Giochi di guerra

prof. Michel Chossudovsky
Chiunque raggiunga la supremazia marittima nell’Oceano Indiano sarebbe un attore di primo piano sulla scena internazionale”. (US Navy Geostrategist Rear Admiral Alfred Thayus Mahan (1840-1914))

Tra gli obiettivi strategici di Washington vi è la militarizzazione delle principali rotte marittime, che si estende dal Mediterraneo all’Asia meridionale e all’estremo oriente, attraverso il canale di Suez, il Mar Rosso, il Golfo di Aden, il Mar Arabico, il Golfo del Bengala, il Malacca-Singapore stretto verso il Mar Cinese Meridionale e il Mar Cinese Orientale. (vedi mappa sotto).

Questa rotta marittima è fondamentale per lo svolgimento del commercio marittimo di merci tra Asia orientale, Africa, Medio Oriente ed Europa occidentale. Le guerre guida statunitensi sia nello Yemen (Mar Rosso, Golfo di Aden) che in Somalia (Golfo di Aden, Oceano Indiano) sono strategiche in questo senso.
Gli Stati Uniti esercitano anche la loro presenza strategica nell’Oceano Indiano dalla base militare di Diego Garcia.

L’obiettivo non detto di queste rotte marittime militarizzate è quello di minare la via della seta marittima cinese della Belt and Road Initiative (BRI) di Pechino.

L’alleanza USA-India contro la Cina

Un gioco pericoloso si sta attualmente svolgendo nell’Oceano Indiano. Sono previste operazioni navali congiunte USA-India nel Mare Adaman. Il Times of India ha confermato la pianificazione dei giochi di guerra USA-India in prossimità dell’arcipelago di Nicobar.

Questi giochi di guerra si svolgono in un momento di confronto politico, con persistenti minacce del presidente Trump dirette contro la Cina:
Un gruppo di attacco di una portaerei statunitense guidato dalla portaerei USS Nimitz (a destra) è pronto a condurre un esercitazione con navi da guerra indiane vicino all’arcipelago delle Andamane e di Nicobar.

… Il gruppo di attacco della USS Nimitz e un altro guidato dall’USS Ronald Reagan hanno appena completato una missione di spiegamento operativo e “libertà di navigazione” nel Mar Cinese Meridionale. Questo è visto come un grande spettacolo di supporto per alleati e partner statunitensi …

Diverse navi da guerra indiane stanno prendendo parte all’esercizio guidato dal comandante della flotta navale orientale ammiraglio posteriore Sanjay Vatsayan. Comprendono navi da guerra, cacciatorpediniere con velivoli imbarcati, fregate, sottomarini e velivoli da pattugliamento marittimo sia del Comando Andaman e Nicobar (ANC) che del Comando navale orientale (ENC) con sede a Visakhapatnam. (S Venkat Narayan: L’isola )

Mappa Indo Pacifico

L’India sotto il Primo Ministro Modi è stata risucchiata nell’agenda imperiale degli Stati Uniti. Inoltre, il Giappone e l’India hanno anche effettuato un esercizio navale vicino allo Stretto di Malacca alla fine di giugno in ritardo, in collegamento con Washington.
L’Australia è anche coinvolta in giochi di guerra sponsorizzati dagli Stati Uniti diretti contro la Cina

https://www.controinformazione.info/la-militarizzazione-delle-vie-navigabili-strategiche-contemplati-i-giochi-di-guerra-usa-india-segnale-aggressivo-contro-la-cina/

One thought on “Giochi di guerra

  1. Ci sono chiari vantaggi nel lavorare con la Cina per i Paesi beneficiari: la Cina ha dimostrato di essere estremamente indulgente coi Paesi partner nei momenti difficili. Di recente, la Cina cancellava i debiti di molti Paesi africani nella pandemia. Confrontate il trattamento della Cina dei Paesi in via di sviluppo col FMI o i programmi di aggiustamento strutturale della Banca mondiale e capite subito perché avere un partner non a Washington è così prezioso. Oltre a questo, i progetti BRI in Cina sono nelle aree di sviluppo delle infrastrutture dagli evidenti benefici per l’intero Paese, indipendentemente da chi decidano con cui commerciare, co la Cina o chiunque altro. Niente di tutto ciò si adatta al modello di un Paese imperialista come gli Stati Uniti che preferirebbero rendere questi Paesi dipendenti dal capitale degli Stati Uniti o rubargli semplicemente le risorse. A proposito, quando è stata l’ultima volta che la Cina ha usato i militari per costringere un Paese riluttante a sottomettersi alla sua volontà? Giusto. Forse soprattutto, la BRI offre ai Paesi un enorme sollievo dalle sanzioni economiche statunitensi.
    A chi giova affermare che il conflitto tra Stati Uniti e Cina non è una “Nuova Guerra Fredda”? Ai pianificatori dell’impero nordamericano e al loro apparato di propaganda. Quest’ultimo fa gli straordinari per interrompere qualsiasi tentativo dalla sinistra di identificarsi con la Cina. Indipendentemente da ciò che si vuol credere sulla Cina, la creazione di un mondo multipolare è qualcosa che ogni socialista dovrebbe desiderare.
    http://aurorasito.altervista.org/?p=13067

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.