Bielorussia

bielorussia

La principale rivale di Alexander Lukashenko alle elezioni per il capo della Bielorussia, Svetlana Tikhanovskaya, intende dichiararsi presidente.

Dopo di che l’Occidente la riconoscerà in questa veste.

L’edizione polacca di Rzeczpospolita ne è stata informata dalla rappresentante della sede di Tikhanovskaya, Anna Krasulina.

Tihanovskaya, che ora si trova in Lituania, sta preparando un comunicato speciale in cui dichiarerà la sua vittoria alle elezioni presidenziali tenutesi il 9 agosto.

“Ci aspettiamo che l’Occidente accetti la scelta del popolo bielorusso e riconosca la vittoria di Tikhanovskaya”, ha detto Krasulina.

Nota: Una nuova autoproclamazione a presidente, analogamente a quanto accaduto in Venezuela con Juan Guaidò. Si aspetta anche di assistere presto a nuove autoproclamazioni quali un presidente autoproclamato a Teheran, un’altro a Damasco in Siria ed anche Cuba. Tutti gli “autoproclamati” sarano decisamente appoggiati dal Dipartimento di Stato USA e da Mike Pompeo.


La principale richiesta dei manifestanti in Bielorussia sono le dimissioni di Alexander Lukashenko e il rilascio di tutti i prigionieri politici.

Lo ha detto una collega della candidata alla presidenza Svetlana Tikhanovskaya, membro del quartier generale dell’opposizione congiunta, Maria Kolesnikova, in una manifestazione a Minsk.

“Chiediamo il rilascio di tutti i prigionieri politici, così come quelli detenuti per azioni pacifiche e azioni di dissenso. Victor e Eduard Babariko, Sergei Tikhanovsky, Pavel Sevyarynets, Nikolai Statkevich, Igor Losik, tutti i prigionieri politici e 4.000 persone che rimangono in prigione – tutti devono essere rilasciati immediatamente “, ha detto.

La principale richiesta dei manifestanti, secondo Kolesnikova, sono le dimissioni dell ‘“ex presidente” Alexander Lukashenko.

“Secondo numerose testimonianze e fissazioni, Svetlana Tikhanovskaya ha vinto le elezioni il 9 agosto. Lukashenka non è solo la principale minaccia per il popolo bielorusso, ma anche per l’indipendenza del paese. Sappiamo che il regime è pronto a fare qualsiasi cosa per mantenere il potere “, ha detto.

Kolesnikova ha anche affermato che i rappresentanti dell’opposizione chiederanno l’avvio di un procedimento penale sui fatti di morte di manifestanti e bullismo da parte delle forze dell’ordine.

“Tutti coloro che hanno usato la violenza contro i manifestanti e solo i passanti per le strade, nei carri di risaia e successivamente nel dipartimento di polizia e nel centro di detenzione preventiva dovrebbero essere ritenuti responsabili in conformità con la legge della Repubblica di Bielorussia!” – ha sottolineato.

Fonte: Источник: https://rusvesna.su/news/1597603768

Traduzione e nota: Sergei Leonov

https://www.controinformazione.info/svetlana-tikhanovskaya-si-prepara-a-dichiararsi-presidente-della-bielorussia/

5 thoughts on “Bielorussia

  1. La situazione in Bielorussia è sempre più classica e ricorda casi simili in Ucraina e Venezuela. Il presidente Alexander Lukashenko afferma di difendere il paese come la fortezza di Brest contro una rivoluzione colorata unita a una guerra ibrida. Da parte sua, la Russia sembra aver valutato la situazione strategica e non nasconde più nemmeno l’effettivo spiegamento di testate nucleari tattiche (vettore Iskander M)nel suo distretto occidentale con la scusa di un esercitazione. Il messaggio non è codificato.

    Il dispiegamento dei 12 ° veicoli GUMO e Vystrels generalmente associati a missili balistici intercontinentali o missili balistici intercontinentali è deliberatamente incoraggiato da Mosca, che dovrà dimostrare che la dottrina nucleare russa consente il dispiegamento dell’ombrello nucleare russo nei paesi alleati come la Repubblica di Bielorussia.

    Questa dispersione di testate nucleari tattiche russe vicino alla Bielorussia significa che in caso di minaccia di un’invasione straniera e più specificamente della NATO della Bielorussia dalla Polonia o dall’Ucraina, la Russia agirà come se si trattasse di un’aggressione contro il proprio territorio e invariabilmente si tradurrà in massicci attacchi nucleari tattici contro l’aggressore.
    Le forze della NATO sono dispiegate in Lituania e Polonia e possono essere dispiegate a tempo di record nel nord dell’Ucraina.
    https://www.controinformazione.info/destabilizzazione-della-bielorussia-mosca-schiera-missili-nucleari-tattici-iskander-m-sul-suo-fianco-occidentale/

  2. La cosa ancor più curiosa è che in passato il Paese X è stato annoverato tra quelli di sicura fede democratica, pur avendo lo stesso presidente, la stessa costituzione, più o meno lo stesso Parlamento di oggi, che la mutazione da presunta democrazia in presunta dittatura sia avvenuta nel momento in cui il governo del Paese ha rifiutato le indicazioni del Fondo Monetario Internazionale per smantellare gran parte dell’economia pubblica e – come noi sappiamo bene – nel darla in pasto alle multinazionali.
    http://ilsimplicissimus2.com/2020/08/18/bielofavole/

    • In Bielorussia, i promotori del “Pacchetto di rianimazione” sono sette organizzazioni di opposizione dall’orientamento occidentalizzante e anti-russo: il Fronte Popolare Bielorusso (BNF – “Belorusskij Narodnyj Front” ndr.), il Partito bielorusso dei “Verdi”, il Partito Socialdemocratico Bielorusso (Gramada), la Democrazia Cristiana Bielorussa (BXD – “Belorusskaja Xristianskaja Demokratija” ndr.), il Partito civile unito (OGP – “Obedinjennaja Grazhdanskaja Partija” ndr.), nonché il Movimento “Za svobodu” (“Per la libertà” ndr.) e il Centro di iniziative civili “Nash dom” (“Nostra casa” ndr.). In precedenza le autorità, o non prestavano loro attenzione, o adottavano le loro stesse tesi. Ora questa pratica viziosa si è rivolta contro le autorità.
      Disordini a Minsk

      Il “Pacchetto di Rianimazione” indica la necessità entro il 2021 di abbandonare ogni forma di alleanza con la Russia, con l’Unione Economica Eurasiatica (EAEU) e con l’Organizzazione del Trattato di Sicurezza Collettiva (CSTO).
      Si propone: il monitoraggio delle attività con “iniziative pro-Cremlino in Bielorussia”, l’attuazione del controllo di frontiera e doganale al confine con la Federazione Russa, il divieto di vendita di oggetti d’infrastrutture bielorusse a società russe, il rafforzamento dell’ “educazione patriottica” nell’esercito bielorusso, il divieto di programmi televisivi russi, l’allaccio a canali televisivi della ​​Lettonia, Lituania, Polonia e Ucraina. È previsto anche un procedimento penale in caso di negazione della nazione bielorussa e di critica alla lingua bielorussa.

      Si prevede inoltre di restituire lo status di “unica lingua di stato” alla lingua bielorussa, soddisfare tutto ciò che è richiesto per diventare membri della NATO e dell’UE e richiederne l’adesione, ripristinare” la Chiesa ortodossa autocefala bielorussa come alternativa nazionale all’esarcato bielorusso della Chiesa ortodossa russa del Patriarcato di Mosca.
      https://www.controinformazione.info/il-pacchetto-di-rianimazione-di-riforme-per-la-bielorussia-fa-rivivere-i-simboli-delloccupazione-tedesca-del-1918-e-del-1941-1944/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.