Provocazioni

Il 27 marzo, parlando alla Casa Bianca, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha detto che la Russia deve uscire dal Venezuela e ha avvertito che “tutte le opzioni sono aperte” per raggiungere questo obiettivo.

Circa 100 truppe russe sono atterrate a Caracas il 23 marzo, secondo i termini di un trattato di cooperazione del 2001 tra i due stati. La mossa ha causato un’ondata di voci nei media mainstream. La maggior parte riguarda le forze speciali russe e un possibile coinvolgimento militare russo in caso di invasione statunitense.

Il vicepresidente americano Mike Pence ha descritto il dispiegamento come una “provocazione inutile”. Pence ha anche invitato Mosca a ritirare il suo sostegno al presidente venezuelano Maduro e “stare con Juan Guaido”, il presidente ad interim proclamato a Washington dal paese.

Il consigliere per la sicurezza di Trump John Bolton è stato ancora più ostile nelle sue osservazioni.

John Bolton minaccia il Venezuela

John Bolton

@AmbJohnBolton
The United States will not tolerate hostile foreign military powers meddling with the Western Hemisphere’s shared goals of democracy, security, and the rule of law. The Venezuelan military must stand with the people of Venezuela.

A sua volta, il ministero degli Esteri russo ha dichiarato che lo spiegamento è stato effettuato “in stretta conformità con la costituzione di quel paese e nel pieno rispetto delle sue norme legali”.

Questa situazione è un altro esempio di come gli Stati Uniti si stiano intromettendo apertamente negli affari interni venezuelani, sostenendo che questa è una mossa per difendere la democrazia.
Nota: Alcuni commentatori russi si sono chiesti in base a quale principio gli USA pretendono di mantenere lontana la Russia dal continente Latino Americano mentre allo stesso tempo inviano le loro truppe, attrezzature militari e armamenti in Ucraina, nei paesi Balici, in Georgia e nelle zone limitrofe dei confini della Federazione Russa.

Fonte: South Front

Traduzione e nota: Luciano Lago

https://www.controinformazione.info/trump-la-russia-deve-uscire-dal-venezuela-tutte-le-opzioni-sono-aperte/

 

4 thoughts on “Provocazioni

  1. Il capo dell’ufficio di Juan Guaidó e membro di Volunted Popular, Roberto Marrero, fu arrestato dalle autorità venezuelane dopo aver condotto un piano per ammettere cellule mercenarie reclutate in Centro America che avrebbero sabotato servizi pubblici e compiuto omicidi selettivi contro i leader chavisti. (Estese informazioni sull’arresto di Marrero qui (http://misionverdad.com/la-guerra-en-venezuela/detencion-de-marrero-el-trasfondo-de-la-operacion-libertad-de-guaido)). La fonte di finanziamento di tale operazione era il furto delle attività petrolifere del Paese, in particolare dalla raffineria Refidomsa nella Repubblica Dominicana, in cui la controllata statale PDV Caribe de Venezuela detiene il 49% delle azioni. Il direttore del Dipartimento legale della compagnia Rosneft in Venezuela, Juan Planchart, cugino della madre di Juan Guaidó, era l’operatore finanziario che avrebbe gestito la svendita fraudolenta di questa raffineria, togliendo un miliardo di dollari che sarebbero stati utilizzati per garantirsi l’efficacia del piano. (Di nuovo, per informazioni sul piano della corruzione di Planchart e Voluntad Popular qui (http://misionverdad.com/la-guerra-en-venezuela/perfil-juan-planchart))

  2. Come riportato in precedenza dalle fonti, il Rappresentante Permanente degli Stati Uniti presso la NATO, Kay Bailey Hutchison, ha parlato della ricerca di opportunità per rafforzare le difese nel Mar Nero in relazione all’aggressione russa contro l’Ucraina.
    La verità è che la NATO non può garantire nulla di simile, se il governo di Kiev organizza un altro tentativo di forzare l’ingresso senza presentare una richiesta ai russi, i russi apriranno il fuoco ancora una volta. Ma è imprudente parlare come se la NATO intenda organizzare o sostenere un simile tentativo.
    La reazione russa alle dichiarazioni della Hutchison è stata di incredulità nel senso di non accettare che qualcuno avrebbe potuto dire così qualcosa di così stupido e provocatorio:
    “In una luce negativa”, ha detto [il portavoce di Putin, Peskov], quando gli è stato chiesto come il Cremlino abbia visto tali affermazioni. “Non capiamo cosa significhi.”
    È preoccupante che gli americani abbiano molte persone in posizioni importanti che non comprendono le conseguenze di quello che stanno proponendo.
    https://www.controinformazione.info/la-nato-prepara-una-nuova-provocazione-nella-acque-territoriali-della-crimea-russa/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.