno scorso la petro cripto-valuta e il bolivar sovrano, l’amministrazione Trump aveva sanzionato Caracas e l’aveva messa di fuori del sistema finanziario internazionale.
    https://www.controinformazione.info/venezuela-leurasia-si-schiera-contro-legemonia-americana/

  2. Quando nel 2007 la Cina ha ordito il primo di una serie di accordi per prestiti petroliferi con il Venezuela, sembrava una partita perfetta. Il Venezuela aveva le maggiori riserve petrolifere del mondo; La Cina era pronta a diventare il più grande consumatore di energia.

    Dodici anni e più di $ 50 miliardi di prestiti in seguito, una crisi politica in Venezuela sta minacciando il pagamento della Cina e attirando Pechino in una situazione di stallo a favore di un leader venezuelano che gli Stati Uniti sono intenzionati a rovesciare. È un conflitto con Washington di cui Pechino potrebbe fare a meno, tra gli sforzi per risolvere una disputa commerciale che sta pesando sull’economia cinese.
    Premier cinese con Maduro

    E cosa rimane di quel prestito che potrebbe potenzialmente scomparire con un colpo di stato anti-Maduro?

    Secondo le stime del ministero del commercio cinese, il Venezuela deve ancora circa 20 miliardi di dollari , riferisce il WSJ.

    Sia la Cina che la Russia restano i maggiori fornitori di armi dell’America Latina e Pechino ha investito ulteriori $ 3,2 in investimenti diretti in Venezuela nel 2017, per non parlare di almeno tre joint venture tra China National Petroleum Corp e l’attuale compagnia petrolifera statale venezuelana , Petróleos de Venezuela SA, o PDVSA.

    Anche se i rimborsi venezuelani verso la Cina hanno cominciato a rallentare fino a “un rivolo” entro il 2015, gli attuali disordini politici e gli sforzi di cambiamento del regime di Washington potrebbero rivelarsi devastanti per gli investimenti cinesi :

    Gli investimenti della Cina sono attualmente a rischio sotto il sig. Maduro e anche Pechino riconosce che un’amministrazione Guaidó sostenuta dagli Stati Uniti potrebbe rifiutarsi di onorare i debiti in sospeso .

    Il ministero del commercio cinese ha precisato questa preoccupazione martedì. “Se il partito di opposizione detiene il potere in futuro, un nuovo governo venezuelano potrebbe usare ‘proteggere gli interessi nazionali’ come motivo per rinegoziare i termini contrattuali con la Cina e anche solo rifiutarsi di ripagare i restanti debiti”, ha detto il ministero nella sua ultima relazione sugli investimenti in Venezuela.

    Dato che Pechino è a conoscenza del risultato di qualsiasi transizione venezuelana del potere, e dato che rimane il principale fornitore di armi del regime di Maduro, non si può sapere quale tipo di possibili piani di cooperazione militare o di contingenza clandestina siano già in vigore.

    Simile al tranquillo appoggio militare della Cina all’Assad della Siria negli ultimi anni di guerra internazionale per procura nel Levante, che è diventato sempre più pubblico , la Cina potrebbe prepararsi a sostenere Maduro in una capacità più diretta.

    “Mappa in stile Guerra Fredda” presentata alla conferenza stampa del lunedì della Casa Bianca: la mappa era mirata a mostrare i paesi che sostengono il presidente socialista venezuelano Nicolas Maduro (in rosso) e quei paesi che non lo fanno (in blu)
    “La Russia e la Cina stanno usando il Venezuela come un conflitto per procura per sfidare gli Stati Uniti. Questo è più di un semplice sostegno economico. La Russia e la Cina stanno facendo leva sul suo sostegno economico per stabilire una presenza militare-industriale in Venezuela “, ha detto a Fox News questa settimana Joseph Humire, direttore esecutivo del Centro per una società libera e sicura .

    Per cominciare, la Cina ha un impianto di localizzazione satellitare presso la base aerea Capitán Manuel Rios a Guárico, mentre la Russia ha una cyberpresenza presso la base navale Antonio Diaz “Bandi” a La Orchilla , un’isola a nord di Caracas.

    “Questo aggiunge capacità spaziali e del cyberspazio che il regime di Maduro non ha”, ha sottolineato Humire. “Per la Russia e la Cina, fare pressione sugli Stati Uniti attraverso il Venezuela aggiunge forza alle loro ambizioni regionali in Ucraina e in Europa centrale e orientale (per la Russia) e Taiwan e Mar Cinese meridionale (per la Cina).” – FOX News

    Tutto ciò suggerisce che alcuni analisti hanno definito lo scenario di “una nuova guerra fredda” che un’altra crisi dei missili cubani nel cortile americano potrebbe essere dietro l’angolo.

    Ciò è tanto più probabile considerando che la Casa Bianca di Trump potrebbe non valutare con precisione la decisione della Cina e della Russia di attenersi a Maduro e ai suoi fedeli militari ancora fedeli. Tuttavia, a differenza della Siria, dove l’intervento russo su invito di Damasco nel 2015 ha sventato la spinta USA-Golfo-NATO per il cambio di regime, Washington ha una geografia che lavora chiaramente a suo favore nel caso del Venezuela .

    Fonte: Zero Hedge
    Traduzione: Alejandro Sanchez
    https://www.controinformazione.info/la-prossima-guerra-per-procura-usa-cina-in-venezuela/

  3. Dico “qualsiasi” politica anti-UE vince: anche una politica estera fatta per caso e secondo pancia, come l’appoggio a Maduro che ci aliena Washington, anche la visita di Salvini a Netanyahu contro Hezbollah che ci alienerebbe Mosca, anche “isolamento in Europa” giocano, in questo momento, a nostro favore. Persino la proposta (gridata ma non attuata ) di Salvini di “azzerare i vertici di Bankitalia” viene percepita all’estero, negli ambienti trumpiani, come determinata da una audace e limpida visione. E financo la maleducazione, le sbavature, le gaffes dei nostri vengono percepite così dal belga-francese Grasset: nei rapporti italiani con Macron “la brutalità è feconda, i due vicepremier italiani Salvini e Di Maio maneggiano la comunicazione senza i guanti, ma non senza efficacia: la loro brutalità fa parte della loro tattica di comunicazione”. La mancanza di stile ha “creato uno stile”. Made in Italy .

    Insomma abbiamo il successo e la vittoria a portata di mano. Salvo guastarla con il pressapochismo italiota. Già vedo lo stato maggiore del M5S farsi prendere dal terrore perché ha perso voti nella Marche, e magari stanno pensando di mandare a carte quarantotto tutto, mettendosi contro la Lega che “glieli ha rubati”. Si mettessero l’anima in pace, fossero capaci di una modesta analisi: metà degli italiani che hanno votato, l’ hanno fatto perché credevano di votare un partito diverso. E ciò perché noi abbiamo tenuto i piedi in due scarpe, abbiamo fatto sperare tutto a tutti, ed ora ne abbiamo delusi una metà. E’ ovvio e normale.

    L’articolo NOSTRI SUCCESSI (INVOLONTARI) IN POLITICA ESTERA. proviene da Blondet & Friends.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.