Perle ai porci

“Dopo le catastrofi il denaro non ha più valore. Il valore fondamentale di una certa cosa dovrebbe essere la sua natura o la sua qualità di anima.

Dovremmo domandarci: «Questa cosa è buona? E’ una cosa che ci aiuta? E’ una cosa bella?» e non: «Quanto costa?».

Così afferma Hillman, ed è in questo spirito che abbiamo programmato a Bondeno (uno dei 103 comuni colpiti dal terremoto del 20 e 29 maggio), dove risiede la nostra associazione, la manifestazione “Ricominciamo dal futuro”, dal 22 al 30 settembre 2012, presso la Società operaia di Mutuo Soccorso.

Infatti tutti gli intervenuti partecipano a titolo gratuito, non riceviamo alcun contributo, non abbiamo sponsor, non raccoglieremo fondi e l’ingresso è libero.

Riteniamo che queste caratteristiche ne facciano una manifestazione di solidarietà unica, che speriamo verrà apprezzata dalla popolazione e da coloro che vorranno intervenire.

Naturalmente la cosa non è stata apprezzata, ma abbiamo messo in linea la maggior parte degli interventi e la documentazione relativa; trovate tutti i riferimenti nel sito:

http://ambientefuturo.info

Annunci

Cineforum a Bondeno

Un titolo decisamente di altri tempi per ricordare un percorso dagli anni ’70 (del secolo scorso) ad oggi, sulla scorta di alcuni personali ricordi.

All’inizio era il 16mm che consentiva l’attività di cineforum in parrocchie, scuole, biblioteche e così è accaduto anche a Bondeno fino al 1974 (e anche dopo); in questa data c’è stata una sorta di “salto di qualità”: in collaborazione col cinema Argentina la appena istituita Biblioteca Comunale organizzò una rassegna di 8 film (vedi il  documento).

Così fu anche per il 1975 e 1976, fino a marzo; a questo punto, ad ottobre 1976,  si inserì il CSA di Borgo Paioli che, con le stesse modalità, arrivò fino al febbraio 1979.

Ad esso (dopo un primo esperimento nell’ ottobre 1978)  subentrò l’ENDAS, che, da aprile-maggio 1979, arrivò. con 12 rassegne, fino al 1982 (tra parentesi nello stesso periodo operò anche Radio Alto Ferrarese che organizzò una sua rassegna presso il cinema Grandi, che ospitava anche rassegne teatrali).

Quello che NON è successo dopo lo abbiamo visto tutti e se ne parla in una pagina del sito web del circolo del cinema Fuori Quadro, sorto a Bondeno nel 1996,  che esiste ormai solo virtualmente.

Del resto abbiamo potuto constatare di recente, nel corso della manifestazione “Ricominciamo dal futuro”, che anche la presentazione di un nuovo film auto-prodotto e realizzato da un giovane regista ferrarese e  presentato in anteprima a Bondeno, non ha suscitato alcun interesse in una popolazione pigra e satolla.

Corso base di fotografia a Bondeno

Foto di Gianpaolo Lorenzoni

Non tutti sanno che a Bondeno esiste un Fotoclub: si chiama “Colpo d’occhio”. Anni fa un gruppo di amici con la passione della fotografia ha dato vita al sodalizio che tuttora è molto attivo e coagula appassionati provenienti dal capoluogo e dai comuni circostanti.

I fotoamatori espongono regolarmente in vari locali della zona, desiderosi di farsi conoscere e fare apprezzare ad un pubblico sempre più vasto i loro lavori. Frequenti sono i contatti con altri circoli, e le visite a mostre ed esposizioni importanti per affinare l’occhio anche grazie alla attenta osservazione e studio dei lavori dei grandi maestri.

In questo spirito di migliorare continuamente, dopo vari corsi di fotografia e di fotoritocco, tenuti negli anni scorsi, sta per partire un nuovo corso di fotografia digitale indirizzato a quanti volessero conoscere le basi della fotografia e le nuove possibilità offerte dalle moderne fotocamere digitali.

Per sette sere, con cadenza settimanale il martedì, i partecipanti impareranno ad usare la fotocamera e ad applicare il computer alle immagini, sfruttando la tecnologia digitale per migliorare ancora di più le loro foto. Seguirà una uscita sul territorio per mettere in pratica le nozioni acquisite.

Le lezioni saranno gratuite e riservate agli iscritti Circolo per il 2013,  si svolgeranno in centro a Bondeno, in viale della Repubblica 26, nei locali della Casa Operaia; la prima lezione è prevista il 4 dicembre, alle ore 20.30.

Ci si potrà tesserare la sera stessa delle lezioni; ulteriori info e prenotazioni a fotocircolo@uac.im

Scarica il programma di massima

Calendario delle lezioni – dicembre 2012: 4, 11, 18; gennaio 2013: 8, 15, 22, 29

Michelangelo Miani espone a Bondeno

In occasione della manifestazione “Ricominciamo dal futuro”, nella sede della manifestazione, in Viale Repubblica 26, saranno esposte alcune opere del pittore e illustratore professionista.

Michelangelo Miani

foto di Silvia Bernardini

Autore d’immagini molto coinvolgenti, Miani si occupa di fantascienza e in genere del fantastico, ma anche di astronomia, illustrazioni storiche e per ragazzi. La sua tendenza verso l’immaginario spazia in un’ampia gamma di linguaggi espressivi tra realismo e astrazione, tra complessità e minimalismo.

La partenza di Michelangelo Miani è legata al mondo letterario, all’illustrazione, una forma d’arte molto antica, nata addirittura sui papiri dell’antico Egitto.

“Si tratta di un’illustrazione di grande qualità e raffinatezza formale, indirizzata verso l’universo reinventato eppure plausibile del migliore immaginario fantascientifico.” (Edoardo Di Mauro).

Da questo portfolio d’ illustrazioni, caratterizzate da una perizia ammirevole con un gioco di sfumati straordinario, il percorso dell’artista affronta in seguito la pittura da cavalletto.

“Nelle mie illustrazioni il fantastico e il narrativo si misurano sempre con un elemento realistico, scientifico e tecnologico. Confrontarmi con la sfera pittorica ha significato in primo luogo una assoluta libertà di espressione, una manualità più libera e “distesa” e il poter lavorare su dimensioni sensibilmente maggiori (…) L’elemento centrale, problematico e irrisolto, è proprio nell’ambiguità, anche percettiva, tra il mondo artificiale, tecnologico e quello naturale, biologico, organico e inorganico.” (Michelangelo Miani).

Passando dalla sfera letteraria del libro a quella architettonica della parete, le immagini di Miani diventano più astratte, come in un continuo fluire di fibre innaturali, pur mantenendo l’altissima qualità tecnica che lo contraddistingue, in una sorta di cifra stilistica. Alla base della ricerca pittorica c’è un processo di sintesi, così la descrizione analitica di forme, superfici, materiali perde ogni riferimento a mondi o realtà naturali pur mantenendo una forte visione tridimensionale.

“L’immagine indubbiamente è sempre finzione — dopo Magritte chiederselo è semplicemente ingenuo o in mala fede — ma l’occhio tende ancora a cascarci. (…) In un certo senso si può parlare di visione ravvicinata, ma anche di horror vacui, di saturazione pittorica della superficie, contro qualsiasi esigenza di descrizione o di naturalismo.” (Martina Corgnati). Alla tradizionale tecnica pittorica di gran parte della sua produzione Michelangelo Miani ha aggiunto recentemente una rielaborazione digitale dei suoi stessi lavori, attivando un ulteriore livello di riflessione sull’arte visiva e la sua riproducibilità.

Tutto, comunque all’insegna di quella tendenza alla fantasia che nell’arte permette di leggere dentro, proprio nel profondo di noi.

Orario:

Giovedì 27, 17-19

Venerdì 28, 20.30-22

Sabato 29 , 15-19

Domenica 30 settembre 2012 ,  10-13/15-19

Potete vedere le foto qui: https://picasaweb.google.com/114816629130043718564/RicominciamoDalFuturo?authuser=0&feat=directlink

Riapertura corsi

domenica 30 settembre 2012, in occasione della riapertura dei corsi, sarà organizzato un incontro al parco di Villa Prospera in piena campagna scortichinese.



il programma della giornata sarà il seguente:


arte del tè

ore 14.00 lezione teorico-pratica di taijiquan, baguazhang e daoyin (riservata ai già praticanti)
ore 17.00 breve dimostrazione taijiquan, baguazhang e daoyin (per tutti)
ore 17.30 introduzione all’arte cinese del tè con degustazione (per tutti)

per raggiungere la località non utilizzate il navigatore
che non funziona in queste zone, ma la buona vecchia indicazione a schizzo
che troverete comodamente scaricabile a questa pagina
http://www.villaprospera.com/home.html

Il contributo procapite è di
€ 15 (allenamento + tè)
€ 10 (solo tè)

Indispensabile la prenotazione!



L’evento ha come scopo secondario un atto di solidarietà verso la proprietà della villa che è stata gravemente danneggiata e resa inagibile dal terremoto dello scorso maggio.


Il Serpente Bianco