Colombia

Sconcerto, ambivalenza, incapacità, crisi economica e sociale, dilagare di corruzione e assassini di decine di leader sociali segnavano il primo semestre del governo di destra di Ivan Duque in Colombia, in cui i cittadini temono che per sopravvivere si appelli a due guerre simultanee: una interna e l’altra contro il vicino Venezuela. Il suo permanente e monotono bombardamento verboso contro il governo venezuelano, il movimento delle truppe verso il confine e il finanziamento delle attività (politiche e sovversive) degli oppositori radicali del Paese vicino, culminarono in un’operazione infruttuosa progettata da Washington e affidato al suo governo, introdurre “aiuti umanitari” in Venezuela, mettendo in pericolo la pace nella regione. L’unità mostrata dall’esercito venezuelano generava un “effetto rimbalzo” su quelli colombiani. La confessione di Duque al presidente degli Stati Uniti Donald Trump, in una conversazione telefonica (rivelata da Nicolás Maduro), secondo cui l’esercito colombiano non sarebbe disposto a essere coinvolto in un conflitto (almeno aperto) col Venezuela, è un grosso ostacolo sul percorso dei falchi a Washington… e, soprattutto, sul futuro della Colombia. E c’è stata la rottura delle relazioni diplomatiche annunciata dal Presidente Nicolás Maduro. In Venezuela vivono circa cinque milioni di colombiani e vasti settori della popolazione di confine ricevono prodotti (alimentari, benzina tra gli altri) dal Paese vicino, in un confine che fino al 1° marzo era attivo e dal libero transito su ponti, orsi d’acqua e cosiddette “strade verdi”.colombia-venezuela-1-720x582 (1)

3 thoughts on “Colombia

  1. “In El Salvador, l’amministrazione Reagan, con Abrams come uomo di punta, difendeva regolarmente il governo salvadoregno di fronte alle prove che il suo esercito regolare e gli squadroni della morte alleati operassero impunemente, uccidendo contadini, studenti, dirigenti sindacali e chiunque fosse considerato antigovernativo o pro-guerrigliero. Abrams arrivò al punto di difendere uno dei leader più famosi della squadra della morte, Roberto D’Aubuisson, responsabile dell’omicidio dell’arcivescovo Óscar Romero mentre stava celebrando la messa, nel marzo 1980.

    “È stato l’assassinio di Romero a scatenare una guerra civile in El Salvador – un’alleanza tra militari e oligarchi, che aveva governato per decenni con il sostegno degli Stati Uniti, contro un’insurrezione di stampo marxista. La maggior parte del sostegno alla rivoluzione proveniva dai contadini del Salvador, che avevano poco da perdere nel cercare di rovesciare un governo che aveva fatto ricorso a una repressione brutale per tenerli in miserabile povertà.

    https://culturacolectiva.com/historia/el-mozote-el-salvador

    “Per prosciugare il mare contadino in cui nuotavano i guerriglieri, prendere in prestito da Mao, il Battaglione Atlacatl, i cui ufficiali avevano recentemente completato l’addestramento controinsurrezionale negli Stati Uniti, lanciò un’operazione” terra bruciata “a Morazán, una regione montagnosa dove i contadini semilavorati lavoravano i loro piccoli appezzamenti di sisal e mais. ”
    Cimitero delle vittime della strage di El Mozote

    Tieni presente che El Salvador è un paese piccolo, paragonabile allo stato del New Jersey. La sua popolazione è inferiore a cinque milioni. Quindi uccidere 900 persone a sangue freddo è una cifra abbastanza alta. Inoltre, lo stupro delle donne di chiesa cattolica era anche parte del regime brutale che Abrams e l’amministrazione Reagan inavvertitamente lo sostenevano in El Salvador. Il brutale regime violentò anche le adolescenti e le uccise. “Un testimone ha descritto un soldato che lanciava un bambino di 3 anni in aria e lo impalava con la sua baionetta.”

    Anche New World Order come Newsweek concordano che Abrams “era stato precedentemente incriminato e perdonato per aver mentito al Congresso sul suo ruolo nell’Aran-Contra Affair degli anni ’80, con il quale membri dell’amministrazione del presidente Ronald Reagan vendevano illegalmente armi all’Iran e usato i fondi sostenere le milizie anticomuniste in Nicaragua (Contras), un episodio della storia pluridecennale degli sforzi degli Stati Uniti per sconfiggere le forze di sinistra in tutta l’America latina. ” ] (………..)

    Fonte: Veterans Today

    Traduzione: Alejandro Sanchez
    https://www.controinformazione.info/russia-al-nwo-allora-volete-un-cambio-di-regime-in-venezuela/

  2. Recentemente il media finanziario statunitense Bloomberg pubblicava un rapporto che illustra paradossi e vicoli ciechi nella roadmap dell’assedio al Venezuela intrapresa e in escalation dall’inizio di quest’anno. La pubblicazione, facendo riferimento ad alcune fonti anonime che in teoria sarebbero funzionari dell’amministrazione Trump e politici venezuelani, spiega come scarichino la presidenza artificiale di Juan Guaidó per rendere possibile una guerra mercenaria che prende forma.
    Queste e altre questioni sono state spiegate da tale media finanziario.

    L’invasione dei “disertori”
    La pubblicazione inizia con la storia della presunta intenzione di circa 200 “disertori” venezuelani che nel territorio colombiano, guidati dall’ex-generale Cliver Alcalá, erano pronti il 23 febbraio ad aprire la via “con le armi” ai convogli di “aiuti” umanitari “che cercavano di entrare nel Paese, azione presumibilmente fermata dal governo colombiano per impedire un bagno di sangue di ciò che sarebbe stato un pubblico e noto atto promesso come “pacifico”. Tuttavia, la violenza armata dispiegata sul confine colombiano-venezuelano in quei giorni serviva al “marketing umanitario” del concerto Aid Live per il quale, dice Bloomberg, “l’impulso di eliminare Maduro, che a discrezione degli Stati Uniti è “inevitabile”, diventa sempre più caotico e rischioso”
    http://aurorasito.altervista.org/?p=5857

  3. Tuttavia, dall’inizio della Guerra Fredda e l’intervento militare degli Stati Uniti in Guatemala, Cuba, Repubblica Dominicana, Cile, Nicaragua, Venezuela, Guyana, Bahamas e altre nazioni dell’emisfero occidentale, Miami divenne rifugio per i ricchi esiliati, affaristi che sfuggono dalle rivoluzioni popolari e dalle elezioni nell’America del Sud e centrale, e spie. La capitale della pensione e delle vacanze degli Stati Uniti divenne rapidamente la “Casablanca tropicale”. Ora sede di migliaia di società a responsabilità limitata legate alla CIA, così come appaltatori militari privati, compagnie aeree semisegrete che operano da aeroporti remoti della Florida, dell’interventista US Southern Command (SOUTHCOM) ed oligarchi in esilio che gestiscono operazioni di destabilizzazione nei loro Paesi nativi. Miami, o MIAMI, “Military Intervention and Mercenaries, Inc.”, é il nesso degli attuali sforzi di “cambio di regime” dell’amministrazione Trump
    http://aurorasito.altervista.org/?p=5843

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.