In gran segreto

» Giovedì 12 gennaio ore 16,30 – ANATOMIE DELLA MENTE – ANNO V
Stefano Caracciolo – TOCCÀTI DAL FUOCO

Anatomie della MenteLa storia di Sylvia Plath e dei suoi legami familiari
Esplorazioni psico-biografiche
Secondo incontro del ciclo dedicato alla psicologia come moderno strumento di lettura per orientarci nel trovare punti di riferimento nella realtà. Stefano Caracciolo, dell’Università degli Studi di Ferrara, esplora paesaggi umani diversi come la follia, la malattia, l’anima, la morte, la vita, nella storia, nel costume, nel cinema, nella letteratura, nella musica, come espressioni creative dell’uomo. Questo appuntamento è dedicato alla particolare figura di Sylvia Plath, scrittrice e poetessa di Boston, donna intelligente, bella e sensibile, morta suicida nel 1963, all’età di trent’anni.
Le colline digradano nel bianco.
Persone o stelle mi guardano con tristezza, le deludo.
Il treno lascia dietro una linea di fiato.
Oh lento cavallo color della ruggine, zoccoli, dolorose campane.
È tutta la mattina che
la mattina sta annerendo, un fiore lasciato fuori.
Le mie ossa racchiudono un’immobilità, i campi
lontani mi sciolgono il cuore.
Minacciano
di lasciarmi entrare in un cielo
senza stelle né padre, un’acqua scura.

» Venerdì 13 gennaio ore 17 in Teatro Anatomico – IN GRAN SEGRETO RASSEGNA DI POESIA CONTEMPORANEA
UMBERTO PIERSANTI –

Durante il 2012 Ferrara verrà “occupata” dalle poesie di undici autori ospiti della rassegna che trae il nome dall’eponimo di una famosa raccolta di Giorgio Bassani edita da Mondadori nel 1978. I poeti invitati sono tra le voci più interessanti del secondo Novecento. La poesia invaderà le strade della città, ma anche scuole, biblioteche, spazi espositivi. Il primo tra gli appuntamenti pensati nella forma di reading – conversazione, vede Umberto Piersanti, poeta e scrittore marchigiano, autore di diverse raccolte poetiche, di testi di saggistica e di opere di narrativa. È presente in diverse antologie italiane e straniere ed è vincitore di premi letterari.
Coordinano Matteo Bianchi e Alessandra Trevisan
Letture di Alessandro Tagliati
Interventi musicali di Irene De Bartolo, arpa; Sara Ingrosso, flauto traverso; Emiliano Gentili e Giulio Arnofi, chitarre
A cura dell’Associazione Culturale Gruppo del Tasso
Con il contributo di Hera, Comune di Ferrara/Assessorato alla Cultura; con il patrocinio di Provincia di Ferrara, Regione Emilia Romagna e Comune di Ferrara. Organizzazione Annalisa Ferrari e Serenella Crivellari

» Sabato 14 gennaio ore 11 – CONFERENZA
OTTANTESIMO ANNIVERSARIO CRONOMETRISTI FERRARA – PRESENTAZIONE DEL CALENDARIO 2012 DELLE INIZIATIVE SPORTIVE E CULTURALI

Saranno presenti Luciano Masieri, Assessore allo Sport; Luciana Boschetti Pareschi, Presidente Comitato Provinciale Coni; Gianfranco Ravà, Presidente Ficr; Serena Lippo, Presidente Associazione di Ferrara; Antonio Rondinone, Vice presidente Ficr e organizzatore dell’evento
Modera Luca Gattuso
A cura del Servizio Sport Abitazioni e Sicurezza Comune di Ferrara
e dell’ Associazione Sportiva Dilettantistica Cronometristi Ferrara

Notizie dalle biblioteche

» Lunedì 5 dicembre ore 17 – Poesia in Ariostea
Carla Baroni – ROSE DI LUCE (Edizioni Bastogi 2011)
ROSE DI LUCE (Edizioni Bastogi 2011)Ne parlano con l’Autrice Don Massimo Manservigi e Gianni Cerioli
Letture di Gabriella Veroni Munerati
Carla Baroni offre una nuova prova di alto livello. Ripercorre coraggiosamente la strada del dialogo ancestrale tra l’uomo e la morte. Con forza visita i momenti più significativi dell’esistenza, le logiche dell’amore e dell’egoismo, della libertà e dell’inettitudine, della paura, della fede e dell’incredulità, oltre le quali è in grado di scorgere squarci di luce. Il risultato è un’autentica avventura della mente e del cuore che non indugia sul tragico per approdare a un’umana e dolce riflessione sulla vita. L’Autrice, scrittrice affermata, è nata in provincia di Verona. Si è trasferita sin dall’infanzia a Ferrara dove ancor oggi vive. Ha iniziato a scrivere poesie ispirandosi alla madre, Rina Buroni, anch’essa poetessa. Diversi i premi letterari ricevuti. Collabora con riviste letterarie in veste di critico.
A cura di Società Dante Alighieri, Gruppo Scrittori Ferraresi, Club Amici dell’Arte

» Martedì 6 dicembre ore 17 – Poesia in Ariostea
Luca Chizzoni – IL TUO SORRISO VESTIRÀ IL MATTINO (Associazione Culturale Schifanoia, 2011)
IL TUO SORRISO VESTIRÀ IL MATTINO Ne parla con l’Autore Gina Nalini Montanari
Alla chitarra Francesco Minotti
In tutta la loro semplicità questi pochi versi suggeriscono il filo rosso lungo il quale si snodano le numerose intense “Poesie” e gli incisivi “Aforismi” che costituiscono questa terza silloge poetica dell’autore: un coinvolgente alternarsi meditativo che ci riporta con delicatezza ed essenzialità in un micro-affresco in cui vivono i grandi temi universali della vita: l’amore e il dolore; la morte, il tempo e l’eternità; il senso e l’assurdo dell’esistenza. (dalla prefazione di Gina Nalini Montanari)
Luca Chizzoni – bolognese di nascita ma ferrarese d’adozione – si è affermato in numerosi concorsi letterari e ha pubblicato tre raccolte di liriche “La torre di Babele”, “Il bosco che tace”, “Un volto per essere amato”.

» Mercoledì 7 dicembre ore 17 – Invito alla Lettura
Luchino Dal Campo – VIAGGIO DEL MARCHESE NICOLÒ D’ESTE AL SANTO SEPOLCRO (1413) (Edizioni Leo Olschki 2011)
Luchino Dal Campo“Biblioteca della Rivista di Storia e Letteratura Religiosa.” Testi e documenti, Vol. XXIV
Edizione e commento a cura di Caterina Brandoli (Università di Ferrara).Presentazione di Franco Cardini.
Ne parlano con la Curatice Franco Cardini, dell’Istituto Italiano di Scienze Umane di Firenze e Marco Bertozzi, Direttore dell’Istituto di Studi Rinascimentali di Ferrara.
Nel panorama della letteratura di pellegrinaggio medievale, il resoconto del viaggio in Terrasanta di Nicolò III d’Este si distingue per diversi aspetti. Il cancelliere Luchino dal Campo, redattore del diario, ricostruisce un’immagine ideale del marchese, in cui alla ‘pietas’ religiosa si accompagnano le virtù del raffinato cavaliere cortese. Leggendo queste pagine il lettore potrà respirare la religiosità dei luoghi santi visitati dall’Estense, e le atmosfere cavalleresche delle corti orientali presso le quali soggiornò: gli sfarzosi palazzi, i giardini…
Questa edizione critica è corredata da un apparato filologico e da un commento volto a restituire al testo il suo significato originale conservandone la genuinità linguistica.
A cura dell’Istituto di Studi Rinascimentali di Ferrara
In collaborazione con la Libreria Sognalibro

Notizie dalla “Bassani”

» 24 novembre-24 dicembre
Compleanno di Collodi – Mostra e presentazione della traduzione ferrarese de: Le avventure di Pinocchio
Manuela_SantiniGiovedì 24 novembre, alle ore 17
Mostra delle opere di alcuni degli artisti ferraresi che hanno illustrato la traduzione in dialetto ferrarese de:
C. Collodi, Gli aventur ad Pinochio : Storia d’un buratìn
voltata in dialetto ferrarese da Italo Verri
illustrata da: Maurizio Bonora, Paola Bonora, Daniela Carletti, Gianni Cestari, Marcello Darbo, Matteo Farolfi, Massimo Festi, Maria Paola Forlani, Flavia Franceschini, Mara Gessi, Gianfranco Goberti, Gianni Guidi, Erika Latini, Adelchi-Riccardo Mantovani, Adriana Mastellari, Nicola Nannini, Franco Patruno, Laura Ragazzi, Manuela Santini, Jessica Steri, Marco Tessaro, Paolo Volta, Sergio Zanni, Luca Zarattini.
Esposizione visitabile dal 24 novembre al 24 dicembre negli orari di apertura della biblioteca.

Biblioteca Comunale Bassani
via G. Grosoli 42 – Piazza Emilia 1
44122 Ferrara

Comune di Ferrara
Servizio Biblioteche e Archivi
Biblioteca Comunale Bassani
Accademia d’arte città di Ferrara
Galleria del Carbone
Fondazione Nazionale Carlo Collodi

» 4 maggio 2002-24 novembre 2011
Un milione – Premiato il lettore numero cinquecentomila
Un_milioneOggi alle ore 10:30 il contapersone della Biblioteca ha segnato un milione di passaggi.
Abbiamo voluto sottolineare l’accaduto premiando l’utente numero cinquecentomila.
Tanti sono infatti i lettori che hanno passato il varco posto dopo la soglia della biblioteca.
Inaugurata il 4 maggio 2002 la Biblioteca Bassani è la seconda biblioteca della città per indice di circolazione dei documenti e numero di lettori.

Comune di Ferrara
Servizio Biblioteche e Archivi
Biblioteca Comunale Bassani

» 25 novembre
Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne – Proposte di lettura, visione e ascolto sull’argomento
DonneTramite la risoluzione numero 54/134 del 17 dicembre 1999, l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha designato il 25 novembre come la Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne e ha invitato i governi, le organizzazioni internazionali e le ONG ad organizzare attività volte a sensibilizzare l’opinione pubblica in quel giorno.
In Italia solo dal 2005 diversi Centri antiviolenza e Case delle donne hanno iniziato a celebrare questa giornata. Ma negli ultimi anni anche istituzioni e vari enti come Amnesty International festeggiano questa giornata attraverso iniziative politiche e culturali. (…)
Testo tratto da: http://it.wikipedia.org

Esposizione di Proposte di lettura, film e musiche sull’argomento nell’area dedicata alle novità
da martedì a sabato, dalle 9 alle 13 e nei pomeriggi di martedì, mercoledì e giovedì dalle 15 alle 18:30

Biblioteca Comunale Bassani

Via Grosoli

Iconografia di Paolo

» Lunedì 28 novembre ore 17 – SEDUTA ACCADEMICA
Stella Patitucci Uggeri, Prof. Ord. di Archeologia Cristiana e Medievale, Università Lumsa, Roma – IL MESSAGGIO ICONOGRAFICO NELLA CHIESA DELLE ORIGINI: IL CASO DI PAOLO
SEDUTA ACCADEMICANe parla con l’Autrice Gianluigi Magoni, alla presenza di Gioacchino Mollica
Dopo l’editto del 313 d.C. con il quale viene accordata la libertà di culto ai Cristiani, la Chiesa e il Papato celebrano il loro trionfo attraverso realizzazioni architettoniche e anzitutto con l’erezione della grandiosa basilica di San Pietro sulla tomba del martire a Roma, che diventa il centro della nuova fede. Le tombe degli Apostoli Pietro e Paolo sono le colonne sulle quali si fonda la Chiesa Romana e Pietro in particolare assurge a fondamento della cattedra del papa. La figura di Paolo in Occidente resta in secondo piano, tanto che sulla sua tomba in età costantiniana viene eretta una semplice memoria. Dopo aver affrontato il problema delle origini dell’iconografia di Paolo, la conferenza si sofferma a presentare i principali contesti iconografici nei quali tra IV e VI secolo compare la figura di Paolo, per lo più associata a Pietro e al collegio apostolico, raramente isolata o presentata in episodi della vita e soprattutto nel momento del martirio. Il tema più im portante è quello della “Traditio Legis”, che rappresenta Cristo nell’atto di trasmettere a Pietro la Legge, cioè il Vangelo, alla presenza di Paolo acclamante. Mentre per gli altri contesti iconografici è spesso evidente la ripresa di iconografie pagane, il tema della “Traditio Legis” è una creazione originale, elaborata da Papa Silvestro per affermare il primato della Chiesa di Roma attraverso una scena simbolica, che doveva essere ostentata ai fedeli nell’abside della basilica di San Pietro.
A cura dell’Accademia delle Scienze di Ferrara

» Martedì 29 novembre ore 17 – INVITO ALLA LETTURA
Luigi Bosi – LE STAGIONI DELLA MEMORIA (Edizioni Este Edition 2011)
LE STAGIONI DELLA MEMORIA Ne parlano con l’autrice Gianna Vancini e Riccardo Roversi
Ti prende e ti porta in un mondo che non c’è più, che le pagine del libro però ripropongono come un affascinante film per gli occhi e per la mente: è il più recente romanzo di Luigi Bosi Le Stagioni della Memoria. Proprio le stagioni, a detta di Olindo Marchetti, il protagonista del romanzo e capofamiglia della “Sterpata”, scandiscono il tempo della terra, terra nera dura ma generosa, la vera protagonista della complessa vicenda umana narrata, la campagna ferrarese attorno agli anni cinquanta del Novecento, in cui si assiste a un cambiamento epocale sia nella pratica delle colture che nella vita degli uomini… Un’altra storia, intrecciata alla prima, è quella di Aldo Marchetti, fratello di Olindo. Una vicenda che si colloca nel ventennio fascista, che da personale diviene specchio di un periodo storico complesso, quello dello squadrismo ferrarese… (dalla prefazione di Gianna Vancini)
A cura del Gruppo Scrittori Ferraresi

» Mercoledì 30 novembre ore 17 – TESTO E CONTESTO
Franco Cazzola – I ‘LAVORIERI DEL PO’ E LA FORMAZIONE DEI TECNICI NELLA TRATTATISTICA FERRARESE DEL ‘600
I ‘LAVORIERI DEL PO’Nel corso del ‘600 il governo pontificio affrontava a più riprese il problema della formazione teorico-pratica dei “Lavorieri”, tecnici a cui è affidata la difesa del territorio ferrarese dalle alluvioni del Po. Testimonianze di questa operazione sono l’Idrologia di Giovan Battista Aleotti, le opere di Alberto Penna, ma anche gli appunti manoscritti di Giovanni Magrini.
A cura dell’Associazione Amici della Biblioteca Ariostea

» Giovedì 1 dicembre ore 17 – Poesia in Ariostea
Lorenza Zuccaro – IN CERCA D’APPRODI (Piazza Editore 2011)
IN CERCA D’APPRODI (Piazza Editore 2011)Dialoga con l’Autrice Adriana Agostinis
Letture a cura di Rosanna Perozzo
La scrittrice esprime in poesia la vita di tutti i giorni. Problemi quotidiani dei figli, ricordi e rappresentazioni struggenti di persone care, il fascino della natura, la casa trevigiana dell’infanzia, i sogni e quanto può appartenere al patrimonio psicologico e affettivo di ognuno. L’Autrice vive il “carpe diem” e lo restituisce arricchito di sentimenti, idee, nuovi pensieri che forse mai il lettore potrebbe cogliere confidando solo su se stesso. Lorenza Zuccaro è originaria di Treviso, laureata a Padova, si interessa da anni di poesia e di letteratura. Ha pubblicato diverse raccolte di poesie tra le quali “Il gioco di cristalli” (Ismeca 2009).
Copertina di Lina Bedin. Disegni di Manuela Romanello

» Sabato 3 dicembre ore 10,30 – Lettura animata

L’ACCHIAPPANUVOLE, DAL TESTO AL TEATRO – A cura di Ilaria Zari e Vincenzo Iannuzzo
L'ACCHIAPPANUVOLE, DAL TESTO AL TEATROUna lettura animata del libro per ragazzi “L’acchiappanuvole” firmato da Rita Montanari, (Este Edition, 2010), per mostrare ai ragazzi delle Scuole Superiori, il lavoro che è dietro alla trasposizione teatrale di un testo.
“C’era una volta lontano lontano – ma c’è anche oggi nella nostra immensa pianura – un bosco folto, fitto fitto di alberi di ogni tipo, dal verde più chiaro al verde più scuro: una sinfonia di verde che scioglie il cuore solo a mettere piede in quell’ incanto di favola. Tutti gli uccelli abitavano sulle cime degli alberi, vi facevano il nido e giocavano felicemente con i ghiri…” (da L’Acchiappanuvole)

A cura di Angela Poli

L'inganno

» Lunedì 21 novembre ore 16 – TAVOLA ROTONDA
OMAGGIO A FLORESTANO VANCINI – Introduce Massimo Maisto Vicesindaco e Assessore alla Cultura del Comune di Ferrara.
OMAGGIO A FLORESTANO VANCINICoordina il critico Paolo Micalizzi.
Partecipano gli storici del cinema Gianni Rondolino e Giorgio Tinazzi.
Sarà presente Gloria Vancini, figlia del regista ferrarese.
Durante l’incontro verrà proiettato il video “Intervista di Renzo Ragazzi a Florestano Vancini”.
Una tavola rotonda dedicata alla figura di “Florestano Vancini documentarista alla ricerca della realta’ italiana”, che proseguira’ con tre serate di proiezioni alla sala estense (28 e 29 novembre e 1 dicembre alle ore 20.45) dei documentari, in parte inediti, realizzati dal regista ferrarese dal 1949. Nell’occasione sarà presentato un numero della rivista “Inquadrature”, curata da Paolo Micalizzi, dedicato a questa particolare produzione di Florestano Vancini.

» Martedì 22 novembre ore 17 – TESTO E CONTESTO
Corinna Mezzetti – ECCE INVESTIO TE DE SUPRASCRIPTA MANSIONE
ECCE INVESTIO TE DE SUPRASCRIPTA MANSIONEUn antico documento di Pomposa nelle collezioni della Biblioteca Ariostea
Dalla diaspora delle carte dell’antica abbazia di Pomposa, è arrivata in Biblioteca Ariostea una pergamena scritta a Comacchio nel X secolo, uno dei pezzi più antichi nelle collezioni di Palazzo Paradiso. I protagonisti e le formule dell’investitura aprono uno squarcio sulla vita quotidiana nel delta padano e raccontano le abitudini grafiche e la prassi giuridica di un territorio sospeso tra ritualità germaniche e tradizioni romaniche.

A cura dell’Associazione Amici della Biblioteca Ariostea

» Mercoledì 23 novembre ore 16 – CONVEGNO
FILOSOFIA E LETTERATURA INTORNO AL RISORGIMENTO – Interventi di Paolo Vanelli, Gina Nalini Montanari e Lina Scolozzi
FILOSOFIA E LETTERATURA INTORNO AL RISORGIMENTOCoordina Luisa Carrà
La ricchezza culturale del Risorgimento viene presentata da diverse prospettive attraverso un excursus storico-letterario che ci apre ai sentimenti e ai vissuti risorgimentali: l’impegno civile e politico di Manzoni che definisce il moderno concetto di nazione; il riferimento alla Prima Guerra Mondiale, come l’ultima delle guerre risorgimentali e la vera realizzazione dell’Unità d’Italia e le testimonianze documentarie di donne di cultura e di azione che hanno concorso in maniera determinante a “fare l’Italia”.
A cura della Società Dante Alighieri di Ferrara

» Giovedì 24 novembre ore 16,30 – PER IL 150° DELL’UNITÀ D’ITALIA
I DISCORSI DEI PRESIDENTI DEL CONSIGLIO DALL’UNITÀ A ROMA CAPITALE – Intervento di Michele Cortellazzo
PER IL 150° DELL’UNITÀ D’ITALIAA conclusione delle Celebrazioni per il 150° dell’Unità d’Italia, il Comitato “Ferrara per la Costituzione” organizza l’incontro (aperto a tutti) con il Professor Michele Cortelazzo dell’Università di Padova sul tema “Il linguaggio politico dai Presidenti del Consiglio dal1860 a Roma capitale”. L’Associazione ha proposto incontri e lavori di varia natura, inerenti le celebrazioni del nostro Risorgimento. Ha valutato di massimo interesse e privilegiato una ricerca sul linguaggi politico, ritenendo importante il ruolo e il “peso” delle “parole”: dai discorsi di Cavour, all’incontro con Gherardo Colombo; dall’analisi storica di Angelo Varni al linguaggio cinematografico, per chiudere con un incontro altrettanto qualificante, quale quello con il Professor Cortelazzo.
A cura di Comitato Ferrara per la Costituzione

» Venerdì 25 novembre ore 15 e sabato 26 novembre ore 9 – CONVEGNO INTERNAZIONALE
L’INGANNO. UN TEMA TRA FILOSOFIA, ARTE, STORIA –
CONVEGNO INTERNAZIONALEQuanti tipi di inganno esistono nella nostra vita? Dalla banale esperienza dell’inganno dei sensi – gli errori della percezione – a quelli della mente, che determinano l’autoinganno logico e psicologico del pregiudizio. L’inganno si manifesta pure nell’arte, attraverso le sue funzioni pittoriche e architettoniche, come nella politica, tramite l’uso distorto del potere e della manipolazione dei soggetti. A partire dal passato è possibile declinare questo concetto in molte forme e in un arco temporale ampio sino alla sua contemporanea attualizzazione.

A cura dell’Università degli Studi di Ferrara e della Fondazione Ermitage Italia

Potete scaricare qui il programma del convegno

———————————————————————-

» Mostre e attività didattiche

Venerdì 18 novembre ore 16 – INAUGURAZIONE MOSTRA – IL PRESENTE E REMOTO 2011

FANFULLA E LE BRIGANTESSE. Microstorie sulla Unità e disunità degli Italiani – Mostra a cura di Roberto

INAUGURAZIONE MOSTRA – IL PRESENTE E REMOTO 2011Interverranno il vice sindaco Massimo Maisto, il dirigente del Settore Giovanni Lenzerini e il dirigente del Servizio Enrico Spinelli
La mostra allestita in Sala Ariosto sarà visitabile dal 18/11/2011 al 5/01/2012
I documenti popolari minori, le fotografie, i francobolli, le canzonette, le illustrazioni ci raccontano un paese ove nei confronti dell’unità nazionale hanno albergato sentimenti contraddittori, dove simboli ed eroi dell’unità nazionale finiscono assoggettati alle logiche dei campanili e ove, per contro, i campanili possono dar voce ad un sentimento nazionale veritiero. Spulciando fra i documenti conservati negli archivi del Centro Etnografico Ferrarese, emergono tante microstorie interessanti. Il titolo della mostra rimanda metaforicamente alle vicende di un noto canto popolare e goliardico. Ma in mostra ci stanno pure le immagini delle brigantesse, quelle vere ammazzate e oltraggiate dall’esercito del nuovo regno e quelle false, impersonate da graziose modelle, che la neo nata fotografia, già consapevole che la verità ottica è una chimera, utilizzò con successo a fini commerciali. L’iniziativa partecipa alle celebrazioni per il 150° dell’Unita d’Italia.
Al termine della inaugurazione Roberto Roda terrà la conversazione FANFULLA E LE BRIGANTESE del ciclo “Il Presente Remoto”.

Esploratori perduti

» Lunedì 14 novembre ore 17 – INVITO ALLA LETTURA
Gianluca Lodi e Monica Cavicchi – A FAR SFOIADA VERDE (Edizioni TLA 2011)
A FAR SFOIADA VERDE (Edizioni TLA 2011)Raccolta di ricette da un manoscritto rinascimentale e dalle intuizioni di Cesare Menini
Ne parlano con gli Autori Massimo Masotti, Florio Chinelli, Orazio D’Alessio
Nel 1962, in occasione del XXIII convegno della Società Italiana di Anatomia, la Biblioteca Ariostea esponeva opere preziose tra le quali un manoscritto riscoperto nel 1954 dall’emerito medico e studioso Cesare Menini. Dalle sue ricerche il testo – sotto forma di ricettario medico-alchemico e culinario, raccolta di semplici rimedi utili nella soluzione di faccende quotidiane – risultava essere in gran parte opera di Michele Savonarola, medico della corte estense ai tempi di Niccolò III e Lionello.
Con il patrocinio di Comune e Provincia di Ferrara e Ente Palio

» Martedì 15 novembre ore 17 – INVITO ALLA LETTURA
Renato De Rita – NONOSTANTE TUTTO… UNA ROSA SBOCCIA (Edizioni Este Edition 2011)
NONOSTANTE TUTTO… UNA ROSA SBOCCIANe parla con l’Autore Riccardo Roversi
Il dottor Renato De Rita, medico e psicoterapeuta, ci porta ad analizzare varie sintomatologie psico-fisiche non già come malfunzionamenti del corpo da eliminare, allopatici elementi di disturbo, bensì come messaggi dell’anima in grado di indicarci strade nuove da percorrere, quali elementi da integrare nella trama del personale, universale, mito a cui apparteniamo. La lettura di questo testo aiuta a comprendere come “curarsi”, ricercare il benessere, possa divenire l’occasione per ritornare a cogliere la bellezza offerta dalla natura e riuscire a guardare il mondo con gli occhi di un bambino. Ma “accettare il bambino può essere minaccioso per l’adulto che apprezza l’informazione più dello stupore, l’intrattenimento più del gioco, l’intelligenza più dell’ignoranza”. Occorre una buona dose di sana “follia” per poter ricercare la bellezza della vita e per poter osservare che “nonostante tutto… una rosa sboccia”. (dalla prefazione di Maria Rita Parsi)

» Mercoledì 16 novembre ore 17 – SAGGIO STORICO-SCIENTIFICO
Stefano Mazzotti – ESPLORATORI PERDUTI. STORIE DIMENTICATE DI NATURALISTI ITALIANI DI FINE OTTOCENTO (Codice Edizioni, 2011)
SAGGIO STORICO-SCIENTIFICODialoga con l’autore Fausto Pesarini, direttore del Museo di Storia Naturale di Ferrara
Esotismo, spirito d’avventura, sete di conoscenza e atmosfere che ricordano i romanzi di Emilio Salgari. A cavallo tra Ottocento e Novecento, in piena epoca coloniale, le zone più selvagge e inesplorate dei cinque continenti (Corno d’Africa, Borneo, Lapponia, Amazzonia, Alaska e Siberia) vennero attraversate da coraggiosi scienziati italiani che dedicarono la loro vita allo studio della biodiversità della Terra. Personaggi che oltre ad aver vissuto vite straordinarie hanno dato un contributo fondamentale allo sviluppo delle discipline scientifiche allora emergenti. Esploratori perduti e ora, grazie a questo libro, ritrovati al piacere della lettura insieme alle loro speranze, ai loro entusiasmi e alle loro passioni.
A cura del Museo di Storia Naturale di Ferrara

» Giovedì 17 novembre ore 17 – CARNET DI VIAGGIO
Alberto Lunghini – TERRA MARIS. PARCO DEL DELTA DEL PO (Este Edition edizioni 2011)
TERRA MARIS. PARCO DEL DELTA DEL PONe parlano con l’Autore Luca Scardino e Roberto Roversi
Un delizioso carnet di viaggio all’interno del Parco del Delta del Po. Autore è un giovane ferrarese con esperienze in diversi ambiti creativi, dal fumetto al restauro alla ceramica, e che nel 2009 ha esposto a La Biennale du Carnet de voyages de Clermont-Ferrand in Francia. Unendo l’amore per la pittura alla passione per i viaggi, l’artista in questo taccuino dipinge con mano sapiente una quarantina di tavole ad acquerello raffiguranti il territorio costiero dal punto più estremo del faro di Gorino sino alle saline di Cervia. Quest’opera – che sarà possibile consultare e ammirare durante l’incontro – vuole essere “uno sguardo che indugia su luoghi meno conosciuti ma capaci di creare forti emozioni”.

» Venerdì 18 novembre ore 16 – INAUGURAZIONE MOSTRA – IL PRESENTE E REMOTO 2011
FANFULLA E LE BRIGANTESSE. Microstorie sulla Unità e disunità degli Italiani – Mostra a cura di Roberto Roda
INAUGURAZIONE MOSTRA – IL PRESENTE E REMOTO 2011Interverranno il vice sindaco Massimo Maisto, il dirigente del Settore Giovanni Lenzerini e il dirigente del Servizio Enrico Spinelli
La mostra allestita in Sala Ariosto sarà visitabile dal 18/11/2011 al 5/01/2012
I documenti popolari minori, le fotografie, i francobolli, le canzonette, le illustrazioni ci raccontano un paese ove nei confronti dell’unità nazionale hanno albergato sentimenti contraddittori, dove simboli ed eroi dell’unità nazionale finiscono assoggettati alle logiche dei campanili e ove, per contro, i campanili possono dar voce ad un sentimento nazionale veritiero. Spulciando fra i documenti conservati negli archivi del Centro Etnografico Ferrarese, emergono tante microstorie interessanti. Il titolo della mostra rimanda metaforicamente alle vicende di un noto canto popolare e goliardico. Ma in mostra ci stanno pure le immagini delle brigantesse, quelle vere ammazzate e oltraggiate dall’esercito del nuovo regno e quelle false, impersonate da graziose modelle, che la neo nata fotografia, già consapevole che la verità ottica è una chimera, utilizzò con successo a fini commerciali. L’iniziativa partecipa alle celebrazioni per il 150° dell’Unita d’Italia.
Al termine della inaugurazione Roberto Roda terrà la conversazione FANFULLA E LE BRIGANTESE del ciclo “Il Presente Remoto”.

» Da Lunedì 7 a sabato 12 novembre – SETTIMANA UNESCO- ACQUA IN ARIOSTEA
MOSTRA – L’ACQUA, ORO BLU DEL XX SECOLO
A come AcquaEsposizione di libri prodotti dal Servizio Biblioteche e Archivi in collaborazione con Este Multimedia Sas, delle Scuole Elementari di Ferrara che aderirono ai progetti didattici “Acqua21” nell’anno scolastico 2001/2002.
IL VIAGGIO DI UNA GOCCIA
Esposizione bibliografica sul tema dell’acqua attraverso le scienze, le arti, le poesie e le storie dei libri della Sezione Ragazzi della Biblioteca Ariostea

Atrio della Biblioteca Ariostea tutti i giorni ore 9-19 e il sabato ore 9-13. per visite guidate per scuole
tel. 0532.418220 – a.poli@comune.fe.it

A cura di Angela Poli e Centro Idea del Comune di Ferrara

Dal 6 ottobre al 15 dicembre – ARCHIVIO STORICO COMUNALE

STORIA DELLA SCUOLAPercorsi di alfabetizzazione tra il Polesine e Ferrara dall’Ottocento ad oggi
RICERCHE D’ARCHIVIO ED ESPERIENZE FORMATIVE
MOSTRA di documenti d’archivio
A cura di Chiara Beatrice Vicentini, David Vicentini, Mirna Bonazza, Corinna Mezzetti, Beatrice Morsiani

———————————————————————-
» AVVISO Chiusura di Sala Verde
Informiamo gli utenti che per l’intervento di manutenzione all’impianto di riscaldamento, da oggi la Sala Verde al piano terra della Biblioteca Ariostea non sarà agibile. Non sarà quindi possibile consultare o prendere a prestito libri che vi si trovano collocati (Generalità, Filosofia, Religione, Società, Linguaggio, Scienze e Tecnologia).
Nel ringraziare per la collaborazione, ci scusiamo sin da ora per il disagio.

Ferrara 10 novembre 2011
Il Dirigente del Servizio Biblioteche e Archivi
dott. Enrico Spinelli

———————————————————————-

Il catalogo ( aggiornato settimanalmente ) delle attività culturali è consultabile online al seguente indirizzo:Calendario Attività culturali

Per informazioni sulla programmazione contattare Fausto Natali – f.natali@comune.fe.it

De armonia mundi

» lunedì 7 novembre ore 17 – LETTURE IN TEATRO ANATOMICO
Paolo Ruffilli – AFFARI DI CUORE (Edizioni Einaudi 2011)
AFFARI DI CUORE (Edizioni Einaudi 2011)Dialoga con l’Autore Matteo Bianchi
La grande poesia italiana è ospite a Ferrara dell’Associazione Culturale Gruppo del Tasso, con la prima presentazione in Italia dell’ultima raccolta di Paolo Ruffilli edito da Einaudi lo scorso settembre. Un libro per amore, quasi i versi stessi siano i segni visibili della passione … e sfumata è la possibilità di trattenerla, se non rinchiudendola nella poesia: «Sei sciolta in me / anima e corpo, / anche se dici / che, nella lontananza, / il tempo attenuerà / ogni cosa / e ci farà sbiaditi / e disintossicati / l’uno dell’altra / (soli, di nuovo, / e ancora più traditi)». Un amore della parola che s’intreccia, si fonde a quello fisico di una relazione che ha avuto momenti di luce e di ombra, come tutte le umane storie attraversate con intensità. L’autore, originario di Forlì, vive a Treviso dal 1972. Ha pubblicato diverse raccolte in versi, tra le quali “Piccola colazione” (Garzanti 1987), “Camera oscura” (Garzanti 1992), “La gioia e il lutto” (Marsilio 2001) e “Le stanze del cielo” (Marsilio 2008), che su Rai News gli è valsa l’appellativo di «poeta che risveglia la coscienza civile». Ha tradotto Gibran, Tagore e i metafisici inglesi. Matteo Bianchi dialoga con l’autore nella suggestiva cornice del Teatro anatomico della Biblioteca Comunale Ariostea, lunedì 7 novembre, alle ore 17. L’autore stesso, accompagnato dalla voce di Alessandro Tagliati, legge le sue liriche.
A cura dell’Associazione Culturale Il Gruppo del Tasso

» Martedì 8 novembre ore 17 – INVITO ALLA LETTURA
Francesco Zorzi – L’ARMONIA DEL MONDO
(Edizioni Bompiani 2011)

L’ARMONIA DEL MONDO (Edizioni Bompiani 2011)A cura di Saverio Campanini
Ne parlano con il curatore Marco Bertozzi, Franco Bacchelli, Raphael Ebgi
Apparso nel 1525, più volte ristampato e tradotto in lingua francese, il “De Harmonia mundi Cantica Trio” del francescano Francesco Zorzi, rappresenta un culmine del pensiero rinascimentale. In tre cantici l’autore propone una sintesi dei motivi che erano al centro della rinascita nel segno della concordia promossa da Marsilio Ficino e Giovanni Pico della Mirandola. La parola chiave di questo trattato è “armonia”, tema ripreso dalla filosofia neoplatonica, ma aperto ad esplorazioni diverse quali la tradizione esoterica ebraica.
A cura dell’Istituto di Studi Rinascimentali di Ferrara

» Mercoledì 9 novembre ore 17 Teatro Anatomico
SETTIMANA UNESCO- ACQUA IN ARIOSTEA – NARRAZIONE – STORIA DI UNA GOCCIA… E DI TANTE GOCCETTE
STORIA DI UNA GOCCIA… E DI TANTE GOCCETTEUn’ora ad ascoltar storie per bambini e rime sul tema dell’acqua.
Filastrocca dell’acqua di Bruno Tognolini

Acqua fuggita dalla sorgente
Chiudo le dita e non stringo niente
Acqua canzone fatta di fresco
Voglio cantarti ma non ci riesco
Acqua leggera, vento da bere
Stai prigioniera nel mio bicchiere
Scivola in bocca, scivola in gola
Sei filastrocca ma senza parola
Scivola giù per gole segrete
Non c’è più acqua, ma non c’è più sete.
(da: Rima rimani, Salani, 2022)

A cura di Angela Poli in collaborazione con il Centro Idea del Comune di Ferrara

» Mercoledì 9 novembre ore 17 – LIBRI IN SCENA
Fabrizia Lotta – E’ NA BELLA JURNATA! IL MOVIMENTO DELLA MEMORIA NAPOLETANA
Fabrizia LottaIn occasione dello spettacolo “Toni Servillo legge Napoli” in scena al Teatro Comunale dal 10 al 13 novembre, un percorso di ascolto della “città dei silenzi parlanti”. Siamo a Napoli, teatro sempre aperto di voci ed espressioni. La lingua napoletana parla attraverso le pagine della sua letteratura. Racconta lo sguardo dei poeti che camminano per le strade della Napoli di ieri e di oggi.
A cura dell’Associazione Amici della Biblioteca Ariostea e Teatro Comunale di Ferrara

» giovedì 10 novembre ore 17 – INVITO ALLA LETTURA
Raffaella Lina Scolozzi – UN CUORE STRANIERO (Corbo Editore 2011)
UN CUORE STRANIERO (Corbo Editore 2011)Ne parla con l’Autrice Roberto Pazzi
Un’opera narrativa il cui titolo allude alla condizione della protagonista, sospesa tra un’infanzia trascorsa in altri luoghi, in altri climi, con altre abitudini e tradizioni, e il presente che la vede inserita in un nuovo ambiente, dove la storia ha operato in modo diverso e diversi sono il modo di pensare e di comportarsi. Al centro del racconto una storia d’amore messo a dura prova dalle differenze culturali. In occasione del 150° dell’Unità d’Italia il romanzo vuol dare un contributo a una presa di coscienza di un Paese sconosciuto a se stesso. (Raffaella Lina Scolozzi)
A cura della Società Dante Alighieri di Ferrara

» Venerdì 11 novembre ore 16,30 – Omaggio a Michelangelo Antonioni

Marco Bertozzi – ANTONIONI IN GIALLO: I DIABOLICI DETTAGLI DI BLOW-UP
Omaggio a Michelangelo Antonioni“L’idea di Blow-up (scriveva Michelangelo Antonioni) mi è venuta leggendo un breve racconto di Julio Cortázar. Non mi interessava tanto la vicenda, quanto il meccanismo delle fotografie. La scartai e ne scrissi una nuova, nella quale il meccanismo assumeva un peso e un significato diversi”. Marco Bertozzi cercherà di indagare sui motivi che avevano spinto Antonioni a mettersi sulle tracce del celebre e fantastico racconto di Cortázar “Le bave del diavolo” (“Las babas del diablo”) del 1959, per poi prenderne le distanze. Si tra tterà di verificare quali “filamenti”, lasciati dal testo dello scrittore argentino, ma molto parigino, siano comunque rintracciabili nel film di Antonioni. Julio Cortazár, conviene ricordarlo, è stato un grande traduttore di Edgar Allan Poe, a cui ha anche dedicato una appassionata biografia.
A cura dell’Associazione “Michelangelo Antonioni”

Attività culturali della settimana

» Sabato 22 ottobre ore 10,30 – PRESENTAZIONE – Spostato a Sabato 5 Novembre
PROGETTO URBANISTICO –
L’incontro è stato spostato a Sabato 5 Novembre

PROGETTO URBANISTICOSaranno presenti Aldo Modonesi, Assessore ai Lavori Pubblici e Beni monumentali, il Capo Settore Opere Pubbliche del Comune Ing. Luca Capozzi e il Dirigente Scolastico dell’I.I.F. Fabio Muzi.
Presentazione dello studio urbanistico e rilievo dello stato di fatto eseguito dagli studenti dell’I.I.F. “G.B. Aleotti” presso la scuola materna “Casa del Bambino” di Via Biagio Rossetti, un tempo Convento dei Cappuccini, nell’ambito del progetto di collaborazione tra l’’Ufficio Ricerche Storiche del Comune di Ferrara e le Scuole Superiori della città.

» Lunedì 24 ottobre ore 16,30 Sala Riminaldi – EDITIO PRINCEPS
LE PRIME EDIZIONI DELLA BIBLIOTECA ARIOSTEA – A cura di Mirna Bonazza
EDITIO PRINCEPSLe più importanti editiones principes della Biblioteca Comunale Ariostea. Preziose prime edizioni diopere dagli albori della stampa ai secoli più recenti saranno illustrate nelle loro particolarità da Mirna Bonazza, Responsabile dell’Ufficio Manoscritti e Incunaboli della Biblioteca Ariostea di Ferrara. Fra gli esemplari più ragguardevoli si citano: la “Physica” e il “De coelo et mundo” di Aristotele commentati da Averroè, usciti dai tipi di Lorenzo Canozi negli 1472-1475; “La Fiammetta” di Giovanni Boccaccio per i tipi di Bartolomeo Valdezocchio e “Martinus de Septem Arboribu s”, Padova, 21 III 1472; “Orlando Furioso” di Ludovico Ariosto stampato a Ferrara da Giovanni Mazzocchi nel 1516; Gli “Hecatommithi”, di Giovanni Battista Giraldi stampati da Leonardo Torrentino nel 1565.

» martedì 25 ottobre ore 17 – INVITO ALLA LETTURA
Carlo Galli, Piero Stefani – NON NOMINARE IL NOME DI DIO INVANO (edizioni Il Mulino 2011)
NON NOMINARE ILNOME DI DIO INVANO (edizioni Il Mulino 2011)Coordina Mario Miegge
Nella sua formulazione più autentica, il comandamento biblico vieta di servirsi del nome del Signore per coprire forme di ingiustizia: dal giurare il falso alle giustificazioni dell’oppressione. In un non lontano passato gli Stati moderni hanno definito giuste le loro guerre legittimandole anche con simboli religiosi; oggi, in età globale, il connubio tra Dio e violenza resta più che mai all’ordine del giorno. Il nome di Dio continua a dirsi in molti modi carichi di ambiguità, mentre la sua santificazione – prospettata nel “Padre Nostro” – dovrebbe esser riserva di libertà e rifrangersi nella costruzione di relazioni umane pacificate.
A cura di Istituto Gramsci e Istituto di Storia Contemporanea
Carlo Galli insegna Storia delle dottrine politiche nell’Università di Bologna. Con il Mulino ha fra l’altro pubblicato: “Lo sguardo di Giano. Saggi su Carl Schmitt”, “L’umanità multiculturale” e “Genealogia della politica”. Piero Stefani, biblista e studioso di ebraismo, insegna nella Facoltà teologica di Milano.Tra le sue pubblicazioni per il Mulino, “Gli Ebrei”, “La Bibbia” e “L’Apocalisse”.

» Mercoledì 26 ottobre ore 17 – INVITO ALLA LETTURA
ALEXANDER McCALL SMITH, IL GIALLISTA DEI SENTIMENTI – A cura di Alberto Amorelli e Silvia Lambertini
ALEXANDER McCALL SMITH, IL GIALLISTA DEI SENTIMENTIIl secondo appuntamento con “La Compagnia del libro” è dedicato alle opere dell’eclettico scrittore e giurista zimbabwese di origini scozzesi Alexander McCall Smith. Rinomato esperto di diritto applicato alla medicina e alla bioetica, molto conosciuto per la serie di racconti con protagonista la detective “Precious Ramotswe”, responsabile della “Ladies’ Detective Agency”, ha affascinato anche Anthony Minghella – regista de “Il Paziente Ingl ese” e “Il Talento di Mr. Ripley” – che a tale riguardo ha dichiarato “di essere rimasto incantato dal personaggio di Precious Ramotswe e dal sottile humour dell’autore, così capace di evocare una cultura”. E’ proprio questa duplicità di McCall Smith ad aver decretato la sua fortuna letteraria, se da un lato nei romanzi della serie “No 1. Ladies Detective Agency”, attraverso gli occhi della signora Ramotswe, ci racconta un mondo lontano e affascinante come l’Africa, nei romanzi del “Club dei Filosofi Dilettanti”, grazie alle pacate e filosofeggianti vicende di Isabel Dalhousie, ci accompagna in una Edimburgo contemporanea, città che ama profondamente e che ci racconta anche nella serie “44 Scotland Street”, con le storie degli strampalati inquilini di un palazzo nella parte bohémien della New Town. Due anime per un grande scrittore che ama destreggiarsi tra i moti dell’animo e del cuore di noi tutti: Alexander McCall Smith, il giallista dei sentimenti.
A Cura dell’Associazione Culturale Gruppo del Tasso

» Giovedì 27 ottobre ore 17 – SOCIETÀ DANTE ALIGHIERI
APERTURA ANNO SOCIALE – Presentazione del Quaderno n.16 e del volume del Premio Dante Alighieri 2011
SOCIETÀ DANTE ALIGHIERIIntroduce LUISA CARRÀ
La Società Dante Alighieri nasce nel 1889 dalla passione di un gruppo di intellettuali guidati da Giosuè Carducci e viene eretta ente morale con Regio Decreto del 18 luglio 1893. Lo scopo primario della “Dante” è quello di “tutelare e diffondere la lingua e la cultura italiane nel mondo, ravvivando i legami spirituali dei connazionali all’estero con la madre patria e alimentando tra gli stranieri l’amore e il culto per la civiltà italiana”. Nel far questo, la Società Dante Alighieri si avvale oggi di oltre 500 comitati, di cui 400 sparsi all’estero in ogni angolo del mondo. Il Comitato di Ferrara, fondato nel 1897 da Pietro Niccolini, ha ricoperto un ruolo determinante nel tessuto socio-culturale della città divenendo punto di riferimento per le scuole e le istituzioni cittadine.

» Venerdì 28 ottobre ore 16,30 – OMAGGIO A MICHELANGELO ANTONIONI
Stefano Caracciolo – IDENTITÁ IMPERFETTE
OMAGGIO A MICHELANGELO ANTONIONILa psicologia del personaggio nell’opera di Michelangelo Antonioni.
L’intervento, centrato sullo studio psicologico del personaggio nell’opera di Michelangelo Antonioni, ripercorre la poetica del maestro ferrarese in relazione agli aspetti della personalità dei protagonisti dei suoi film. In particolare verranno analizzati e discussi alcuni personaggi emblematici, un vero e proprio campionario di meccanismi e ‘tipi’ psicologici, partendo dall’episodio del documentario mai realizzato, che Antonioni provò a girare nel manicomio di Ferrara, attraverso il manifesto neorealista di ‘”Tentato Suicidio”’ de ‘”L’amore in Città’”, passando per le storie di sofferenza tragica e di angoscia in ‘”Le Amiche”’ e ‘”Il Grido”’, per il ritratto della più cruda aridità umana in “L’Eclisse”, la nevrosi di “Deserto Rosso” e la smarrita perdita dell’identità di “Professione reporter”.
A cura dell’ Associazione “Michelangelo Antonioni”

» Dal 6 ottobre al 15 dicembre – ARCHIVIO STORICO COMUNALE
STORIA DELLA SCUOLA – Percorsi di alfabetizzazione tra il Polesine e Ferrara dall’Ottocento ad oggi
STORIA DELLA SCUOLAPercorsi di alfabetizzazione tra il Polesine e Ferrara dall’Ottocento ad oggi
RICERCHE D’ARCHIVIO ED ESPERIENZE FORMATIVE
MOSTRA di documenti d’archivio
A cura di Chiara Beatrice Vicentini, David Vicentini, Mirna Bonazza, Corinna Mezzetti, Beatrice Morsiani

Maggiori informazioni al link:
http://siafe.comune.fe.it/index.phtml?id=217

———————————————————————-
» In occasione della Maratona di lettura di Sabato 22 Ottobre

MadresIn occasione della Maratona di lettura sulla condizione dell’Infanzia 2011 “Madres in cammino: La Lingua Materna, forza e fragilità, saperi e legami”, che avrà luogo sabato 22 ottobre dalle 16.00 alle 22.00, nella Casa delle Donne per ricordare Mirella Bonora a Ferrara in via Terranuova 12/b, a cura di Centro Documentazione Donna, CIRCI. e UDI, la Sezione Ragazzi della Biblioteca Comunale Ariostea, propone un’esposizione bibliografica dedicata alla figura della MAMMA. Fino alla fine del mese, per 15 giorni, a partire da sabato 15 ottobre, resteranno esposti nell’atrio della Biblioteca libri, video e cd per bambini e ragazzi. Sarà inoltre a disposizione una breve bibliografia con una se lezione dei titoli più interessanti.

Vedi deplian in formato pdf pieghevolemamma.pdf

———————————————————————-

>>> Prorogata fino al 29 Ottobre – Mostra di libri e documenti

L’OLANDA IN ARIOSTEAL’OLANDA IN ARIOSTEA
Tipografi, scienziati, filosofi e letterati nelle antiche raccolte della biblioteca comunale di Ferrara”

Una speciale esposizione di libri e di documenti olandesi e fiamminghi curata da Mirna Bonazza e da Arianna Chendi. La mostra presenta volumi di grande pregio: alcune edizioni dei secoli XVI-XVIII di opere di astronomia, matematica, botanica e geografia dei più importanti scienziati del tempo (con alcune prime edizioni); una preziosa copia Cinquecentesca dei Proverbi di Erasmo da Rotterdam stampata a Bondeno da Mazzocchi con il titolo cancellato a penna (l’opera, infatti, era stata messa all’Indice da Clemente VIII), una splendida pianta di Ferrara acquistata nel Settecento ad Amsterdam e alcune copie ottocentesche dei leggendari manuali per viaggiatori Baedeker.
In occasione del Ferrara Buskers Festival 2011

Il catalogo ( aggiornato settimanalmente ) delle attività culturali è consultabile online al seguente indirizzo:Calendario Attività culturali

Per informazioni sulla programmazione contattare Fausto Natali – f.natali@comune.fe.it

Promozione della lettura

» Martedì 18 ottobre ore 17 INVITO ALLA LETTURA
Clarisse Schiller
DONNA ALLA RICERCA DELLE ORIGINI (Edizioni Miele, 2010)

Interviene Caterina Ferri, Assessore alle Pari Opportunità della Provincia di Ferrara. Il saggio, con fresco taglio psicologico, sociologico, storico e d’attualità, è uno studio attento nel rintracciare quei comportamenti visibili, ma spesso invisibili, che controllano e manipolano l’esistenza femminile. Un’analisi che va alla ricerca della donna autentica, che oltrepassa le memorie socioculturali. Una testimonianza di esperienze, conoscenze, sconfitte e successi da cui “traspare cosa succede quando l’umiltà piega, la curiosità trascina, la volontà pulsa e il coraggio freme, mentre si sta scegliendo di essere persona“. L’importante – dice l’autrice – è svuotare quel “serbatoio mentale” che ci tiene incasellati in infiniti schemi, dalle millenarie informazioni spazzatura che ci inquinano.

» Mercoledì 19 ottobre ore 17 INVITO ALLA LETTURA
Marisa Miozzi
MENTRE INSEGUIVO ORFEO (Cicorivolta Edizioni,2010)

Ne parla con l’autrice Francesca Mellone
Una storia fatta di parole che esprimono vita autentica, un’opera scritta attraverso un linguaggio in grado di trascinare il lettore nell’incanto di una prosa poetica. Una scrittura disincantata e avvolgente per un romanzo dell’io che è un percorso di rinascita e morte, di senso di perdita e di solitudine, ma al tempo stesso vivida testimonianza di un appassionato sentimento per tutto ciò che porta fuori da se stessi.

» giovedì 20 ottobre ore 17 INVITO ALLA LETTURA
Mauro Calzolari
I NOMI DELLE VIE DI FERRARA. DAL 1810 AL 2010″(Edizioni Cartografica 2011)

Ricerche di toponomastica urbana: dalla memoria storica all’identità locale. Ne parla con l’autore Daniele Biancardi
L’Autore, docente di Topografia Antica nel corso di Laurea in Scienze dei Beni Culturali e Ambientali dell’Università di Ferrara, presenta il suo lungo e paziente lavoro di ricerca e riordino della storia dei nomi delle strade di Ferrara dal 1810 ai giorni nostri. Indicazioni storiche generali, dettagli sulla nascita e sul significato dei nomi delle vie, rivelano al passante che percorre quotidianamente la
città, due secoli di storia locale.

» Venerdì 21 ottobre ore 17 Teatro Anatomico MONOLOGO
Roberto Uberti
MI ODI?

Pausa di riflessione. Allestimento per disallestire la sordità sociale
La sordità è una forma di sofferenza invisibile e subdola. Costringe a una solitudine tanto più profonda quanto più incomprensibile agli altri. / E’ una sofferenza che non si vede e, è il caso di dire, non si sente./ Ma c’è una sordità ancora più grave: quella volontaria./ Si diventa volontariamente sordi per fuggire da qualcosa o da qualcuno./ La somma di molte sordità volontarie produce la sordità
sociale: invisibile e subdola causa di sofferenza. / Riflettere su tutto questo in un allestimento per disallestire, e smascherare, la sordità sociale. (Roberto Uberti)

» Sabato 5 novembre ore 10,30
PRESENTAZIONEPROGETTO URBANISTICO

Saranno presenti Aldo Modonesi, Assessore ai Lavori Pubblici e Beni monumentali, il Capo Settore Opere Pubbliche del Comune Ing. Luca Capozzi e il Dirigente Scolastico dell’I.I.F. Fabio Muzi.
Presentazione dello studio urbanistico e rilievo dello stato di fatto eseguito dagli studenti dell’I.I.F. “G.B. Aleotti” presso la scuola materna “Casa del Bambino” di Via Biagio Rossetti, un tempo Convento dei Cappuccini, nell’ambito del progetto di collaborazione tra l’’Ufficio Ricerche Storiche del Comune di Ferrara e le Scuole Superiori della città.

——————————

» 15 ottobre-15 novembre
Comunicazioni interrotte – Michele Maria Burlante
BurlanteEsiste una cultura del sentire parallela e complementare a quella del sapere che, sottoposta a condizionamenti e a preconcetti, rischia di estinguersi.
La comunicazione interrotta diventa provocazione evocativa, espressione di un linguaggio non convenzionale, empaticamente trasmesso, libero, slegato e indefinito, individualmente interpretabile. Ogni forma di espressione e ogni tecnica sono utilizzabili per raggiungere il fine, identificato nella comunicazione che riprende e si sviluppa nel rapporto diretto, intimo ed estemporaneo tra opera e fruitore.
Michele Maria Burlante è un artista che gioca sull’equilibrio tra bianco e nero, tra luce e ombra e si concentra sull’attenzione ai dettagli colti nella loro essenzialità. La mostra raccoglie opere realizzate con varie tecniche:
– matita su cartongesso;
– stampa fotografica;
– stampa fotografica e chiodi
– incisioni con punteruolo su stampa fotografica
– china su carta
– penna a sfera linea seguente su carta.
Dal 15 ottobre al 15 novembre prossimo proporrà le proprie opere nello spazio espositivo della Biblioteca Bassani, via Grosoli 42, Ferrara.
Ingresso gratuito negli orari di apertura:
martedì – sabato, dalle ore 9 alle ore 13
martedì – giovedì dalle ore 15 alle 18 e 30

Comune di Ferrara
Servizio Biblioteche e Archivi
Biblioteca Comunale Bassani

» 22 ottobre
Madres in cammino – Il sapere dell’opera materna
MadresConvegno e Maratona di lettura.
Sabato 22 ottobre, dalle 8.30 alle 13.30, presso la Biblioteca Comunale “G. Bassani” di Via Grosoli n. 42 si terrà il convegno conclusivo di EstateBambini 2011, seguito nel pomeriggio dalla Maratona di lettura intorno all’infanzia, a cura del Centro di Documentazione Donna, C.I.R.C.I e UDI, che si svolgerà dalle 16 alle 22.00, presso la Casa delle donne di via Terranuova 12/b.

Per maggiori informazioni vedi l’allegato convegno 22 ottobre 2011eb.zip
Comune di Ferrara
Informa Famiglie e Bambini

Gli anni brutti

Martedì 11 ottobre ore 17 INVITO ALLA LETTURA
Andrea Sortini
GLI ANNI BRUTTI
AI TEMPI DELL’ECCIDIO DEL CASTELLO ESTENSE (Este Edition 2011)

Ne parla con l’Autore Riccardo Roversi

Nella cupa atmosfera ai tempi dell’eccidio del Castello Estense, una Ferrara affetta da corruzione, maldicenza e pettegolezzo. Questo il palcoscenico di una tragedia pervasa di “aura goticheggiante, di disperata perversione, di dannunziano senso della morte e della catastrofe”.Andrea Sortini con questo suo romanzo d’esordio dall’esplicito titolo, mette in scena l’ipocrita gioco al massacro perpetrato presso “i salotti della Ferrara-bene, i cenacoli degli intellettuali, i palazzi universitari, i corridoi dei licei, i vari club più o meno esclusivi”. Una storia, per quanto inventata e di fantasia, di certo non ipocrita, poiché non tace di vicende anche scabrose, con un ritmo narrativo incalzante che indugia solo
su squarci ambientali ed emozionali di rara suggestione.

» Mercoledì 12 ottobre ore 17 INVITO ALLA LETTURA
Matteo Provasi
IL POPOLO AMA IL DUCA?

Relatori Ottavia Niccoli (Università di Trento), Giovanni Ricci e Carlo Bitossi (Università di Ferrara)

La domanda posta nel titolo rimanda direttamente al rapporto tra governanti e governati, attraverso il quale si vuole affrontare la storia della sovranità moderna da diverse angolazioni: cronologiche, spaziali e concettuali. Lo spazio è la Ferrara governata dalla signoria degli Este tra tardo Medioevo e prima Età Moderna. L’indagine analizza tre episodi di rivolta popolare accaduti a distanza di un secolo l’uno dall’altro e interpreta le conflittualità quotidiane frutto di negoziati, prove di forza, di un oscuro lavoro di spinte e controspinte tra Casa d’Este e cittadinanza. L’autore non indugia sugli apparati amministrativi del potere, scava invece nelle componenti culturali ed emotive, mettendo in primo
piano i linguaggi, le percezioni, le atmosfere e i nessi psicologici che definiscono il patto politico tra signori e sudditi.A cura del Dipartimento di Scienze Storiche dell’Università di Ferrara.

» Venerdì 14 ottobre ore 16,30
PRESENTE E REMOTO 2011
CICLO DI CONVERSAZIONI ETNO-ANTROPOLOGICHE SVILUPPATE DA ROBERTO RODA
L’OMINO RAPITO DALLA LUNA

Leggende lunatiche e teorie del complotto: da Caino al folletto Silvan agli Uomini in nero. Per ricordare il cinquantesimo anniversario del primo viaggio dell’uomo nello spazio. A cura di Roberto Roda

La cultura popolare occidentale ha ritenuto, sin dal Medioevo, che la luna fosse una sorta di prigione per esseri “mitici” relegati lassù per scontare una pena per i loro misfatti. È la cosiddetta “leggenda dell’omino sulla luna” che fornisce una fantasiosa spiegazione delle macchie lunari. Le numerose varianti di tale leggenda presentano una comune struttura narrativa in cui però si muovono personaggi differenti: Caino vaga sulla superficie lunare per scontare la colpa del fratricidio, il folletto Silvan è stato risucchiato dalla luna per impedirgli di derubare i poveri contadini di mezza Europa. La presenza dell’omino sulla luna ha radicato nella cultura popolare occidentale la profonda convinzione che il satellite fosse un dominio precluso all’uomo. Questa stessa arcaica convinzione ha alimentato, dopo lo sbarco degli americani sulla luna nel 1969, una moderna teoria del complotto, secondo la quale l’allunaggio sarebbe stato solo un’impostura mediatica.
La conversazione di Roberto Roda attingendo sia dalla cultura popolare delle società tradizionali sia dalla moderna cultura popolare di derivazione mediatica cercherà di spiegare come sia stato possibile che un folletto malevolo emerso dai secoli bui della storia europea abbia potuto incontrare gli “Uomini in nero” della moderna fantascienza.

———————————————————————-

Martedì 20 settembre al 22 ottobre
GLI OCCHI NEL PARCO
mostra fotografica

Gli occhi nel Parco
Click per ingrandire

L’esposizione conclude un percorso formativo di volontariato rivolto da Beatrice Pavasini, con la collaborazione di Barbara Pizzo, agli ospiti delle strutture terapeutico-riabilitative “il Convento” dell’Area di S. Bartolo.
Il parco del convento racchiude bellezze e storie che meritano di essere conosciute o riscoperte. Lo sguardo dei suoi stessi ospiti lo ripercorre attraverso l’obiettivo fotografico, fermandone schegge visibili ora nei diversi spazi della Biblioteca Ariostea, in un’ideale continuità tra i due luoghi.

Prosecuzione ed esito del progetto nazionale La creatività non ha limiti, ideato e promosso da Associazione Nazionale Fotografi Professionisti TAU Visual, la mostra è inserita nella programmazione della XXVIII Settimana Estense e del festival Internazionale a Ferrara 2011, del quale è evento collaterale.
Da un’idea di Studioblu, il progetto è realizzato in collaborazione con Residenza Psichiatrica e Centro Diurno “il Convento” dell’Azienda USL di Ferrara, casa editrice Nuovecarte, Ass. St.Art.47 e RTA “Progetto Porta degli Angeli”, con il Patrocinio di Comune di Ferrara, Provincia di Ferrara, Gruppo Archeologico Ferrarese e CNA Ferrara.

L’esposizione sarà visitabile negli orari di apertura della biblioteca.
Finissage: 23 ottobre dalle ore 15.00, apertura al pubblico del Centro Diurno “Convento” per una merenda nel parco, con la partecipazione del Moto Club Yellow Fire GI.DI.EFFE. Onlus – Sezione di Ferrara

Maggio all'Ariostea

Lunedì 2 maggio ore 16,30 – APPROFONDIMENTI

I CENTO ANNI DELLA PAROLA AUTISMO – A cura di STEFANO PALAZZI
I CENTO ANNI DELLA PAROLA AUTISMO Intervengono MASSIMO MAISTO, STEFANO CARACCIOLO, ADELLO VANNI, CARLO ALESSANDRO LANDINI, GUIDO SCANO, LORENZO FASOLO
Il significato del termine autismo”, coniato dallo psichiatra E. Bleuler nel 1911. viene approfondito da Carlo Alessandro Landini. autore de “Lo sguardo assente. Arte e autismo. Il caso Savinio”(Franco Angeli, 2009) dove si legge che, durante gli anni della Grande Guerra, a Ferrara, Carlo Carrà e Giorgio De Chirico inventarono la pittura metafisica mentre Alberto Savinio, fratello di Giorgio, descriveva la propria arte come espressione diretta di processi nervosi al di là di ogni intenzione comunicativa. Come mostra l’evento milanese “Alberto Savinio Commedia dell’Arte”, ci si pone il quesito se certo conformismo tecnico-manieristico possa essere letto come un possibile “effetto di disturbi della competenza emotiva ed emozionale”.

» Mercoledì 4 maggio, ore 17 in Teatro Anatomico – LA PAROLA ALLO SPORT /1
DAVIDE PELIZZARI – ABSOLUTE FITNESS- Forma fisica e nutrizione sportiva (Este Edition, 2011)
ABSOLUTE FITNESS- Forma fisica e nutrizione sportiva Con l’autore saranno presenti alcuni atleti della Federazione Powerlifting
Davide Pelizzari dirige a Ferrara uno tra i più accreditati centri fitness, e svolge il ruolo di life coach. Ha esperienza manageriale sportiva privata e pubblica. Partecipa come atleta e formatore a diverse competizioni ed è allenatore della Federazione Italiana Powerlifting. In questo manuale offre risposte sincere alle tante favole dei guru del marketing del fitness. Propone un metodo efficace per combattere la cellulite e ottenere una ottima tonificazione muscolare. Un’impostazione assolutamente inedita per il fitness moderno, sintesi dei più sofisticati metodi utilizzati dai campioni, rielaborati per l’allenamento di noi tutti. Durante l’incontro verranno proiettate immagini di esercizi di powerlifting.

» Giovedì 5 maggio ore 17 – Invito alla Lettura
THOMAS MANN – LA MONTAGNA MAGICA (Edizioni Mondadori, 2010)
THOMAS MANNTraduzione RENATA COLORNI
Conversano con la traduttrice, LUCA CRESCENZI, Università di Pisa e MATTEO GALLI, Università di Ferrara

L’iniziativa intende presentare a Ferrara la straordinaria nuova traduzione dello “Zauberberg” (1924), il romanzo di Thomas Mann che fino a pochi mesi fa i lettori italiani conoscevano sotto il nome di “La Montagna Incantata” e che dall’autunno del 2010 ha assunto il ‘nuovo’ titolo di “La montagna magica”. Si tratta dell’edizione uscita presso ‘I meridiani’ di Mondadori, e può definirsi epocale sia per la qualità eccelsa della ri-traduzione del testo, opera di Renata Colorni – nota in Italia, fra le altre cose, per la traduzione delle opere di Sigmund Freud e per molti e importanti testi del catalogo Adelphi, oltreché come responsabile della gloriosa collana citata – sia per la profondità, la qualità e l’innovazione del commento affidato alle cure di Luca Crescenzi.

» sabato 7 maggio ore 10 – CONCERTO
“SONATE BAROCCHE PER ARCHI” –
Musiche di G.F. Haendel, J.S. Bach, A. Vivaldi, B. Marcello eseguite da MATTEO SARTORI, DIANA ALVAREZ, MARCELLO BORGHINI, HAO LEI, JACOPO FERRI e MARTINA SARTORI, allievi della classe di viola/violino del Prof. Achille Galassi – Conservatorio “G. Frescobaldi” di Ferrara.
Così come le altre forme d’arte del Seicento, la musica barocca era votata al desiderio di stupire e divertire l’ascoltatore: cambi repentini di tempo, passaggi di grande virtuosismo strumentale o vocale e l’uso del contrappunto e della fuga, sono gli elementi che più caratterizzano la produzione musicale di questo periodo, insieme a uno sviluppato senso dell’improvvisazione.
A cura di FRANCO SARTORI
Attività culturali Maggio 2011
SALA AGNELLI Via Scienze, 17 – 0532 418212
Vedi tutte le attività culturali del Servizio Attività culturali maggio 2011 ( pieghevole )
Vedi tutte le attività culturali del Servizio Attività culturali Maggio 2011 ( formato A4 )