Bonvi Parken

“100 FUMETTISTI PER 100 MATTONI”

Nel segno di Peppone e Don Camillo, sabato 23 e domenica 24 giugno iniziativa dei disegnatori per la ricostruzione post terremoto. Anteprima allo Wow, spazio fumetto di Milano. Sabato 23 e domenica 24 giugno si svolgerà, presso il Bonvi Parken di Modena, “Ebbene sì! Fumetti al Bonvi Parken”, con spazi creativi, stand editoriali, incontri, fumetterie, performance live, disegni in diretta con ospiti del mondo del fumetto e dell’illustrazione.
BONVI PARKEN - A MODENA “100 FUMETTISTI PER 100 MATTONI” Don Camillo e Peppone

Nell’ambito dell’evento, l’associazione culturale e artistica ComixComunity propone un’iniziativa di sensibilizzazione e raccolta fondi a favore delle persone colpite del terremoto che ha funestato l’Emilia. L’iniziativa si intitola “Don Camillo e Peppone per la ricostruzione. 100 fumettisti per 100 mattoni”.

“I celeberrimi personaggi creati da Giovannino Guareschi, da un paio d’anni protagonisti anche di una serie a fumetti, hanno già passato almeno due periodi in cui è stato necessario ricostruire”, spiegano gli organizzatori dell’iniziativa. “Hanno vissuto e raccontato il secondo dopoguerra, dove da opposti schieramenti è stato indispensabile rimanere uniti di fronte a un Paese ridotto in macerie, così come di fronte all’alluvione che sconvolse la Bassa nel 1951. Anche in quel caso, con il sudore, la fatica e la determinazione di tutte le persone di buona volontà al di là del loro credo e colore politico, la terra tanto amata da Guareschi seppe reagire e rialzarsi. Per questo oggi il prete e il primo cittadino tornano in prima linea per affrontare la nuova prova a cui l’Emilia è chiamata”.

“L’iniziativa è ottima ed è giusto che anche il parroco don Camillo e il sindaco Peppone aiutino la propria gente come stanno facendo tutti i sindaci e i parroci delle zone terremotate”, è stata la risposta di Alberto e Carlotta Guareschi, figli dello scrittore, che hanno subito avvallato l’iniziativa. Così ha fatto la casa editrice ReNoir Comics, che pubblica le avventure a fumetti dei due celebri personaggi.
Da un’idea del curatore della collana, Davide Barzi, si è deciso di contattare cento disegnatori di fumetti, chiedendo a ognuno di loro di realizzare un’illustrazione su di un mattone. Ogni mattone, metafora della ricostruzione, diverrà quindi un’opera unica e irripetibile che verrà messa in vendita nel corso dell’evento per raccogliere fondi da destinare alle persone colpite dal terremoto.

Il primo step dell’evento si svolgerà martedì 12 giugno alle 17.30 allo “Wow Spazio Fumetto” di Milano, dove gli autori dell’area milanese si incontreranno per una performance collettiva durante la quale realizzeranno i mattoni che verranno poi inviati a Modena per l’evento.

I due punti di raccolta dei mattoni realizzati dai disegnatori emiliani saranno invece la “Fumetteria” di Pozza di Maranello e la libreria “Alessandro Distribuzioni” di Bologna.

I mattoni saranno in vendita sabato 23 e domenica 24 giugno presso lo spazio solidarietà del Bonvi Parken, in viale Amendola a Modena, dalle 10 alle 20.

Ecco alcuni degli autori che hanno dato la loro adesione all’iniziativa: Francesco Abrignani, Lola Airaghi, Fabiano Ambu, Stefano Babini, Roberto Baldazzini, Cristian Baldi, Luca Bertelé, Massimo Bonfatti, Mirko Bonini, Giuseppe Camuncoli, Adriano Carnevali, Clod, Christian Cornia, Maria Claudia Di Genova, Fabio D’Auria, Fabrizio Dori, Sandro Dossi, Lucio Filippucci, Stefania Fiorillo, Gianfranco Florio, Giuseppe Fontana, Giovanni Freghieri, Caterina Giorgetti, Cristina Giorgilli, Andrea Greppi, Stefano Landini, Danilo Loizedda, Mirella Mariani, Roberto Meli, Giacomo Michelon, Giuseppe Palumbo, Alessandro Poli, Giovanni Rigano, Piero Ruggeri, Luca Usai, Alessandro Vitti, Sonia Zucchini.

Ebbene sì!

FUMETTI AL BONVI PARKEN 2012

Sabato 23 e domenica 24 giugno 2012 il Bonvi Parken festeggia il primo anno di vita con due grandi anniversari disegnati: il quarantesimo di Nick Carter e della trasmissione Supergulp, il ventesimo dalla nascita di Comix, il celebre giornale dei fumetti edito da Franco Cosimo Panini.

Si celebrerà l’arte del fumetto e dell’illustrazione con spettacoli, stand editoriali, presentazioni di libri, performance live con autori che disegneranno in diretta tra cui Roberto Totaro, Stefano Disegni, Silver, Massimo Cavezzali, Sauro Ciantini, Lele Corvi, Andrea Bruno, Paola Barbato e tanti altri.

Ci saranno Diabolik che compie quest’anno mezzo secolo di vita, sketch d’improvvisazione teatrale ispirati alle Sturmtruppen di Bonvi e all’investigatore Nick Carter, fino allo spettacolo serale Da Superguip a Comix. Ridiamoci sopra! che si terrà sabato 23 ore 21.30 all’Arena del Parken.
Condotto da Guido de Maria, Clod e Francesca Fornario (giornalista, autrice satirica e collaboratrice della trasmissione “Un giorno da pecora” in onda su Radio 2), sul palco saliranno ospiti del mondo del fumetto tra cui Silver, per uno spettacolo a più voci all’insegna dell’ironia e del divertimento: talk show, video-letture di strip, proiezioni di “fumetti in tv” e… una buona dose di imprevedibili sorprese!

Vai al programma completo >>

Aspettando BilBOlbul

Continuano gli appuntamenti di “Aspettando BilBOlbul” con l’inaugurazione della mostra Pali della luce di Paolo Cattaneo (Inuit libreria, il 27 alle h 19). Martedì 28 febbraio alle 18 apre Storie dal C.e.p. Village di Giuseppe De Mattia e Cristina Portolano (Tatler Perfumery) e alle 19.30 alla galleria Ono Arte Contemporanea viene presentato il nuovo numero della ZeroGuida Bologna.

Il programma di mercoledì 29 febbraio è davvero ricco: alle 17 inaugura la mostra Snowhite’s Secret Box di Ana Juan (Pinacoteca Nazionale di Bologna) e alle 18 quella di Fumetti bambini di Giulia Sagramola e Tuono Pettinato (Libreria Trame). Alle 18.30 a Twinside Il bistrot del Caminetto d’oro ci sarà la performance di Lucia Biagi On the blackboard. Alle 19 a Vanilia & Comics incontro con Rocco Lombardi e Paolo Parisi su Dino Campana. Alle 20 a Ferrara inaugura la mostra Superzelda (Zuni). E giovedì parte BilBOlbul!

Venerdì 2 marzo ( h 10-13 / 15-19) BilBOlbul ospita alla Cineteca di Bologna (Sala Cervi) il convegno Illustrazione, fumetto, cinema d’animazione: lo stato del racconto per immagini a cura di Associazione Illustratori, European Illustration Forum. Il convegno si interroga su come il concetto di proprietà intellettuale sia stato ridefinito dalla crisi del mercato globale e dalle nuove tecnologie. Attraverso un confronto tra l’anima creativa e quella imprenditoriale, vengono esaminate diverse realtà della “comunicazione narrativa per immagini”, affrontando le problematiche relative ai nuovi supporti digitali e alla diffusione di contenuti in rete.

Relatori: Ivo Milazzo – Autore e Presidente AI; Paolo Rui – Autore e Presidente EIF; Enzo D’Alò – regista di film d’animazione; Raffaella Pellegrino – Avvocato esperta in diritto d’autore e proprietà intellettuale. Conduce e modera Luca Boschi, fumettista e giornalista.

Sono aperte le iscrizioni per il laboratorio per bambini E poi siamo partiti di Stefano Ricci, che si terrà durante BilBOlbul.
Un percorso laboratoriale pensato appositamente per il festival e articolato in tre incontri.
A partire dal ricordo di un viaggio, i bambini progetteranno, disegneranno, stamperanno e rilegheranno un albo a fumetti. Alla fine del workshop ogni bambino potrà portare a casa una copia del proprio libro.

Cineteca di Bologna, 1-2 marzo h 16.30-18.30 / 3 marzo h 10-12

Tre incontri per bambini dai 7 agli 11 anni (è richiesta la partecipazione a tutti gli incontri)
Costo d’iscrizione (3 incontri): 20 euro a bambino (Max 20 partecipanti)
Info e iscrizioni: 051 233401 / 349 3714417

Sono aperte le iscrizioni a FUMETTINBICI laboratorio di fumetto di strada a emissioni zero con Marina Girardi e Rocco Lombardi (2-3 marzo h 10-14, ritrovo: Biblioteca Salaborsa).
Mentre il festival anima le vie del centro, Marina Girardi e Rocco Lombardi accompagneranno i partecipanti del laboratorio in una pedalata alla scoperta dei margini della città. Attraverso luoghi in cui il confine tra l’ambiente urbano e quello naturale è ancora indefinito e in costante metamorfosi i partecipanti potranno raccogliere suggestioni in forma scritta e disegnata per creare una breve tavola a fumetti.

Laboratorio gratuito. Max 8 partecipanti
Iscrizioni:
051 233401 / 349 3714417

Per chi ne avesse bisogno, il Comune di Bologna mette a disposizione delle biciclette. Si ringrazia l’Assessorato alla Mobilità del Comune di Bologna.

Lucca comics 2011-Le mostre

Lucca Comics si conferma il momento clou nell’anno solare dedicato al Fumetto con un carnet di appuntamenti, eventi e, soprattutto, una lista di ospiti di primo livello. Ancora una volta, il maggior Festival italiano di settore, tra i primi in Europa, entra nel suo autunno caldo con una cinque giorni imperdibile. Una cinque giorni che, virtualmente, inizia con l’apertura delle mostre di Lucca Comics, sabato 15 ottobre: nelle sale del Palazzo Ducale, ormai cornice unica e preziosa per le gallerie espositive, ecco i cinque percorsi dedicati alla Nona Arte. Si inizia con i colori degli italiani Emanuele Fior e Davide Reviati, apprezzatissimi in patria e nel panorama francofono per poi scivolare in un’avvolgente antologica, tra illustrazioni di copertine e trasposizioni fumettistiche, dedicata allo scrittore Emilio Salgari a cui il Festival tributa l’intera edizione. Tigri e pirati lasciano poi il passo alla dolcezza del tratto di uno dei Mangaka giapponesi più famosi ovvero Jiro Taniguchi: la linea chiara e l’uso sapiente dell’acquerello si confondono così nella narrazione di storie emotive e intimistiche giudicate universali. Chiudono la carrellata due mostre di impatto: i colori esplosivi di Blacksad, incredibile investigatore noir dal tratto cartoonesco inventato dal duo iberico Canales e Guarnido e il cupo e visionario David Lloyd che, attraverso il suo tratto e i suoi neri contrastati, ha dato volto all’icona della rivoluzione a fumetti, un uomo conosciuto come V…come Vendetta. Ma il viaggio non finisce qui: per l’apertura di venerdì 28 ottobre, Lucca Comics ha in programma una serie di happening che non mancheranno di stupire il suo pubblico: un ciclo di incontri a tema sull’Avventura salgariana con interventi dei massimi esponenti di settore, artisti e sceneggiatori, un evento dedicato al cinquantenario di Zagor, un ricordo particolare del grande Sergio Bonelli, recentemente scomparso, il ritorno degli appuntamenti creati ad hoc per addetti ai lavori e professionisti del fumetto e non solo (Lavorare con il Fumetto e Comics Talks), due showcase per apprezzare totalmente le performance degli autori presenti al Festival. Ritornano anche i percorsi dedicati al fumetto autoprodotto (Self Area), i luoghi interamente dedicati alla cultura giapponese (Japan Palace, quest’anno ancora più splendente e più grande come area espositiva), i progetti dedicati allo scouting di nuove firme (Lucca Project Contest, Incontri con gli Editor).

Le Mostre di Lucca Comics
15 ottobre – 1 novembre 2011
Palazzo Ducale
Ingresso gratuito
Orari
dal 15 ottobre al 27 ottobre
10.00 – 13.00/15.00 – 19.00
dal 28 ottobre al 1 novembre
Japan Palace Ancora più grande, ancora più ricco

Nell’anno della terribile disgrazia che ha colpito il Giappone, Lucca Comics & Games vuole dare maggiore risalto al paese del Sol Levante ampliando gli spazi disponibili per l’esposizione di tutto ciò che il popolo nipponico può offrirci. Vogliamo così dare il segnale che il Giappone è pronto a sollevarsi ancora, a stupirci con la sua forza e ad accettarci a braccia aperte per proporci la sua cultura. La novità più forte di quest’anno è proprio l’ingrandimento del Japan Palace che conquista il primo piano del Real Collegio, accessibile da due rampe di scale e da un’ascensore. Il nuovo piano sarà così costituito: Area Proiezioni: una sala proiezioni di 400mq dove saranno proiettati corti e film promozionali oltre ad essere il luogo degli incontri con gli ospiti nipponici e italiani. Area Mangaka: un’area ben definita dove oltre dieci espositori presenteranno l’offerta di studio, di materiali e di tutto il necessario per chi si avvicina al mondo del disegno in stile manga o si vuole specializzare in questa affascinante tecnica; a questa importante novità, si affiancherà un concorso per mangaka italiani, una community oramai ben sviluppata e strutturata. L’area avrà al suo interno una propria sala incontri dove si terranno workshop e presentazioni delle ultime tecniche e degli accessori indispensabili per ogni mangaka. Area Fashion&Cosplay: questo spazio presenterà espositori che ruotano intorno alla Japan fashion, che sia il Lolita style, gothic o l’accessoristica per cosplay. Area Gadgets: uno spazio dedicato ai gadgets e all’artigianato giapponese. Oltre a queste novità, al piano terra si riaffermano il punto ristoro Mangiappone, l’area modellismo NKGC, i corsi, le mostre, i workshop e le conferenze con la collaborazione dell’associazione Ochacaffè e l’agenzia E-talentbank, e ovviamente l’area espositiva e commerciale. Inoltre l’offerta quest’anno si fa più interessante grazie all’amplificazione (sembra la parola più adatta) della parte musicale. Tornano gli eventi live all’interno dei chiostri (arti marziali, J-Rock ed elettronica nipponica di DJ Shiru e il karaoke con Eriko) ma si aggiungono anche ospiti dal Giappone, che sveleremo a mano a mano… per ora preannunciamo che si parlerà di J-Hip Hop, di visual kei, e di J-Rock e attraverso mostre e proiezioni vedremo come udito e vista siano ormai di fatto uniti nell’arte: animazioni che accompagnano musica, suoni che fanno da contorno alle mostre di grafica, e fusione di entrambe nei videoclip dei Vocaloid, gli idol di ultima generazione nipponica! E per finire, avremo naturalmente come ospiti al Japan Palace anche i VIP giapponesi in visita a Lucca.

Bonvi Park

Domenica 26 giugno 2011, con iniziative a partire dalle 16,30 e inaugurazione ufficiale alle 18.30, l’attuale Parco Amendola Nord di Modena sarà intitolato al fumettista modenese Francesco Bonvicini, in arte Bonvi.
Alla cerimonia di inaugurazione parteciperanno diversi fumettisti, alcuni dei quali allievi dello stesso Bonvi, personaggi della cultura, dello spettacolo e della televisione che l’hanno conosciuto e apprezzato, che gli sono stati amici o che l’hanno avuto come compagno di strada: Francesco Guccini, Valerio Massimo Manfredi, Guido De Maria, Vincenzo Mollica, Giancarlo Governi.
Riceviamo e volentieri trasmettiamo notizia dell’evento promosso dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Modena.

Domenica 26 giugno l’attuale Parco Amendola Nord di Modena sarà intitolato con una grande festa al fumettista modenese e sarà abitato dai personaggi nati dalla sua fantasia.

Programma dell’inaugurazione

16.30 FUMETTO AL TRANCIO a cura di ComixComunity
e con Bonfa, Roberto Baldazzini, Alfredo Castelli, Giorgio Cavazzano, Clod, Giovanni Freghieri, Vittorio Giardino, Silver, Donald Soffritti e tanti altri
18.30 INAUGURAZIONEN UFFIZIALEN, seguirà “aperitifo da kampen”
20.30 TALK SHOW, ARENA DEL PARCO
con Francesco Guccini, Guido de Maria, Valerio Massimo Manfredi, Giancarlo Governi, Silver e tanti altri…..
Nel corso della serata filmati a fumetti, interviste e le Sturmtruppen doppiate da Freak Antoni
Conduce: Daniele Soragni, giornalista e autore televisivo


Se un parco significa aggregazione e socialità, lo stesso si può dire per il fumetto. E se un fumetto può raccontare un parco, un parco può diventare a fumetti. E’ quel che accadrà al “vecchio” Amendola Nord che, da domenica 26 giugno alle 18.30, sarà ribattezzato “Bonvi Parken” in omaggio a quel Franco Bonvicini modenese, in arte Bonvi, che ha segnato il mondo delle strip degli ultimi decenni del ‘900. L’iniziativa del Comune nasce da un’idea dell’Assessore alla Cultura Roberto Alperoli, accolta e sviluppata con passione da un comitato amici addetti ai lavori e giovani studiosi, composto da Guido de Maria, Francesco Bonvicini, Clod, Claudio Varetto, Stefano Bulgarelli, Cristina Stefani, e realizzata grazie anche all’agenzia “Chiaroscuro”, che su licenza degli eredi gestisce i diritti di tutta l’opera di Bonvi.
Le caratteristiche del luogo, nel progetto curato dalla figlia di Bonvi architetto, Sofia Bonvicini, consentiranno di creare un percorso permanente che accompagnerà i visitatori alla scoperta della creatività di un protagonista del fumetto italiano e internazionale. I due principali ingressi al parco, su viale Amendola e via Sassi, visivamente caratterizzati, faranno da richiamo per questo palcoscenico nel verde dove sarà possibile incontrare le Sturmtruppen, i personaggi di Nick Carter e delle Storie dello spazio profondo – creati da Bonvi rispettivamente con gli amici Guido De Maria e Francesco Guccini – e tanti altri. Ognuno, riprodotto su grandi sagome, sarà affiancato da un pannello con didascalie e relative strip. Ogni visitatore riceverà in omaggio una mappa del parco con la presentazione e la collocazione dei personaggi, una biografia di Bonvi e un testo sui suoi anni ’60 modenesi, in cui la città diventava capitale del beat italiano.
I promotori intendono mantenere vivo il “Bonvi Parken” con iniziative su fumetto e animazione, come laboratori all’aperto con le scuole, conferenze e proiezioni destinate a persone di tutte le età. Su questa linea, la festa del 26 giugno comincerà con l’iniziativa “fumetto al trancio”, a cura di ComixComunity, in cui fumettisti in erba disegneranno con alcuni dei maggiori autori italiani, amici se non allievi di Bonvi: Silver, Leo Ortolani, Cavazzano, Bonfa, Clod, Alfredo Castelli e tanti altri. Dopo l’inaugurazione e un “aperitiven da kampen”, l’arena del parco accoglierà un talk show in cui le testimonianze degli amici di Bonvi saranno intervallate da filmati (Nick Carter, Sturmtruppen e backstage di Supergulp) e altre sorprese. Tra gli ospiti annunciati: Francesco Guccini, Valerio Massimo Manfredi, Guido De Maria, Giancarlo Governi, Franco Fontana. A seguire, il filmato “Bonvi, una vita inventata” diretto da De Maria e Governi e, a concludere la serata, il video delle Sturmtruppen doppiate in diretta da Freak Antoni.
A partire dal “Parken”, il lavoro creativo di Bonvi rientrerà in un più vasto progetto avviato dal Museo Civico d’Arte di Modena in collaborazione con la Galleria Civica sull’arte modenese del XX secolo, in particolare su quel filone espressivo, in gran parte ancora da scoprire, che va dalla caricatura d’inizio ‘900, all’animazione, al fumetto.


Biografia

Nato a Modena, Franco Bonvicini in arte Bonvi (1941 — 1995) comincia negli anni Sessanta a collaborare come autore insieme a Francesco Guccini ai Caroselli di Salomone Pirata Pacioccone prodotti e diretti da Guido De Maria, per dedicarsi poi al fumetto. A partire dal 1968 disegna le Sturmtruppen (pubblicate in più di 20 paesi e tradotte in 11 lingue). Del ’69 è Cattivik e del ’72 la saga Storie dello spazio profondo realizzata con Guccini. Nello stesso anno, per la trasmissione Gulp! Fumetti in Tv, con De Maria crea Nick Carter, che disegna poi per il Corriere dei ragazzi. Dal ’73 realizza Cronache del Dopobomba, fumetto inizialmente censurato in Italia e pubblicato in Francia dal ’74. Per il mercato francese realizza, insieme a Mario Gomboli, Milo Marat e le vignette satiriche del quotidiano l’Humanité. Nel ’78 pubblica L’uomo di Tsushima dove si ritrae nei panni di Jack London. È del ’79 Marzolino Tarantola, ideato per SuperGulp!. Nel ’93 nasce Blob, che diventa una serie su “Comix”. Bonvi scompare in un incidente nel 1995, lasciando un archivio di tavole, personaggi, storie e disegni che, dal 2005, lo studio Chiaroscuro di Bologna digitalizza e restaura, con iniziative editoriali di successo.

Sagome inquiete

Sagome inquiete: ombre e silhouette dalle figurine al cinema

Da 04/03/2011
A 17/07/2011
Dove
Museo della Figurina
corso Canalgrande, 103
Orario dal mercoledì al venerdì ore 10.30-13; 16-19.30 – sabato, domenica e festivi 10.30-19.30.
Lunedì e martedì chiuso
Per informazioni
Tel: 059/2032919 – 2033090

http://www.comune.modena.it/museofigurina

Aggiungi l’evento al calendario vCal
iCal

Tipo di evento:

Mostre

Costo:

ingresso gratuito

Inaugurazione venerdì 4 marzo alle 18 con l’Aperitivo con l’ombra

La nuova mostra del Museo della figurina di Modena, che esplora il tema del doppio e dell’oscurità con oltre 180 tra figurine e bolli chiudilettera, esposti accanto a teatrini d’ombre, lanterne magiche e opere d’arte tridimensionali.

Ad illustrare il tema, in mostra anche materiali prestati da collezionisti, a fare da trait d’union tra le figurine e il mondo del cinema: tre lanterne magiche, un teatrino d’ombre dell’Ottocento e alcune sagome balinesi in cuoio dipinto e legno. Per la prima volta in una mostra temporanea, il museo espone 76 Notgeld, le ‘banconote d’emergenza’ stampate in Germania a inizio Novecento, nei periodi di iperinflazione, decorate con vedute panoramiche, sagome e ombre in stile espressionista. Un maxi-schermo e piccoli video all’interno delle vetrine propongono spezzoni di film, da Metropolis di Fritz Lang a Scarface di Howard Hawks, per evocare le atmosfere misteriose della fantascienza e del noir, insieme a Le avventure del principe Achmed di Lotte Reiniger, primo lungometraggio d’animazione della storia del cinema.

L’esposizione comprende anche giornalini d’epoca, stampe antiche, album completi di figurine e venti fumetti, da Corto Maltese a Batman, nei quali antagonisti e cattivi sono rappresentati sotto forma di ombre e creature dell’oscurità.

La mostra, curata da Roberto Alessandrini e Paola Basile, è accompagnata da un catalogo pubblicato dalla Franco Cosimo Panini.