La Slovenia rappresenta l’Europa centrale, Bruxelles l’ovest

Quasi esattamente 30 anni fa, la Slovenia è diventata uno stato indipendente. Il 25 giugno 1991, quella che allora era una repubblica lasciò la Jugoslavia socialista, che stava per crollare. La guerra di dieci giorni innescata dall’attacco dell’esercito jugoslavo fu relativamente mite. La Slovenia indipendente può vantare una storia di successo. La democrazia parlamentare e l’economia di mercato presero piede. Nel 2004 ha aderito alla NATO e all’UE. Nel 2007 ha rilevato l’euro e nello stesso anno è entrata a far parte dell’area Schengen. Nel 2008 ha assunto la presidenza di turno del Consiglio dell’UE. Dal 1° luglio la Slovenia presiederà per la seconda volta per sei mesi i Consigli dell’UE.

Il governo di Jansa ha un’amicizia politica con il primo ministro ungherese Viktor Orban. Il nazionalconservatore ungherese è impegnato nell’instaurazione di una “democrazia illiberale” e ha al suo fianco la Polonia soprattutto all’interno dell’UE. Gli uomini d’affari legati a Orban forniscono finanziamenti e competenze ai media di Jansa. Le società ungheresi vicine al governo acquistano banche, catene di distributori di benzina e hotel termali in Slovenia.

“La Presidenza del Consiglio slovena svolgerà un ruolo responsabile nel raggiungimento di una comprensione comune di come rafforzare lo stato di diritto nell’UE”, ha affermato il mese scorso il segretario di Stato sloveno Gasper Dovzan in una conferenza in Portogallo. Nel fare ciò, però, si dovrebbe tenere conto delle diverse tradizioni e condizioni nei singoli Stati membri dell’UE: non ci sarebbe un unico percorso valido verso il futuro tracciato dalla Commissione.

“I media internazionali”, ha detto Dovzan, avevano screditato la Slovenia da quando la destra aveva governato il paese. Non fa altro che riparare l’erosione percepita dello stato di diritto da parte dei precedenti governi di sinistra e di sinistra. Lo stesso Jansa descrive i politici della sinistra e del campo liberale, insieme a persone dei media, giudici indipendenti, intellettuali critici e attivisti civili, come membri o cortigiani dell’”élite comunista” di un tempo.

Nell’ambito della lotta contro il corona, il governo di Lubiana ha revocato la libertà di riunione. La polizia ha multato i manifestanti. L’ufficio stampa del governo trattiene i fondi pubblici dall’agenzia di stampa STA a cui ha legalmente diritto. Allo stesso tempo, richiede l’ispezione dei documenti dell’agenzia, che non è coperta dalla legge. Jansa sta anche bloccando l’invio di due pubblici ministeri sloveni alla nuova Procura europea. Attacca i giornalisti su Twitter con un linguaggio volgare. È stato anche l’unico capo di governo a congratularsi con Donald Trump per la sua “vittoria elettorale” dopo essere stato destituito.

È interessante notare che la profonda frattura tra Lubiana e Bruxelles si basa esclusivamente su idee diverse nella politica interna e sociale. In termini di politica estera, di sicurezza ed economica, lo Stato balcanico persegue sostanzialmente gli stessi obiettivi degli altri Stati dell’UE.

Infine, la Commissione di Bruxelles e la Presidenza slovena del Consiglio riuniranno rappresentanti di due diverse regioni politiche in Europa. La Slovenia rappresenta l’Europa centrale conservatrice nazionale – composta dagli stati Polonia, Repubblica Ceca, Ungheria, Slovacchia e persino Slovenia – mentre la politica della Commissione UE a Bruxelles segue le idee più liberali di sinistra degli strati urbani ricchi dell’Europa occidentale. In quest’area di tensione, è probabile che nei prossimi mesi si svilupperanno ulteriori controversie.

L’articolo Bruxelles e la Slovenia sono già in rotta di collisione proviene da Blondet & Friends.

One thought on “La Slovenia rappresenta l’Europa centrale, Bruxelles l’ovest

  1. Più globale diventa il potere dei globalisti, più globale diventa la “sotterraneità” del mondo, la Resistenza del mondo, come i partigiani americani negli Stati Uniti, conservatori o sinistra identitaria, sostenitori di Trump e combattenti per i diritti del popolo contro le folli élite globaliste superricche, i russi (in generale) o i gilet gialli europei che combattono la dittatura di Macron; i musulmani che difendono il loro diritto di credere nel loro Dio, e i popoli dell’America Latina e dell’Africa che anelano alla vera indipendenza e libertà non questi simulacri sono tutti partigiani e ribelli.

    E questo è il loro giorno. Il nostro giorno.

    Fonte: Geopolitica.ru

    Traduzione a cura di Lorenzo Maria Pacini

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.