Lucca comics 2011-Le mostre

Lucca Comics si conferma il momento clou nell’anno solare dedicato al Fumetto con un carnet di appuntamenti, eventi e, soprattutto, una lista di ospiti di primo livello. Ancora una volta, il maggior Festival italiano di settore, tra i primi in Europa, entra nel suo autunno caldo con una cinque giorni imperdibile. Una cinque giorni che, virtualmente, inizia con l’apertura delle mostre di Lucca Comics, sabato 15 ottobre: nelle sale del Palazzo Ducale, ormai cornice unica e preziosa per le gallerie espositive, ecco i cinque percorsi dedicati alla Nona Arte. Si inizia con i colori degli italiani Emanuele Fior e Davide Reviati, apprezzatissimi in patria e nel panorama francofono per poi scivolare in un’avvolgente antologica, tra illustrazioni di copertine e trasposizioni fumettistiche, dedicata allo scrittore Emilio Salgari a cui il Festival tributa l’intera edizione. Tigri e pirati lasciano poi il passo alla dolcezza del tratto di uno dei Mangaka giapponesi più famosi ovvero Jiro Taniguchi: la linea chiara e l’uso sapiente dell’acquerello si confondono così nella narrazione di storie emotive e intimistiche giudicate universali. Chiudono la carrellata due mostre di impatto: i colori esplosivi di Blacksad, incredibile investigatore noir dal tratto cartoonesco inventato dal duo iberico Canales e Guarnido e il cupo e visionario David Lloyd che, attraverso il suo tratto e i suoi neri contrastati, ha dato volto all’icona della rivoluzione a fumetti, un uomo conosciuto come V…come Vendetta. Ma il viaggio non finisce qui: per l’apertura di venerdì 28 ottobre, Lucca Comics ha in programma una serie di happening che non mancheranno di stupire il suo pubblico: un ciclo di incontri a tema sull’Avventura salgariana con interventi dei massimi esponenti di settore, artisti e sceneggiatori, un evento dedicato al cinquantenario di Zagor, un ricordo particolare del grande Sergio Bonelli, recentemente scomparso, il ritorno degli appuntamenti creati ad hoc per addetti ai lavori e professionisti del fumetto e non solo (Lavorare con il Fumetto e Comics Talks), due showcase per apprezzare totalmente le performance degli autori presenti al Festival. Ritornano anche i percorsi dedicati al fumetto autoprodotto (Self Area), i luoghi interamente dedicati alla cultura giapponese (Japan Palace, quest’anno ancora più splendente e più grande come area espositiva), i progetti dedicati allo scouting di nuove firme (Lucca Project Contest, Incontri con gli Editor).

Le Mostre di Lucca Comics
15 ottobre – 1 novembre 2011
Palazzo Ducale
Ingresso gratuito
Orari
dal 15 ottobre al 27 ottobre
10.00 – 13.00/15.00 – 19.00
dal 28 ottobre al 1 novembre
Japan Palace Ancora più grande, ancora più ricco

Nell’anno della terribile disgrazia che ha colpito il Giappone, Lucca Comics & Games vuole dare maggiore risalto al paese del Sol Levante ampliando gli spazi disponibili per l’esposizione di tutto ciò che il popolo nipponico può offrirci. Vogliamo così dare il segnale che il Giappone è pronto a sollevarsi ancora, a stupirci con la sua forza e ad accettarci a braccia aperte per proporci la sua cultura. La novità più forte di quest’anno è proprio l’ingrandimento del Japan Palace che conquista il primo piano del Real Collegio, accessibile da due rampe di scale e da un’ascensore. Il nuovo piano sarà così costituito: Area Proiezioni: una sala proiezioni di 400mq dove saranno proiettati corti e film promozionali oltre ad essere il luogo degli incontri con gli ospiti nipponici e italiani. Area Mangaka: un’area ben definita dove oltre dieci espositori presenteranno l’offerta di studio, di materiali e di tutto il necessario per chi si avvicina al mondo del disegno in stile manga o si vuole specializzare in questa affascinante tecnica; a questa importante novità, si affiancherà un concorso per mangaka italiani, una community oramai ben sviluppata e strutturata. L’area avrà al suo interno una propria sala incontri dove si terranno workshop e presentazioni delle ultime tecniche e degli accessori indispensabili per ogni mangaka. Area Fashion&Cosplay: questo spazio presenterà espositori che ruotano intorno alla Japan fashion, che sia il Lolita style, gothic o l’accessoristica per cosplay. Area Gadgets: uno spazio dedicato ai gadgets e all’artigianato giapponese. Oltre a queste novità, al piano terra si riaffermano il punto ristoro Mangiappone, l’area modellismo NKGC, i corsi, le mostre, i workshop e le conferenze con la collaborazione dell’associazione Ochacaffè e l’agenzia E-talentbank, e ovviamente l’area espositiva e commerciale. Inoltre l’offerta quest’anno si fa più interessante grazie all’amplificazione (sembra la parola più adatta) della parte musicale. Tornano gli eventi live all’interno dei chiostri (arti marziali, J-Rock ed elettronica nipponica di DJ Shiru e il karaoke con Eriko) ma si aggiungono anche ospiti dal Giappone, che sveleremo a mano a mano… per ora preannunciamo che si parlerà di J-Hip Hop, di visual kei, e di J-Rock e attraverso mostre e proiezioni vedremo come udito e vista siano ormai di fatto uniti nell’arte: animazioni che accompagnano musica, suoni che fanno da contorno alle mostre di grafica, e fusione di entrambe nei videoclip dei Vocaloid, gli idol di ultima generazione nipponica! E per finire, avremo naturalmente come ospiti al Japan Palace anche i VIP giapponesi in visita a Lucca.

Bonvi Park

Domenica 26 giugno 2011, con iniziative a partire dalle 16,30 e inaugurazione ufficiale alle 18.30, l’attuale Parco Amendola Nord di Modena sarà intitolato al fumettista modenese Francesco Bonvicini, in arte Bonvi.
Alla cerimonia di inaugurazione parteciperanno diversi fumettisti, alcuni dei quali allievi dello stesso Bonvi, personaggi della cultura, dello spettacolo e della televisione che l’hanno conosciuto e apprezzato, che gli sono stati amici o che l’hanno avuto come compagno di strada: Francesco Guccini, Valerio Massimo Manfredi, Guido De Maria, Vincenzo Mollica, Giancarlo Governi.
Riceviamo e volentieri trasmettiamo notizia dell’evento promosso dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Modena.

Domenica 26 giugno l’attuale Parco Amendola Nord di Modena sarà intitolato con una grande festa al fumettista modenese e sarà abitato dai personaggi nati dalla sua fantasia.

Programma dell’inaugurazione

16.30 FUMETTO AL TRANCIO a cura di ComixComunity
e con Bonfa, Roberto Baldazzini, Alfredo Castelli, Giorgio Cavazzano, Clod, Giovanni Freghieri, Vittorio Giardino, Silver, Donald Soffritti e tanti altri
18.30 INAUGURAZIONEN UFFIZIALEN, seguirà “aperitifo da kampen”
20.30 TALK SHOW, ARENA DEL PARCO
con Francesco Guccini, Guido de Maria, Valerio Massimo Manfredi, Giancarlo Governi, Silver e tanti altri…..
Nel corso della serata filmati a fumetti, interviste e le Sturmtruppen doppiate da Freak Antoni
Conduce: Daniele Soragni, giornalista e autore televisivo


Se un parco significa aggregazione e socialità, lo stesso si può dire per il fumetto. E se un fumetto può raccontare un parco, un parco può diventare a fumetti. E’ quel che accadrà al “vecchio” Amendola Nord che, da domenica 26 giugno alle 18.30, sarà ribattezzato “Bonvi Parken” in omaggio a quel Franco Bonvicini modenese, in arte Bonvi, che ha segnato il mondo delle strip degli ultimi decenni del ‘900. L’iniziativa del Comune nasce da un’idea dell’Assessore alla Cultura Roberto Alperoli, accolta e sviluppata con passione da un comitato amici addetti ai lavori e giovani studiosi, composto da Guido de Maria, Francesco Bonvicini, Clod, Claudio Varetto, Stefano Bulgarelli, Cristina Stefani, e realizzata grazie anche all’agenzia “Chiaroscuro”, che su licenza degli eredi gestisce i diritti di tutta l’opera di Bonvi.
Le caratteristiche del luogo, nel progetto curato dalla figlia di Bonvi architetto, Sofia Bonvicini, consentiranno di creare un percorso permanente che accompagnerà i visitatori alla scoperta della creatività di un protagonista del fumetto italiano e internazionale. I due principali ingressi al parco, su viale Amendola e via Sassi, visivamente caratterizzati, faranno da richiamo per questo palcoscenico nel verde dove sarà possibile incontrare le Sturmtruppen, i personaggi di Nick Carter e delle Storie dello spazio profondo – creati da Bonvi rispettivamente con gli amici Guido De Maria e Francesco Guccini – e tanti altri. Ognuno, riprodotto su grandi sagome, sarà affiancato da un pannello con didascalie e relative strip. Ogni visitatore riceverà in omaggio una mappa del parco con la presentazione e la collocazione dei personaggi, una biografia di Bonvi e un testo sui suoi anni ’60 modenesi, in cui la città diventava capitale del beat italiano.
I promotori intendono mantenere vivo il “Bonvi Parken” con iniziative su fumetto e animazione, come laboratori all’aperto con le scuole, conferenze e proiezioni destinate a persone di tutte le età. Su questa linea, la festa del 26 giugno comincerà con l’iniziativa “fumetto al trancio”, a cura di ComixComunity, in cui fumettisti in erba disegneranno con alcuni dei maggiori autori italiani, amici se non allievi di Bonvi: Silver, Leo Ortolani, Cavazzano, Bonfa, Clod, Alfredo Castelli e tanti altri. Dopo l’inaugurazione e un “aperitiven da kampen”, l’arena del parco accoglierà un talk show in cui le testimonianze degli amici di Bonvi saranno intervallate da filmati (Nick Carter, Sturmtruppen e backstage di Supergulp) e altre sorprese. Tra gli ospiti annunciati: Francesco Guccini, Valerio Massimo Manfredi, Guido De Maria, Giancarlo Governi, Franco Fontana. A seguire, il filmato “Bonvi, una vita inventata” diretto da De Maria e Governi e, a concludere la serata, il video delle Sturmtruppen doppiate in diretta da Freak Antoni.
A partire dal “Parken”, il lavoro creativo di Bonvi rientrerà in un più vasto progetto avviato dal Museo Civico d’Arte di Modena in collaborazione con la Galleria Civica sull’arte modenese del XX secolo, in particolare su quel filone espressivo, in gran parte ancora da scoprire, che va dalla caricatura d’inizio ‘900, all’animazione, al fumetto.


Biografia

Nato a Modena, Franco Bonvicini in arte Bonvi (1941 — 1995) comincia negli anni Sessanta a collaborare come autore insieme a Francesco Guccini ai Caroselli di Salomone Pirata Pacioccone prodotti e diretti da Guido De Maria, per dedicarsi poi al fumetto. A partire dal 1968 disegna le Sturmtruppen (pubblicate in più di 20 paesi e tradotte in 11 lingue). Del ’69 è Cattivik e del ’72 la saga Storie dello spazio profondo realizzata con Guccini. Nello stesso anno, per la trasmissione Gulp! Fumetti in Tv, con De Maria crea Nick Carter, che disegna poi per il Corriere dei ragazzi. Dal ’73 realizza Cronache del Dopobomba, fumetto inizialmente censurato in Italia e pubblicato in Francia dal ’74. Per il mercato francese realizza, insieme a Mario Gomboli, Milo Marat e le vignette satiriche del quotidiano l’Humanité. Nel ’78 pubblica L’uomo di Tsushima dove si ritrae nei panni di Jack London. È del ’79 Marzolino Tarantola, ideato per SuperGulp!. Nel ’93 nasce Blob, che diventa una serie su “Comix”. Bonvi scompare in un incidente nel 1995, lasciando un archivio di tavole, personaggi, storie e disegni che, dal 2005, lo studio Chiaroscuro di Bologna digitalizza e restaura, con iniziative editoriali di successo.

Sagome inquiete

Sagome inquiete: ombre e silhouette dalle figurine al cinema

Da 04/03/2011
A 17/07/2011
Dove
Museo della Figurina
corso Canalgrande, 103
Orario dal mercoledì al venerdì ore 10.30-13; 16-19.30 – sabato, domenica e festivi 10.30-19.30.
Lunedì e martedì chiuso
Per informazioni
Tel: 059/2032919 – 2033090

http://www.comune.modena.it/museofigurina

Aggiungi l’evento al calendario vCal
iCal

Tipo di evento:

Mostre

Costo:

ingresso gratuito

Inaugurazione venerdì 4 marzo alle 18 con l’Aperitivo con l’ombra

La nuova mostra del Museo della figurina di Modena, che esplora il tema del doppio e dell’oscurità con oltre 180 tra figurine e bolli chiudilettera, esposti accanto a teatrini d’ombre, lanterne magiche e opere d’arte tridimensionali.

Ad illustrare il tema, in mostra anche materiali prestati da collezionisti, a fare da trait d’union tra le figurine e il mondo del cinema: tre lanterne magiche, un teatrino d’ombre dell’Ottocento e alcune sagome balinesi in cuoio dipinto e legno. Per la prima volta in una mostra temporanea, il museo espone 76 Notgeld, le ‘banconote d’emergenza’ stampate in Germania a inizio Novecento, nei periodi di iperinflazione, decorate con vedute panoramiche, sagome e ombre in stile espressionista. Un maxi-schermo e piccoli video all’interno delle vetrine propongono spezzoni di film, da Metropolis di Fritz Lang a Scarface di Howard Hawks, per evocare le atmosfere misteriose della fantascienza e del noir, insieme a Le avventure del principe Achmed di Lotte Reiniger, primo lungometraggio d’animazione della storia del cinema.

L’esposizione comprende anche giornalini d’epoca, stampe antiche, album completi di figurine e venti fumetti, da Corto Maltese a Batman, nei quali antagonisti e cattivi sono rappresentati sotto forma di ombre e creature dell’oscurità.

La mostra, curata da Roberto Alessandrini e Paola Basile, è accompagnata da un catalogo pubblicato dalla Franco Cosimo Panini.

Visita guidata alla mostra di Hugo Pratt

Sabato 21 maggio 2011, alle ore 17.30, alla Biblioteca Delfini visita guidata dell’illustratore Gianni Carino alla mostra Ernie Pike ritrovato, diciotto tavole originali di Hugo Pratt disegnate per l’episodio Poilu, della serie Ernie Pike, ambientata durante la seconda guerra mondiale e ispirata ai reportage del giornalista americano Ernest Pyle (fino al 4 giugno 2011).
Ingresso gratuito.

Gianni Carino
Art director, illustratore pubblicitario, umorista e disegnatore. Palma d’Oro al Salone Internazionale dell’Umorismo di Bordighera nel 1986 con il libro De Porcellis. Ha pubblicato molti fumetti con vari autori e uno per l’Unione Europea. Illustra le ricostruzioni giornalistiche della trasmissione RAI “Anno Zero” e “Chi l’ha visto?” Per Rainews24 una sua vignetta appare tutti giorni. Le sue vignette sono apparse anche sui siti Kataweb, Vivacity e Miaeconomia. Ha ricevuto il titolo di “Magister” dall’Accademia di Belle Arti di Macerata. Pubblicazioni: S. Staino-G. Carino, Coppia a perdere (L’isola trovata, 1983); R. Marcenaro-M. Battaglia-G. Carino, In Europa: 8 giorno e mezzo con Europina ed Europino (Il Melo, 1989); G. Carino, De Porcellis (Reverdito Editore, 1986); R. Marcenaro-G. Carino, Il falco magico (Ro Marcenaro, 1999); G. Polloni/G. Carino, Gustare la memoria (Vicolo del Pavone, 2000); S. Staino-G. Carino, Il fucile e la rosa (Coconino, 2005); G. Carino, Se divisi siam canaglia (Artestampa, 2010).

Informazioni
Biblioteca Delfini
Corso Canalgrande 103 – 41121 Modena
Tel. 059.2032940 – Fax 059.2032926
Orari: lunedì 14-20; da martedì a sabato 9-20
http://www.comune.modena.it/biblioteche

Fumetto e letteratura

La quinta edizione di BilBOlbul è alle porte! Vi aspettano cinque giorni di mostre, incontri, dediche, proiezioni e feste all’insegna del fumetto d’autore.
La mostra antologica di quest’anno è dedicata a José Muñoz, maestro del fumetto argentino e internazionale, grande innovatore che ha influenzato più di una generazione di disegnatori. Tra gli altri ospiti di BilBOlbul 2011: Vanna Vinci, Grazia Nidasio, Ruppert & Mulot, Brecht Evens, Mariana Chiesa Mateos, Otto Gabos e moltissimi altri

Il focus di questa edizione è il rapporto tra fumetto e letteratura, visto attraverso il racconto incrociato di scrittori, fumettisti e sceneggiatori. Oltre alle mostre Questi grandi amori di Grazia Nidasio (Biblioteca di arte e di storia di San Giorgio in Poggiale, 4-31 marzo, inaugurazione 4 marzo h 18.30) e Anno nero di Otto Gabos (Simon Spazio per le idee, 4-12 marzo, inaugurazione e reading 4 marzo h 21), il festival dedica a questo tema un ciclo di incontri, organizzato in collaborazione con la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Bologna, a cui partecipano José Muñoz, Ben Katchor, Edmond Baudoin e Vittorio Giardino.

3 MARZO H 16.30
LA VITA NON È UN FUMETTO, BABY
FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA – VIA ZAMBONI 38 – AULA 3
CON JOSÉ MUÑOZ. INTERVIENE EMILIO VARRÀ
• • • • • • •
4 MARZO H 15.30
L’EBREO DI NEW YORK
FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA – VIA ZAMBONI 38 – AULA 3
CON BEN KATCHOR. INTERVIENE GINO SCATASTA
• • • • • • •
5 MARZO H 11
LA MUSICA DEL DISEGNO
BIBLIOTECA SALABORSA – AUDITORIUM
CON EDMOND BAUDOIN. INTERVIENE ENRICO FORNAROLI
• • • • • • •
5 MARZO H 17.30
STORIA, LETTERATURA O FUMETTO?
BIBLIOTECA SALABORSA – AUDITORIUM
CON VITTORIO GIARDINO. INTERVIENE ALBERTO SEBASTIANI

Da non perdere l’incontro con Igort e Franco Minganti dedicato allo scrittore Raymond Chandler (4 marzo h 17, LIBRERIA FELTRINELLI RAVEGNANA), quello su Fantomas (5 marzo h 11.30, LIBRERIA.COOP AMBASCIATORI) con Onofrio Catacchio, Luigi Bernardi e Monica Dall’Asta, il confronto tra Francesco Cattani e Paolo Nori (5 marzo h 12, LIBRERIA FELTRINELLI RAVEGNANA), la proiezione e l’incontro con Davide Toffolo dedicati a Pasolini (5 marzo h 17, CINETECA DI BOLOGNA – SALA CERVI), la tavola rotonda sulla sceneggiatura (6 marzo h 14.15 BIBLIOTECA SALABORSA – AUDITORIUM) con José Muñoz, Matteo Casali, Luca Raffaelli, Nicola Peruzzi, l’incontro con Edmond Baudoin, Luigi Bernardi, Ugo Cornia e Fabio Visintin (6 marzo h 11 LIBRERIA.COOP AMBASCIATORI) e l’appuntamento dedicato al noir con Otto Gabos, Pino Cacucci, Luigi Bernardi e Luca Baldazzi.

Foto-cine-video a Modena

Per il pubblico dei fotoamatori, Photo Cine Video è un appuntamento da non perdere: compravendita di attrezzature e materiale fotografico tradizionale, digitale, usato, d’occasione e da collezione.
Si potrà spaziare dalle macchine fotografiche digitali di ultima generazione, delle marche produttrici più famose, a quelle ‘romantiche’ del passato più remoto.
Chi volesse accessoriare al massimo la propria macchina, non avrà che l’imbarazzo della scelta: filtri per ogni tipo di “effetto speciale”, grandangoli, custodie di ogni foggia e dimensione, per il trasporto agevole e alla moda.
Da non sottovalutare, la possibilità di permutare la propria macchina usata, con un nuovo fiammante apparecchio fotografico.
Allo spazio espositivo, si affiancano due sale pose con modelle, dove gli amanti del ritratto, dal vivo, potranno cimentarsi nella “messa a fuoco”, usufruendo di due set con luci e sfondi professionali.
Una sala sarà gratuita ed aperta a tutti ed un’altra “Photoglamour” (nudo artistico) riservata ai maggiorenni, a pagamento e su prenotazione.
Photo Cine Video si svolgerà nell’ambito della prestigiosa Expo Elettronica, divenuta uno degli appuntamenti nazionali più importanti nel campo delle telecomunicazioni.
Nella “due giorni” modenese, ritroveremo anche la “sfiziosa” Colleziosa, la mostra mercato che esplora gli affascinanti mondi del collezionismo, con uno spazio interessante dedicato anche agli amanti dei fumetti con Modena Comics.

Quartiere Fieristico:
Viale Virgilio, 70/90 – 41123 Modena – Italy
Tel. +39 059 848380
Fax +39 059 848673
e-mail: info@modenafiere.it
http://www.modenafiere.it

Poema a fumetti

» Giovedì 9 dicembre ore 16,30
IL PRESENTE REMOTO – Conversazioni etno-antropologiche inseguendo il calendario, l’attualità e le mode culturali.
Il presente remotoA cura di ROBERTO RODA (Centro di Documentazione Storica – Centro Etnografico Ferrarese)
DINO BUZZATI E LA CULTURA POPOLARE: POEMA A FUMETTI
Sebbene una certa critica continui a pensare a Dino Buzzati solo come lo scrittore del Deserto dei Tartari e di altri famosi racconti fantastici, l’autore bellunese fu un personaggio poliedrico, di certo una delle personalità culturali più vivaci e anticipatrici del dopoguerra italiano. Da pochi mesi è nelle librerie la nuova edizione di Poema a Fumetti, forse l’opera più controversa e innovativa dell’autore scomparso nei primi anni settanta. Nell’articolata introduzione al volume, Lorenzo Viganò concede ampia considerazione agli studi portati avanti dal Centro Etnografico Ferrarese offrendo così a Roberto Roda, che di quegli studi fu l’estensore, il tema dell’ultima conversazione del ciclo “Il Presente Remoto” stagione 2010.

» Venerdì 10 dicembre ore 17 – INVITO ALLA LETTURA
FABRIZIA DI STEFANO – IL CORPO SENZA QUALITÀ. ARCIPELAGO QUEER (Edizioni Cronopio, Napoli, 2010)
Fabrizia di StefanoRelatori MONICA FARNETTI e GIORGIO RIMONDI
Quello del “corpo” è un tema fra i più dibattuti nel pensiero occidentale: anticamente perché la filosofia e la religione hanno cercato di separare i piaceri (e i dispiaceri) del corpo da quelli della mente; più recentemente perché, da un lato, la differenza sessuale è diventata terreno di scontro di filosofie e ideologie; dall’altro perché ci si è accorti che il corpo è un’entità in continua trasformazione. Ma, d’altra parte, sono le stesse trasformazioni interiori ad essere strettamente correlate alle trasformazioni del corpo.

» Sabato 11 dicembre ore 10,30 – INVITO ALLA LETTURA
LUIGI DAL CIN – I MIRABOLANTI VIAGGI DI NICKY STOPPINO – LUOGHI ITALIANI PATRIMONIO UNESCO (Kite Edizioni, 2010)
Luigi Dal CinNe parla con l’autore ANGELA POLI
Il bel libro illustrato racconta il viaggio di un investigatore privato, Nicky Stoppino, alla ricerca di uno scrittore scomparso e del suo prezioso taccuino attraverso tutti i Siti italiani Unesco per scoprirne l’eccezionale valore utilizzando un linguaggio facilmente recepibile dal pubblico dei giovanissimi. La storia e l’intreccio narrativo sono coinvolgenti e ricchi di spunti fantasiosi supportati da straordinarie illustrazioni. La storia è stata ideata da Luigi Dal Cin, autore di fiabe per bambini, le illustrazioni sono di Simona Mulazzani, entrambi affermati professionisti nel campo dell’editoria per ragazzi.
In collaborazione con l’Associazione Città e Siti Italiani Patrimonio Mondiale Unesco.

MUSEO DEL RISORGIMENTO E DELLA RESISTENZA
Corso Ercole I d’Este, 19 Ferrara – tel. 0532 205480

» 13 novembre 2010 – 30 gennaio 2011
“Dall’Unità alla Repubblica”
ANTIFASCISTI, ANTIFASCISTE
Ritratti di gente comune che ha fatto l’Italia.1
Mostra di fotografia storica a cura di DELFINA TROMBONI
Con la collaborazione di DANTE GIORDANO, ANDREA MUSACCI, DAVIDE GUARNIERI
Apertura dal Martedì alla Domenica ore 9 – 13 e 15-18

» Mercoledì 24 novembre ore 15
ANTIFASCISTI, ANTIFASCISTE
Ritratti di gente comune che ha fatto l’Italia.1
Incontro di studi
Saluto di MASSIMO MAISTO, Vice Sindaco. Intervengono DAVIDE GUARNIREI, DAVIDE LUIGI MANTOVANI, GIORGIO FRANCESCHINI, BEATRICE TRENTINI, CLAUDIA LOCCHI, MARCO TORELLO, IAR A MELONI, ALICE CASELLA.
Introduce e coordina DELFINA TROMBONI
» 16 – 30 novembre
Biblioteca “G. Rodari” – Atrio Scuola Media “De Pisis-Bonati” – Viale Krasnodar 102 – Ferrara
LIBRI FASCISTI PER LA SCUOLALIBRI SCUOLA.
Il testo Unico di Stato 1929-1943
Mostra storico documentaria a cura di TULLIO DE MAURO, ALBERTO MONTICONE, NICOLA TRANFAGLIA
Apertura dal Martedì al Sabato 9-13 Martedi – Giovedì 15-18,30

» 16 – 30 novembre
Biblioteca Bassani – Via Grosoli, 42 – Ferrara
FASCISMO, GUERRAFASCISMO, GUERRA, RICONQUISTATA LIBERTÀ NEI “FOGLI VOLANTI” POPOLARI (1920-1946)
Mostra storico documentaria a cura di GIAN PAOLO BORGHI E DELFINA TROMBONI
Apertura dal Martedì al Sabato 9–13 Martedi – Giovedì 15–18,30

» Martedì 30 novembre ore 16,30
Liceo Classico “L. Ariosto” (via Arianuova, 19 Ferrara)
LICEO CLASSICO “L. ARIOSTO” e ANPI FERRARA
Presentazione del primo “Quaderno di Didattica” del Museo del Risorgimento e della Resistenza di Ferrara
BARRIERE MURI ESCLUSIONI DIVISIONI NELLA STORIA DEL NOVECENTO
Di ERICA BELLUZZI, GIADA BELTRAMI, DEBORA CORAZZA, ROMEO PIO CRISTOFORI, CELESTE FABBRI, MARTA, FOGAGNOLO, LISA GHIROTTI, EDOARDO MESTIERI, FEDERICO PICCININI, SIMONA SCROCCARELLO, LEONARDO TASSINARI. Presentazione di ALESSANDRA GUIDORZI (Ferrara, Centrostampa, 2010)
Ne parlano con gli studenti autori e con la loro insegnante MASSIMO MAISTO, DANIELE CIVOLANI, DELFINA TROMBONI
Info: Museo Risorgimento e Resistenza 0532 205480 ANPI Ferrara 0532 205082

Il catalogo ( aggiornato settimanalmente ) delle attività culturali è consultabile online al seguente indirizzo:Calendario Attività culturali

Per informazioni sulla programmazione contattare Fausto Natali – f.natali@comune.fe.it

Lucca comics&games 2010

• Lucca Comics – “La sezione dedicata al fumetto – spiega il responsabile Giovanni Russo – e al collezionismo propone quest’anno cinque mostre: tre personali e due collettive: Massimiliano Frezzato, Ausonia e Gary Frank, e le due collettive che vedono un omaggio all’era della produzione fumettistica americana underground e un’antologica su un paese in crescita dal punto di vista artistico: il Libano. Annunciamo anche il gradito ritorno di Disney che rientra con un importante spazio nel festival”. • Lucca Games – “Il mondo del gioco intelligente in ogni sua accezione – ha spiegato Emanuele Vietina – vede ospiti eccezionali come lo scrittore fantasy Terry Brooks, con milioni di copie vendute in tutto il mondo l’artista James Gurney, illustratore di grandissimo talento, autore anche della storia dietro il suo DIinotipia, libro best seller diventato film-tv nel 2004, oltre che una fortunata serie Cartoon; e il game designer Steve Perrin, di RuneQuest, gioco di ruolo tra i più famosi. Fra le novità Games 2010 i “Lucca OMI Award”: a fianco al Best of Show, l’ambito premio per i migliori giochi dell’anno, verrà inaugurato il premio per le migliori Opere Multimediali Interattive”. Presenti anche Marco Accordi e Raoul Carbone della AIOMI – Associazione Italiana Opere multimediali interattive che parteciperà attivamente all’assegnazione del premio. • Lucca Junior – “Tutta dedicata ai bambini con tante attività che coinvolgono anche le scuole del territorio – spiega Sarah Genovese – Lucca Junior ha come filo conduttore lo sport, in ogni sua forma, che interesserà anche il IV Concorso Internazionale per Illustratori e Fumettisti. Tra le altre novità di rilievo la collaborazione al progetto “Giovani e Alcol”, coordinato dalla Prefettura di Lucca e nato per sensibilizzare i ragazzi delle scuole secondarie di secondo grado sul delicato tema dell’alcolismo”. • Music & Comics – “La parte dedicata alla musica – sottolinea il responsabile Gianluca Del Carlo – vede grandi performance dal vivo, con ospiti come Cristina D’Avena ed Enzo Draghi oltre ad altri grandi artisti ancora top secret. Ci sarà poi uno spettacolo inedito che unisce musica e creatività grazie alla partecipazione di disegnatori come Palumbo, Gipi e musicisti come Toffolo dei 3 allegri ragazzi morti”. Confermata la presenza di Kodak che, anche quest’anno, coinvolgerà gli special Kodak reporter, scelti tra il pubblico della manifestazione, per un racconto unico e caleidoscopico del Festival, tramite lo Share ovvero il nuovo modo di condividere le proprie immagini, in maniera rapida e semplice, sulle piattaforme sociali più note del mondo web (Facebook, Flickr, Youtube). L’autore del Poster – Massimiliano Frezzato Torinese, classe 1967, inizia a pubblicare i suoi primi lavori a metà degli anni ’80. Nel 1989 vince il Premio Pierlambicchi a Prato. Nel 1990 realizza, su testi di Jerome Charyn, Margot. Dal 1994 al 1997, tiene un corso di fumetto e d’illustrazione editoriale presso l’Istituto Europeo di Design a Torino mentre, tra il 1998 e il 1999, insegna all’Accademia d’Arte Pictor di Torino. Nel 1996, pubblica il primo volume della saga I custodi del Maser: questo lavoro lo porta all’attenzione del grande pubblico e della critica e varrà la sua fortuna. La saga termina con il sesto volume edito nel 2005 ed è stata distribuita a livello planetario (USA, Francia, Germania, Spagna). In seguito, pubblica Tour de France: un disegnatore italiano nel paese dei fumetti, Bagatelle e una personalissima rivisitazione, in chiave erotica, di Pinocchio

Bilbolbul alla quarta edizione

Bilbolbul. Festival internazionale di fumetto ritorna con la quarta edizione: dal 4 al 7 marzo 2010 a Bologna.

Al centro del Festival gli autori e il dialogo tra fumetto e le altre arti. Protagonisti della scena i numerosi autori nazionali e internazionali presenti al Festival con le loro opere, molte delle quali inedite in Italia. Punto di forza di BilBOlbul è riscoprire e approfondire attraverso una grande mostra e degli incontri tematici, l’opera di un maestro del fumetto contemporaneo, non ancora celebrato come merita, per le innovazioni linguistiche e la forza espressiva: la mostra antologica quest’anno è dedicata all’opera del francese David B. grande narratore e innovatore del fumetto d’Oltralpe.

Come già nelle scorse edizioni, il Festival presenterà ai visitatori un circuito di mostre allestite in musei, gallerie d’arte, circoli culturali, librerie, che prevedono il supporto e la collaborazione di realtà locali e internazionali in una sinergia di varie proposte di qualità, mentre fulcro del Festival sarà Piazza Coperta di SalaBorsa, dove sarà possibile incontrare gli artisti ospiti e, dal pomeriggio di giovedì 4 marzo, chiedere loro una dedica personale.

Sempre al Museo Civico Archeologico sarà allestita una mostra dedicata a Paolo Bacilieri e al suo mondo immaginativo, attraverso una chiave di lettura in grado di perlustrare stile e temi di uno dei maggiori autori italiani. Dalla Francia Emmanuel Guibert (presso la Cineteca di Bologna) e Marc Boutavant (Sala d’Ercole in Palazzo d’Accursio), l’uno autore de Il fotografo e de La guerra di Alan, l’altro di Mouk, coautori anche delle avventure dell’asinello Ariol, già diventato un cartone animato trasmesso alla televisione francese. Sempre dalla Francia Gregory Elbaz, giovane autore appassionato di jazz, che ha dedicato due fumetti ai musicisti Bix e Oscar Peterson, in mostra al Museo della Musica, e Pierre La Police, illustratore e disegnatore la cui identità è avvolta dal mistero, alla Galleria Stamperia d’Arte Squadro.

Dall’Argentina il giovane Liniers, nuovo fenomeno delle strip, pubblicato settimanalmente in Italia sulle pagine di “Internazionale”, che realizzerà disegni inediti per la mostra presso l’Aemilia Hotel, mentre, sempre dagli Stati Uniti, ma originario di Israele, Koren Shadmi, fumettista e illustratore sulle pagine dei principali quotidiani e magazine americani, che metterà in mostra le proprie opere alla Galleria PivArte, e, per finire, dalla Svezia Joanna Hellgren, a cui sarà dedicata una mostra alla galleria RAM Hotel, dove esporrà disegni e le tavole dei suoi romanzi inediti nel nostro paese.

Oltre al già citato Bacilieri, tra gli italiani a cui Bilbolbul dedica una mostra, Lorenzo Mattotti, con le sue illustrazioni di paesaggi, Giacomo Monti, autore di incisive storie brevi per narrazione e contenuto, alla Galleria Nosadella Due, e Marina Girardi, che esporrà le tavole di Kurden People, sua opera prima, presso la libreria Feltrinelli Ravegnana.

Molto ricca quest’anno la sezione “Attorno al Festival”, con, tra le altre, esposizioni di Andrea Bruno, Laura Camelli, Davide Zucco (Rekal), Squaz, Marco Ficarra, Arianna Vairo e della rivista Two Fast Colour.

Si confermano, in linea con le precedenti edizioni, gli spazi promozionali per giovani artisti: anche quest’anno sarà allestita nell’Auditorium di SalaBorsa la mostra dedicata ai vincitori del concorso “The sound of Pixel”, indetto dal portare Flashfumetto.it, mentre presso le librerie.Coop Ambasciatori saranno esposte le tavole di Nancy Poltronieri e Cristina Portolano, prima e seconda classificata del concorso “Coop for Words”.

Presso la Sala d’Ercole in Palazzo d’Accursio, infine, ad affiancare le tavole di Ariol realizzate da Marco Boutavant, la mostra dedicata al concorso “Pronti, via! Viaggio al centro della terra” promosso da Provincia di Bologna Assessorato Cultura e Pari Opportunità e Emilbanca Credito Cooperativo. Il concorso ha coinvolto più di mille bambini delle scuole elementari e medie di Bologna e provincia a cui è stato chiesto di inventare ed elaborare a fumetti una storia di cui loro stessi siano i protagonisti, immaginando un viaggio in una terra fantastica con un mezzo di trasporto inventato da loro stessi.

Si conferma la collaborazione con la Cineteca di Bologna, tramite una speciale programmazione dedicata al rapporto fumetto e cinema nelle sue diverse forme, che verrà resa nota prossimamente, così come saranno annunciati a breve gli incontri che metteranno a confronto gli autori di fumetto con giornalisti, scrittori, critici, e che verteranno sui temi del raccontare l’Italia a fumetti e del reportage, tra cronaca familiare, diario di viaggio e metafora.