Ritorno a Maaloula

di Eugenio Palazzini e Alberto Palladino

Maaloula, 3 feb – A Maaloula tutti la chiamano Signora della Pace, ci osserva arrivare dalla cima del brullo crinale che domina la città insieme alle bandiere della Siria sovrana. È la statua della Madonna che i terroristi di al-Nusra abbatterono come primo barbaro gesto non appena occupato questo luogo a un’ora di macchina da Damasco, simbolico ma soprattutto strategico per le sorti del conflitto.

La prima cosa fatta dall’esercito di Assad nell’aprile del 2014 non appena riconquistato il cuore della cristianità siriana, l’unico luogo al mondo dove ancora si parla l’aramaico, la lingua di Gesù Cristo, è stata rimettere al suo posto la Signora della Pace. A compiere questo gesto dal forte significato, non solo per gli abitanti cristiani, furono soldati musulmani dell’esercito governativo. Qua nessuno ha mai colto, con buona pace dei nemici dell’armonia, il concetto di scontro di civiltà.

Maaloula

Torniamo a Maaloula dopo 4 mesi, lo scorso settembre i segni del conflitto erano evidenti, tra edifici distrutti e negozi ancora chiusi a causa della devastazione perpetrata dai terroristi che non esitarono a torturare e uccidere i cittadini di ogni credo fedeli al proprio governo, stuprando le donne e lanciando bombe a casaccio tanto per colpire nel mucchio. Adesso poco è cambiato ma molti abitanti, costretti a fuggire nella vicina capitale sono tornati e il gestore del negozio di fianco al monastero di Santa Tecla ci guarda sorridente. Solo pochi mesi fa il negozio era ancora chiuso e la saracinesca ammaccata era abbassata, crivellata dai buchi delle pallottole. Lo sono ancora molti negozi di Maaloula, chiusi e ammaccati. Eppure la bandiera siriana rosso bianco nera dipinta su ognuno di essi, come sui muri delle case, serve già a dare un segnale di speranza al popolo.

All’interno del monastero sono ancora ben visibili i segni delle martellate sugli antichi mosaici e le preziose Bibbie conservate da secoli nella biblioteca bruciata sono andate perse per sempre. Non esiste più neppure l’hotel Panorama, con la caffetteria italiana La Grotta fino a cinque anni fa punto di ritrovo quotidiano di turisti e pellegrini provenienti da tutto il mondo. È stato l’ultimo edificio della città, in cui si erano asserragliati 4 mila jihadisti, ad essere riconquistato dall’esercito di Assad. Adesso è poco più che un cumulo di macerie. Camminiamo all’interno dell’ex hotel calpestando vetri rotti e cicche di sigarette, il soldato che ci precede era in prima linea nella battaglia finale per la riconquista. È ancora qua, ha lo sguardo limpido di chi ha sconfitto il buio della barbarie, e sorride. Non si muoverà dal suo avamposto, ci dice, “fino alla vittoria finale”.

Vedi Video: Il Primato Nazionale

Fonte: http://www.controinformazione.info/siria-viaggio-a-maaloula-la-citta-cristiana-che-assad-ha-salvato-dai-terroristi/

Annunci

5 thoughts on “Ritorno a Maaloula

  1. La zona cuscinetto (ancora)
    L’idea di ritagliarsi una zona cuscinetto dal territorio siriano risale anche al 2012, quando divenne chiaro che il cambio di regime in stile libico era difficile se non impossibile nell’immediato. L’idea era passare dal ritmo veloce e travolgente della guerra per procura di Stati Uniti ed alleati, sperando nel panico del potere a Damasco, a una guerra per procura ritmata dai “santuari” occupati dalla NATO in Siria. Con la copertura aerea della NATO, i terroristi potevano tranquillamente lanciare operazioni in profondità nel territorio siriano, ampliando lentamente la zona cuscinetto e la no-fly zone de facto della NATO. Alla fine, si previde, che le zone cuscinetto avrebbero portato direttamente al crollo del governo di Damasco. Ancora una volta, lungi dal complottismo, il piano fu discusso apertamente nei circoli politici di Washington. La Brookings Institution, un think-tank politico finanziato da aziende e che aveva stilato le direttive strategiche per avviare i conflitti in Iraq, Afghanistan, Libia e ora Siria, così come i piani per i futuri scontri con l’Iran e oltre, fu esplicita sulla vera natura delle “zone cuscinetto”, in un recente documento intitolato “Distruggere la Siria: una nuova strategia per la guerra senza speranza degli Stati Uniti”, affermando: “…L’idea sarebbe aiutare gli elementi moderati a stabilire zone di sicurezza affidabili in Siria, una volta che potranno. Forze statunitensi, così come saudite, turche, inglesi e giordane, ed altre, agirebbero a sostegno non solo dal cielo, ma infine a terra tramite le forze speciali. Il documento prosegue spiegando: “La fine del gioco in queste zone non sarebbe già decisa. L’obiettivo intermedio sarebbe una Siria confederata, con diverse zone altamente autonome e un modesto (eventuale) governo nazionale. La confederazione probabilmente richiederebbe il sostegno di una forza di pace internazionale, se tale schieramento venisse mai formalizzato da un accordo. Ma nel breve termine, le ambizioni sarebbero minori, rendere queste zone difendibili e governabili, aiutando le popolazioni al loro interno, e addestrando ed equipaggiando altre reclute in modo che le zone possano essere stabilizzate e poi gradualmente ampliate”. Comunque, questo è stato già tentato, in un modo o nell’altro, nel territorio occupato dai terroristi in Siria. Mentre le forze siriane con la copertura aerea russa avanzano a nord di Aleppo, i media occidentali si lamentano che le infrastrutture finanziate dai governi occidentali sono state distrutte. Queste infrastrutture, tra cui i panifici di al-Qaida riforniti di farina dal governo degli Stati Uniti, facevano parte del piano della Brookings per “rendere queste zone governabili”. La presenza delle forze militari russe in Siria ha evidentemente impedito all’occidente di rendere tali zone “difendibili” con l’intervento militare diretto contro le truppe siriane. Come tale piano si attuerà ora resta da vedere. La cosa più probabile è un’incursione limitata nel nord della Siria, sul corridoio Ifrin-Jarabulus sempre più stretto, prima che le forze siriane, russe e curde colmino completamente il vuoto. Con le forze turche e saudite che controllano anche una piccola percentuale del corridoio, i tentativi di espanderlo, come previsto dalla Brookings, potrebbero effettuarsi nel prossimo futuro. La Brookings aveva anche immaginato un coordinamento delle operazioni turche a nord con un attacco israeliano a sud, un’altra opzione probabilmente ancora considerata. C’è anche la possibilità che l’occidente tenti di entrare e prendere una parte considerevole del territorio siriano della regione più orientale della Siria, collegandola con il territorio in Iraq che probabilmente sarà staccato dal governo centrale di Baghdad attraverso tattiche simili.
    https://aurorasito.wordpress.com/2016/02/06/lultima-opzione-della-nato-nella-guerra-per-procura-perduta/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...